CNEWS: i centri di reclutamento dei volontari stranieri in Ucraina sono gestiti dal Pentagono

“Avevo l’impressione di stare con le brigate internazionali e insomma mi ritrovo con il Pentagono…” commenta su CNEWS il grande reporter Régis le Sommier che torna dall’Ucraina e al centro di reclutamento ha incontrato americani in divisa ucraina.

Il grande reporter Régis le Sommier il 10 aprile sull’antenna di Cnews (CNews è un canale di notizie francese di Canal+ Group. Fornisce una copertura di notizie nazionali e globali 24 ore su 24. È la seconda rete di notizie più vista in Francia, dopo BFM TV e prima di LCI e France Info). Il giornalista ha raccontato il suo reportage girato con volontari francesi accorsi in Ucraina per combattere contro i russi.

Precedentemente, il Ministero della Difesa russo ha denunciato la presenza di “molti mercenari stranieri” a Mariupol che combattono dalla parte ucraina, Mentre Kiev a inizio marzo stimava in quasi 20.000 i combattenti stranieri che si erano arruolati nell’esercito ucraino.

Ciò che ha letteralmente colto di sorpresa Régis le Sommier ed i volontari francesi è che ad inquadrare i volontari internazionali non sono gli ucraini ma americani. Nel video che segue Le Sommier racconta:

“Ricorderete che all’inizio c’era un appello del presidente Zelenskiy, che chiedeva volontari internazionali con esperienza di combattimento. Così ho accompagnato tre francesi, uno che prima era stato un soldato, e due che avevano combattuto insieme in Rojava, contro l’ISIS. Voglio dire, sto parlando di persone con esperienza militare. Ho trascorso diversi giorni con loro, e sono rimasto sorpreso, e anche loro, nello scoprire che per entrare nell’esercito ucraino erano gli americani al comando. Siamo stati quasi arrestati, abbiamo litigato con un americano che è venuto a dirci “Qui comando io. Non gli ucraini, ma io”.

I giornalisti Régis le Sommier e Noël Quidu hanno pubblicato l’8 aprile un servizio sulle colonne di Le Figaro dedicato esperienza che alcuni volontari francesi hanno fatto Ucraina.

Régis le Sommier così ha proseguito: “Parlo dell’addestramento e dell’arruolamento di volontari internazionali nelle forze armate ucraine. L’uomo mi ha dato il suo nome, è un veterano della guerra in Iraq, ho fatto la mia verifica, in un reportage che trovate sulla rivista Le Figaro questa settimana.

Ci ha accolto come volontari sin dall’inizio e sono rimasto estremamente scioccato dalla violenza nelle parole di questo americano. Quando ha capito che eravamo giornalisti, ci ha detto di andarcene, e poi ha ottenuto un po’ di più… Eppure, ha detto: “Sono io il comando. Togliete le SIM dai telefoni cellulari, in particolare quelli internazionali. Ti diamo altre SIM». E poi abbiamo firmato un contratto. Un contratto fino alla fine della guerra! E chi comanda? Gli americani. L’ho visto con i miei stessi occhi. Non è la Marina ufficiale degli Stati Uniti, ovviamente. Ma è molto significativo che sappiamo che ieri hanno inviato centinaia di nuove bombe, che si chiamano Switchblades. Sono un tipo di drone che viene sparato da un mortaio che può essere controllato a distanza. Sono nuove armi. Lo hanno ufficialmente fatto. e lo stanno facendo, questa è la verità.

Ho l’impressione, al di là dell’aspetto romantico di questa guerra, di aver pensato di andare con le brigate internazionali e di aver trovato il Pentagono”. – fine citazione –

Sebbene non coinvolga ufficialmente nessun esercito occidentale straniero sul fronte, il conflitto ucraino ha visto l’arrivo di molti combattenti volontari su richiesta di Volodymyr Zelensky.

Questo è particolarmente vero per diversi volontari francesi. Di ritorno dall’Ucraina i volontari francesi hanno riferito che si sono resi conto che tutto il reclutamento e l’organizzazione dei volontari è gestito da americani: “Ci sono anche anarchici che combattono dalla parte ucraina“, testimonia ad esempio Régis le Sommier, secondo il quale questi uomini sono “avevano l’idea di integrare le brigate internazionali “. “E alla fine è stata un po’ una doccia fredda quando ci siamo resi conto che sono gli americani a inquadrare il tutto […] È un po’ di carne da cannone che se ne va“, ha detto il giornalista.

Il 9 aprile, il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha riferito che le forze armate russe ei loro alleati avevano intercettato le comunicazioni radio a conferma della presenza di numerosi mercenari stranieri nell’area di Mariupol.

unnamed file 15 448x2931 1
A écouter. Témoignage très instructif du grand reporter @LeSommierRgis Je ne peux rien faire pour ceux qui ont décidé de ne pas voir et de rester dans leurs croyances confortables. C’est sans doute l’explication de leurs insultes violentes sur twitter. https://t.co/i2xTC2HNrk

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.