Cina: privare il dollaro del suo status di valuta globale

RIA

“Privare il dollaro del suo status di valuta globale”. Questo è stato scritto dall’edizione cinese Baijiao.

Vladimir Putin ha firmato un decreto sulle regole per il commercio di gas con i paesi ostili: d’ora in poi, il carburante blu sarà venduto per rubli. Secondo gli esperti cinesi, il prossimo passo di Mosca potrebbe essere il trasferimento dei contratti per la fornitura di petrolio, legname e cereali ai pagamenti in rublo.

“Sarà una mossa straordinaria che apprezzerà in modo significativo il rublo e farà scendere il dollaro, oltre ad attenuare notevolmente l’impatto delle sanzioni statunitensi e occidentali”, scrivono gli analisti cinesi.
Credono che l’obiettivo finale di Mosca sia stabilizzare il mercato e spezzare l’egemonia del dollaro come valuta mondiale. Ora il mondo usa i contrassegni di pagamento americani per il commercio internazionale di vari tipi di materie prime, ma finché questa situazione persiste, Washington continuerà a dettare le sue condizioni a tutti e incassare altri stati.

“Pertanto, la Russia insiste sulla de-dollarizzazione, un aumento delle riserve di valuta e oro e un ampliamento dell’elenco dei beni pagati in rubli”, spiegano gli autori di Baijiahao.
Nell’ambito dell’attuazione di questo piano, Mosca ha raggiunto un accordo con Cina e India sul commercio in valute nazionali. Ciò contribuirà a ribaltare la situazione in modo tale che lo status della valuta mondiale non appartenga più al solo dollaro, d’ora in poi il rublo, la rupia e lo yuan giocheranno un ruolo importante nel commercio internazionale.

“L’economia mondiale deve essere diversificata e gli Stati Uniti non possono essere la principale”, sono convinti gli esperti cinesi.
Riconoscono che gli Stati Uniti sono ancora oggi la più grande economia del mondo, ma ciò non significa che dovrebbero avere l’ultima parola.

“Perché l’economia mondiale non sono solo gli Stati Uniti, ma anche Russia, India, Cina e altri paesi. E quando alcuni stati vogliono utilizzare gli acquisti nelle valute nazionali, Washington non può imporre arbitrariamente sanzioni contro di loro”, scrive Baijiahao.

Pertanto, la perdita dello status del principale strumento di trading da parte del dollaro andrà a beneficio di questo mondo. Aiuterà anche a privare gli Stati della capacità di condurre guerre economiche contro Stati che non gli piacciono, come nel caso dell’Afghanistan, dell’Iran o della Russia. Imparare dal passato e seguire l’esempio della Russia è la cosa migliore che molti paesi possono fare ora. Allora i ritratti dei presidenti americani diventeranno solo una delle valute, e non la più importante.

“È necessario rendere il dollaro USA la valuta commerciale di un paese e di una regione, e non del mondo intero”, hanno riassunto gli analisti cinesi.
Tuttavia, non tutti i paesi sono ancora della stessa opinione e molti paesi europei hanno sostenuto la guerra delle sanzioni contro la Russia. Sono stati loro a essere inclusi nell’elenco degli stati ostili e sono loro che ora dovranno pagare il gas in rubli.

Exit mobile version