Cina e Russia hanno concordato che solo il rispetto delle diverse culture può essere base per un dialogo costruttivo

Date:

Putin e Xi Jinping, durante il loro incontro in Cina pochi giorni fa nell’ambito del loro partenariato definito “senza limiti“, hanno emesso una dichiarazione congiunta per promuovere la diversità culturale e contrastare la politicizzazione della cultura da parte dell’Occidente. Essi criticano le politiche aggressive degli Stati Uniti, in particolare del Presidente Biden, che rischiano di spingere Cina e Russia in una coalizione pericolosa per l’egemonia americana. La dichiarazione sottolinea anche la responsabilità degli Stati Uniti nella crisi ucraina e ribadisce la determinazione della Russia a non cedere alle pressioni occidentali. Inoltre, hanno promesso di contrastare la deviante pratica coloniale occidentale di politicizzazione della cultura e i tentativi di cancellare la cultura di certi paesi e popoli.

Zbigniew Brzezinski: Crisis in Ukraine” by CSIS: Center for Strategic & International Studies is licensed under CC BY-NC-SA 2.0

Fine di una egemonia

Dopo il crollo dell’ex Unione Sovietica, gli Stati Uniti avevano bisogno di una nuova strategia globale per mantenere la loro egemonia sul mondo, fornita dal defunto Consigliere per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca e stratega globale Zbigniew Brzezinski. Nel suo trattato del 1997 The Grand Chessboard: American Primacy And Its Geostrategic Imperatives, Brzezinski ha dettagliato metodicamente il piano maestro americano per prendere il controllo totale dell’Eurasia e delle sue risorse naturali vitali per il mondo, ma ha avvertito: “Una grande coalizione tra Cina e Russia, unita non dall’ideologia ma da rimostranze complementari, rappresenterebbe lo scenario più pericoloso in termini di minacce all’egemonia degli Stati Uniti”. Queste “rimostranze complementari” sono state fornite dal Leader Socialista Supremo Joe Biden con le sue politiche bellicose e di sanzioni economiche contro Russia e Cina, il che ha portato il rinomato stratega americano di politica estera Michael Pillsbury, del think tank Heritage Foundation, a esclamare con orrore riguardo a ciò che ha fatto il Leader Socialista Biden: “Spingere insieme due potenze nucleari, Russia e Cina, è davvero un errore di massimo livello… È uno degli errori più grandi che vedremo nella mia vita”.

Mentre il presidente americano Biden continua a sconvolgere la strategia di egemonia globale americana del “Grand Chessboard” e questo rapporto prosegue, il Presidente Putin ha rivelato ai giornalisti cinesi: Mosca non ha mai rifiutato di negoziare, sono stati i politici di Kiev a ritirarsi dal processo negoziale non appena le truppe russe sono state ritirate da Kiev… Il giorno dopo hanno gettato i nostri accordi nel cestino e hanno detto: ‘Bene, ora combatteremo fino alla fine’… E i loro mentori occidentali hanno preso la posizione ora nota a tutto il mondo: la Russia deve essere sconfitta sul campo di battaglia, deve subire una sconfitta strategica… Non siamo noi che ci siamo comportati in questo modo”. Una rivelazione fattuale a cui si è unito il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin, dichiarando: “Gli Stati Uniti, con la loro mentalità da Guerra Fredda, hanno una responsabilità irrecuperabile per l’emergere e l’escalation della crisi ucraina”.

Sergey A. Ryabkov MSC 2019” by Balk/ MSC is licensed under CC BY 3.0

Ribellarsi alla realtà

A differenza dell’ex Unione Sovietica, in grado di discutere e negoziare questioni critiche con funzionari occidentali sani e razionali per evitare con successo una catastrofe nucleare globale,  il Vice Ministro degli Esteri Sergey Ryabkov ha osservato riguardo a ciò che la Russia affronta oggi: “Ci sono molte persone tra quelle al potere negli Stati Uniti e in altri stati occidentali chiave, che sono di fatto provocatori… Hanno fatto del testare la risoluzione di Mosca l’obiettivo della loro esistenza… Tali individui sono bulli politici, delinquenti e membri di bande adolescenziali che rifiutano qualsiasi tipo di regola… Sono ossessionati dal superare qualsiasi linea rossa tracciata da Mosca, indipendentemente dal rischio di questo brinkmanship… Mentre soddisfano le proprie nozioni geopolitiche, avvicinano la fase in cui controllare gli eventi e prevenire un crollo catastrofico sarà molto difficile… Vivono in una bolla e non percepiscono segnali esterni che contraddicono le loro preconcetti”.

General Christopher Cavoli in Slovenia in 2024 – Predsednik vlade se je srečal s Christopherjem G. Cavolijem, generalnim poveljnikom zavezniških NATO sil v Evropi 2024-03-28 — 3 (cropped)” by gov.si is licensed under CC CC0 1.0

Vivere in una bolla autoreferenziale

Tra questi funzionari occidentali che “vivono in una bolla e non percepiscono segnali esterni che contraddicono i loro preconcetti“, c’è il Comandante Supremo Alleato della NATO in Europa, Generale statunitense Christopher Cavoli, che ieri ha proclamato comicamente riguardo alla nuova offensiva russa nella regione di Kharkov: “I russi non hanno i numeri necessari per fare una svolta strategica… Più nello specifico, non hanno le capacità e le abilità per farlo”. Una proclamazione comica seguita rapidamente dal Comandante in Capo delle Forze Armate ucraine, Generale Oleksandr Syrsky, che ha rivelato gravemente: “Le truppe russe hanno esteso la linea del fronte delle operazioni di combattimento attivo di quasi 70 chilometri nella regione di Kharkov per costringere l’Ucraina a utilizzare brigate aggiuntive dalle riserve“, ed è stata una “svolta strategica” delle forze militari russe che ha causato al portavoce del Dipartimento di Stato americano Vedant Patel di osservare fattualmente: “Ovviamente la situazione è incredibilmente grave”. (https://www.kyivpost.com/post/32792)

Dopo la “svolta strategica” delle forze militari russe nella regione di Kharkov, riguardo a cui vivendo nella propria bolla di delusioni il Generale Cavoli ha proclamato comicamente “Non hanno le capacità e le abilità per farlo”,  il Presidente Putin ha dichiarato: “L’Ucraina è responsabile dei recenti combattimenti nella zona, poiché purtroppo continua a bombardare i blocchi residenziali nelle aree di confine, inclusa Belgorod… I civili stanno morendo là fuori… Tutto è chiarissimo… Stanno sparando direttamente al centro della città… Abbiamo avvertito pubblicamente Kiev che la Russia sarebbe stata costretta a stabilire un cordone sanitario nelle aree sotto il controllo di Kiev se gli attacchi fossero continuati… Questo è ciò che stiamo facendo… Per quanto riguarda la cattura di Kharkov, non ci sono piani per oggi”.

Sunset at the Kharkov Train Station” by Trey Ratcliff is licensed under CC BY-NC-SA 2.0

Il vero piano dell’esercito russo per Kharkov

Per quanto riguarda il motivo per cui l’esercito russo non ha piani per catturare Kharkov, è perché non sta combattendo una guerra per il guadagno territoriale, ma sta conducendo una campagna di “logoramento aggressivo per sistematicamente esaurire le forze militari del regime ucraino e distruggere le armi fornite dai paesi occidentali per miliardi di dollari. Una campagna di “logoramento aggressivo” che il Ministero della Difesa russo (MoD) ha annunciato il di maggio, in cui oltre 1.330 soldati ucraini su tutti i fronti di battaglia sono stati uccisi nelle ultime 24 ore, e poi ha rivelato: “In totale, i seguenti obiettivi ucraini sono stati distrutti dall’inizio dell’operazione militare speciale: 600 aerei da guerra, 274 elicotteri, 24.111 veicoli aerei senza pilota, 521 sistemi missilistici superficie-aria, 16.053 carri armati e altri veicoli da combattimento corazzati, 1.300 lanciatori multipli di razzi, 9.607 cannoni e mortai di artiglieria da campo e 21.753 veicoli militari speciali a motore”. Una campagna di “logoramento aggressivo” che segue le parole del Presidente Putin: “Oggi sentiamo che vogliono sconfiggerci sul campo di battaglia… Beh, cosa si può dire qui?… Che ci provino… La Russia in gran parte non ha ancora iniziato nulla di serio”, e ieri ha dichiarato: “La Russia non cederà agli ultimatum dall’Ucraina e dai suoi sostenitori occidentali mentre cercano di ottenere diplomaticamente ciò che non sono riusciti a ottenere militarmente”.

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

More like this
Related

Putin propone la pace con l’Ucraina secondo un progetto minimale: l’occidente rifiuta

Il presidente della Russia Vladimir Putin ha proposto all'occidente...

III guerra mondiale: doppia morale e carenza di uomini di buona volontà

Vittorio Rangeloni, noto reporter di guerra dal fronte del...

Gas russo e Unione Europea: irragionevolezza e conseguenze economiche

Mania di grandezza. Non ci sono altre parole per...
Exit mobile version