Chomsky sulla guerra Ucraina: gli USA “sapevano come sarebbe finito”

Dopo le recenti prese di posizione di papa Francesco sulle origini della guerra Ucraina, che ha indicato che la NATO ha favorito le condizioni perchè ciò accadesse, propongo anche il giudizio del prof Chomsky,

La fonte è una nota pubblicazione polacca, il più antico settimanale polacco, Myśl Polska:

In una delle recenti interviste, il prof. Noam Chomsky , un eccezionale linguista, filosofo americano e allo stesso tempo un critico radicale del neoliberismo e della globalizzazione, ha parlato delle cause della guerra in Ucraina.

Sapevano come sarebbe finito

Come ha affermato, a suo avviso le conseguenze della politica di Washington non sono state difficili da prevedere. Ha anche ricordato che da anni  alcuni politici ed esperti in rappresentanza di varie correnti politiche, mettevano in guardia contro le conseguenze di determinate azioni. Ne ha parlato l’ex capo della Central Intelligence Agency (CIA) , Stansfield Turner , ma anche l’attuale capo di questo servizio, William Burns . Questo è stato compreso dai diplomatici, come l’ex ambasciatore presso l’Unione Sovietica, lo storico Jack Matlock , e uno dei più eminenti esperti americani nell’Est sovietico, George Kennan . Anche “falchi” come l’ex segretario della Marina Paul Nitze .“Per 35 anni le autorità statunitensi e americane hanno avvertito che ignorare gli interessi di sicurezza russi e la continua espansione della NATO è stato un gioco pericoloso, irragionevole e provocatorio”, ha affermato Chomsky.

Secondo lo scienziato americano, basta fare una ricerca in Internet per qualche minuto sui siti degli archivi ufficiali diplomatici e governativi per scoprire che prima della riunificazione della Germania, George Bush Sr. aveva comunicato con Mikhail Gorbachev , garantendogli che la NATO si sarebbe mossa verso est superando la linea dell’Odra.

Frode

Bill Clinton non si è tirato indietro da questi impegni, dicendo al suo partner russo, il presidente Boris Eltsin , che le sue dichiarazioni di ammissione dei paesi dell’Europa centrale e orientale all’Alleanza del Nord Atlantico erano solo uno stratagemma elettorale contro le minoranze che vivono negli Stati Uniti. “Nel 1997 Clinton ha infranto le promesse degli Stati Uniti e ha invitato i paesi del cosiddetto gruppo di Visegrad all’interno dell’Alleanza e il suo successore, Bush Jr., ha spalancato la porta a tutti. Praticamente tutti sono stati invitati, persino l’Ucraina “, ricorda Chomsky.

L’ amministrazione di George W. Bush si è concentrata sulla provocazione di Mosca e sull’annuncio costante dell’espansione della sua influenza nell’area post-sovietica. “Francia e Germania lo hanno fermato, ma l’influenza degli Stati Uniti è stata così grande che la questione era ancora all’ordine del giorno”, afferma lo scienziato americano.

Biden 

“Ricordate l’operazione Barbarossa e allora capirete perché nessuno dei leader russi – né Gorbaciov né nessun altro – potrebbe accettare che Ucraina e Georgia aderiscano alla NATO”, ha affermato Chomsky. Ha sottolineato che l’esistenza di questa sottile linea rossa è stata più che ovvia nel corso degli anni.

Nonostante gli avvertimenti, l’intera situazione è continuata. “Era chiaramente visibile dopo l’Euromaidan nel 2014, quando gli Stati Uniti hanno iniziato a consegnare armi pesanti all’Ucraina, offrire addestramento avanzato ai militari ucraini, organizzare esercitazioni militari congiunte e nessuno ha nemmeno provato a renderlo segreto”, ha ricordato .

La tendenza si è intensificata con l’ascesa al potere di Joe Biden . Nel settembre 2021 sono state annunciate ulteriori azioni, che hanno costituito il Piano delle azioni preparatorie per l’adesione alla NATO. “Il Dipartimento di Stato ha ammesso che le preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza non sono state affatto prese in considerazione nell’elaborazione di tutte queste attività prebelliche”, osserva Chomsky.

Indipendentemente da tutte le altre valutazioni e circostanze, Noam Chomsky indica fonti obiettive e facilmente verificabili che suggeriscono che Washington abbia effettivamente istigato deliberatamente il conflitto armato. Washington doveva essere consapevole del fatto che “non esiste un confine conveniente tra Mosca e Kiev, si estende solo una vasta area pianeggiante di pianura. Sottolineo: era tutto ovvio” – ha riassunto Chomsky.

****

dalla pubblicazione polacca Myśl Polska (l più antico settimanale polacco) – link: (https://myslpolska.info/2022/06/14/chomsky-waszyngton-mogl-uniknac-wojny/)

Exit mobile version