Chiese vandalizzate dai migranti nell’isola di Lesbo

Come parte del Programma di aiuti dell’Ungheria, il governo ungherese sta contribuendo con 10 milioni di HUF (€ 30.000) alla ristrutturazione di chiese vandalizzate da immigrati clandestini sull’isola greca di Lesbo, ha annunciato il governo .

Quest’anno, i migranti sull’isola hanno attaccato diversi luoghi sacri e, secondo quanto riferito, usano tali attacchi come una forma violenta di protesta contro il fatto che le autorità greche stanno impedendo la loro migrazione illegale verso l’Europa occidentale. In conseguenza di atti di vandalismo, diversi oggetti liturgici e gli arredi delle chiese sono stati gravemente danneggiati.

Vicino alla città di Moria a Lesbo, la chiesa di Hagis Georgios è stata attaccata a marzo e poi ad aprile, anche la chiesa di Saint Raphael è stata attaccata dai migranti. Il danno includeva porte rotte e ulteriori distruzioni all’interno della chiesa.

Questi non furono neppure i primi attacchi alle chiese in Grecia, con la chiesa di Hagios Haralambos a Chios danneggiata anche dai migranti che incendiarono l’altare della chiesa e distrussero l’interno della chiesa.

L’autogoverno della minoranza etnica greca in Ungheria ha contattato l’Ufficio del Primo Ministro ungherese per chiedere assistenza, in risposta alla quale il governo ha deciso di concedere un aiuto finanziario per la ristrutturazione dei luoghi di culto.

“Riteniamo che gli aiuti debbano essere portati dove ci sono problemi piuttosto che portare problemi qui”, ha detto l’Ufficio del Primo Ministro.

In un tweet, il Ministro di Stato per l’aiuto ai cristiani perseguitati e l’implementazione del programma di aiuti ungherese Tristan Azbej ha pubblicato due immagini delle chiese vandalizzate e ha scritto ” Spero che i nostri messaggi sulla protezione dell’eredità cristiana e sulla migrazione illegale passino”.

Lesbo ospita 25.000 migranti e i campi di immigrazione sono pericolosamente sovraffollati. I residenti hanno regolarmente protestato contro il flusso costante di migranti che arrivano sulla loro isola per anni.

La minoranza etnica greca arrivò in Ungheria in due ondate: la prima consisteva principalmente di soggetti dell’Impero ottomano dopo il Trattato di Karlowitz del 1699 che segnò la fine dell’occupazione turca dell’Europa centrale, mentre la seconda ondata arrivò durante il greco del 1946-1949 guerra civile. Mentre molti di quelli della seconda ondata sono tornati a casa dopo la fine del conflitto, alcuni sono rimasti in Ungheria e hanno assunto la cittadinanza ungherese.

Come riportato in precedenza da Remix News, gli attacchi contro i cristiani in Europa hanno raggiunto il massimo storico lo scorso anno, con la profanazione di chiese, spesso commesse da migranti, in atto in tutto il continente.

fonte: Remix News

Immagine del titolo: Chiesa vandalizzata dai migranti sull’isola greca di Lesbo. (fonte: Twitter)

Exit mobile version