Chi ha sogni di “rivoluzioni colorate”?

Dalla rivista di geopolitica Russtrat.ru, un interessante articolo di Victor Anisimov:

8 gennaio 2022

Il presidente russo Vladimir Putin in un’intervista con la compagnia televisiva e radiofonica Mir nel 2017 ha affermato che la Russia è estremamente interessata alla stabilità nello spazio post-sovietico. Tra le minacce ha citato le tecnologie che portano alla destabilizzazione dello stato.

Che tipo di tecnologie sono queste – ha spiegato il ministro della Difesa Sergei Shoigu -, sono “rivoluzioni colorate” che consentono “con un dispendio minimo di risorse e un uso limitato delle proprie armi e forze armate ,di schiacciare i poteri regionali, raggiungendo obiettivi politici ed economici”.

“Rivoluzioni colorate” è un nome collettivo usato per indicare i processi di cambio di potere avvenuti all’inizio del 21° secolo in sei stati dell’Europa orientale, dell’Asia centrale e del Nord Africa: in Jugoslavia (“rivoluzione bulldozer” nel 2000), Georgia (“rivoluzione delle rose” ” nel 2003), in Ucraina (due volte: la “Rivoluzione arancione” nel 2004 e “Euromaidan” nel 2014), in Kirghizistan (“Rivoluzione dei tulipani” nel 2005), Tunisia (“Rivoluzione dei gelsomini” nel 2011) ed Egitto (“Data rivoluzione” nel 2011).

Alla stessa serie si possono aggiungere i moti di protesta del dicembre 2011 nella città di Zhanaozen della Repubblica del Kazakistan e dell’agosto 2020 in Bielorussia (a differenza di quelli sopra elencati, non hanno portato a un cambio di potere).

La maggior parte di questi Stati appartiene ai paesi che facevano parte dell’Unione Sovietica, del campo socialista (come la Jugoslavia) o che ne erano in stretto contatto (Egitto, Tunisia). A differenza dei colpi di stato militari, sono attuati dagli stessi cittadini del Paese, a partire da manifestazioni pacifiche, che poi arrivano a un confronto attivo con le autorità, anche con l’uso delle armi, il che porta alla caduta dei regimi stabiliti.

Combinare il cambiamento dei regimi nei diversi stati in una categoria con un termine generale, consente la somiglianza dei processi, nonché la specificità dei paesi in cui sono stati effettuati.

Nella mappa sopra, vedete che tutte le “rivoluzioni arancioni” registrate si trovano intorno al territorio della Federazione Russa. L’inizio delle azioni attive cade alla fine dell’anno solare. La domanda “chi ne beneficia” rimane aperta.

Dopo il crollo dell’URSS, il mondo bipolare è diventato un mondo unipolare guidato dagli Stati Uniti, per cui la divisione delle sfere di influenza è diventata il punto principale della geopolitica. La ricreazione di un’unione di stati precedentemente uniti, in primo luogo, era svantaggiosa per la civiltà occidentale. È molto più facile esercitare un’influenza su stati divisi che su quelli riuniti in un pugno. Ecco perché [oggi] la questione [della funzionalità] dell’indebolimento del potere all’interno del Paese. Che è esattamente quello che è successo.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, le società e le società transnazionali sono state attivamente impegnate nella monopolizzazione dell’estrazione di risorse naturali, nell’importazione di “cervelli” e nella subordinazione delle economie. Queste società sono un altro beneficiario oltre alle potenze occidentali. L’azione è accompagnata dall’instillare una visione del mondo capitalista, dall’imposizione di una percezione di falsi ideali democratici.

La storia non fornisce un solo caso in cui questi processi hanno portato allo sviluppo qualitativo di stati che hanno subito tali cambiamenti. Il tenore di vita nei paesi delle rivoluzioni vittoriose può essere giudicato dal loro posto nelle classifiche internazionali. Il più autorevole è l’Indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite. La Russia occupa il 52° posto, Bielorussia – 52. Allo stesso tempo, i paesi sconfitti dalle rivoluzioni colorate occupano: Georgia – 61, Serbia – 64, Ucraina – 74, Kirghizistan – 120 posto. I risultati delle riforme del colore si vedono in Siria e Libia.

Le teorie sui metodi per rovesciare regimi politici discutibili sono state sviluppate da autori americani che sono anche statisti e figure politiche degli Stati Uniti a cavallo tra il XX e il XXI secolo: Joseph Nye, J. Sharp, Z. Brzezinski, Michael E. McFaul, John F. Tefft, G. Hale, G. Kissinger.

La maggior parte degli autori di cui sopra mette in pratica le proprie ricerche teoriche, avvalendosi dell’esperienza maturata in molti anni di lavoro al Pentagono, al Dipartimento di Stato, alla Casa Bianca, al National Intelligence Council, al National Security Council e in alte cariche diplomatiche. Hanno anche eliminato le basi ideologiche dei colpi di stato a colori. Pertanto, il transito della democrazia in stile occidentale è visto come parte della strategia di politica estera e una questione di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Da questo ambiente, vorrei evidenziare separatamente Gene Sharp e Joseph Nye. Il primo è considerato “Machiavelli della lotta non violenta”, cosa non del tutto giustificata con le sue stesse parole. Ha raccolto e descritto in dettaglio nel saggio “Dalla dittatura alla democrazia” quasi duecento metodi di lotta non violenta, nonché alcune opzioni per la loro interazione.

A capo di un gruppo di rappresentanti dell’Albert Einstein Institute (una ONG da lui creata che si occupa dello studio della resistenza nonviolenta), ha aiutato i paesi baltici a “combattere per l’indipendenza” nel 1990-1991. La partecipazione al manuale di formazione, scritto sulla base del suo lavoro e tradotto in quasi 40 lingue, questa “istruzione sui colpi di stato” – questo non è più merito suo.

Gene Sharp (ora deceduto) ha detto che lui, come scrittore e autore di manuali, era contento che i suoi testi potessero cambiare qualcosa nel mondo, ma ha esortato a non esagerare il ruolo dei suoi libri: “Puoi stampare qualsiasi cosa, e questi sono solo pezzi di carta che giacciono sul tavolo. Le persone che fanno il lavoro meritano di essere elogiate”.

Si può citare un altro esempio: il famoso fucile d’assalto, sviluppato da Mikhail Timofeevich Kalashnikov, è usato in tutto il mondo, e capita sia nelle mani “buone” che in quelle “cattive”. E il lato morale della domanda sul suo uso non può essere imputato al famoso progettista.

Tuttavia, Sharp ha gettato le basi, poi perfezionato e utilizzato nella pratica. Il postulato principale è che nessun potere può essere omogeneo. E anche la verticale più potente, alla fine, è fatta di persone: «Ci sono culture diverse, lingue e religioni diverse. Ma quando si tratta di questo lavoro, tutte le persone sono uguali. ”- Gene Sharp.

La tecnica si riduce a trovare i punti deboli del regime. Per fare ciò, ha ricercato e sistematizzato strumenti specifici. Ad esempio: rifiuto di collaborare con le autorità: rifiuto sociale (comprende 16 metodi), politico (38 metodi) ed economico. Quest’ultima categoria, a sua volta, è suddivisa in boicottaggi (26 metodi) e scioperi (23 metodi).

Il politologo Joseph Nye ha dato un contributo molto più ampio alla pratica dell’uso delle rivoluzioni colorate. Nel 1990 ha sviluppato il concetto di “soft power”. La sua politica di promozione è associata alla divulgazione e promozione della propria cultura, lingua e valori culturali occidentali. Allo stesso tempo, le risorse e le tecnologie del “soft power” vengono utilizzate per minare la struttura statale e sociale di un altro paese, la sua sovranità.

La biografia di Nye consente di concludere che è questa tecnologia la base per l’attuazione delle rivoluzioni cromatiche, anche nello spazio post-sovietico. Ha ricoperto i seguenti incarichi: Presidente del National Intelligence Council, Vice Ministro della Difesa per la Sicurezza Internazionale. Consigliò l’amministrazione Bill Clinton e poi Barack Obama. Inutile dire che è stato durante il periodo della guida statunitense di questi presidenti che tutti i colpi di stato di cui sopra sono “accaduti”.

Negli ultimi anni, J. Nye ha sviluppato il concetto di “potere intelligente”, la cui base teorica è la capacità di coordinare e combinare le capacità e le risorse delle forze “morbide” e “dure”. Naturalmente, la tecnologia delle rivoluzioni del colore non può essere attribuita esclusivamente al “soft power”. Ma anche nella sfera dei metodi “non energici”, gli strateghi politici nordamericani sono molto duri.

I “doppi standard” e la propaganda ideologica aggressiva sono utilizzati attivamente nei media occidentali, soprattutto nei casi in cui gli eventi non si sviluppano secondo lo scenario degli anglosassoni. Pertanto, la separazione del Kosovo dalla Serbia è vista come un diritto democratico dei cittadini all’autodeterminazione ei referendum sull’indipendenza della Crimea e dell’Ucraina sudorientale sono una manifestazione di separatismo.

Gli attori diretti sono vari partiti politici, ONG, movimenti giovanili, media, social network. Vengono utilizzati attivamente strumenti semiotici: simboli, immagini, idee, miti.

Un’analisi degli eventi in Jugoslavia, Kirghizistan, Kazakistan e Ucraina ha permesso di identificare una serie di caratteristiche e modelli:

a) contenuto e nella sequenza delle azioni;

b) tecnologie applicate.

L’algoritmo generalizzato ha nove componenti:

1. Ricercare il potenziale ‘energetico’ di gruppi pubblici in grado di partecipare alla rivoluzione o alla loro creazione, anche attraverso le ONG.

2. Individuazione (o creazione) di partiti politici, associazioni pubbliche, movimenti (come “contro la raccolta dei rifiuti”, es.”anti-vaccinazione”), che possono diventare il motore della protesta politica.

3. Formazione in campi giovanili paramilitari, sia sul territorio del paese del colpo di stato, sia sul territorio di paesi terzi di speciali “forze d’urto della rivoluzione” attraverso formazioni speciali.

4. Costruire una catena di obiettivi pratici il più vicino possibile alle reali richieste delle masse (ad esempio, sull’aumento del salario di sussistenza – è da incolpare esclusivamente la leadership che deve essere rimossa) .

5. Garantire il vantaggio dei media dell’opposizione all’interno del paese, nonché il sostegno all’opposizione nei media internazionali.

6. L’uso di azioni spettacolari di massa per risvegliare gli insoddisfatti all’attività (figa-destra, processioni con bandiere, “accendere una candela”, vari flash mob, concerti).

7. Portare la società in uno stato di anarchia, organizzare rivolte, affrontare le forze di sicurezza (lanciarsi sugli scudi della polizia sotto le telecamere, lanciare bombe molotov contro agenti di sicurezza, consegnare fiori agli agenti di sicurezza, inginocchiarsi davanti al cordone, ecc.). Allo stesso tempo, l’avanzamento di richieste e ultimatum alle autorità.

8. Nomina del capo dell’opinione pubblica alla carica di capo dello Stato. Attuazione della gestione attraverso specialisti appositamente formati.

9. Dopo la presa del potere, condurre epurazioni segrete nell’apparato statale.

Con la digitalizzazione globale, le “tecnologie del colore” si sono arricchite di una serie di strumenti specifici. Convenzionalmente, possono essere suddivisi in due categorie principali: digitali (tenuti nello spazio informativo) e non digitali (tenuti fuori dal campo informativo nelle strade, nelle piazze, ecc.).

C’è abbondanza di terreno per la germinazione delle “rivoluzioni colorate”: crisi economiche, situazione epidemiologica sfavorevole causata dal COVID-19, tensione sociale causata dalla concentrazione della ricchezza nelle mani di un piccolo gruppo di popolazione. In certi ambienti della società ci saranno sempre stati d’animo di protesta, come è consuetudine. Per ripetere le parole di Sharpe riportate all’inizio dell’articolo: “Ci sono diverse culture, diverse lingue e religioni. Ma se parliamo di questo lavoro, tutte le persone sono uguali”.

Nelle condizioni in cui le “rivoluzioni arancioni” hanno conquistato molti dei nostri vicini, quando viene indicata direttamente la minaccia alla sovranità della Federazione Russa, è necessario sviluppare un sistema statale efficace per contrastare le rivoluzioni colorate.

Ci sono molte contromisure da considerare. Compreso il controllo dello spazio informativo, le ONG, il lavoro mirato delle strutture speciali pertinenti. Tuttavia, ci sembra che tutti i processi designati di tentativi di ricostruzione saranno livellati in una società altamente istruita costruita sui valori morali ed etici ricevuti in famiglia.

Al riguardo, è necessario puntare su due aree principali: l’istruzione, soprattutto primaria e secondaria, oltre al rafforzamento dell’istituto della famiglia, più ampio sostegno alle famiglie numerose.

Le contromisure associate includono:

– la creazione di un’ideologia comune per tutti i popoli della Federazione Russa, identità civica, idea nazionale;

– un sistema di redistribuzione del reddito volto a creare una classe media, sradicando gruppi di popolazione eccessivamente ricca;

– lo sviluppo di una società civile patriottica, la creazione di organizzazioni pubbliche realmente attive e interessanti per i vari gruppi sociali (soprattutto giovani, e di tutte le regioni del Paese) con un’agenda positiva;

– il sistema degli incarichi pubblici, nonché comunali attraverso il sistema del credito sociale, quando la popolazione di una determinata località può in qualsiasi momento sostituirsi al capo esprimendo sfiducia in lui, o dando una valutazione (come nel stesso MFC “come si valuta il lavoro di un dipendente”).

Dovremmo partire dal presupposto che una Russia forte e unita, così come i suoi vicini, non è redditizia per l’Occidente collettivo. Se è impossibile condurre una guerra “calda”, entreranno in azione le rivoluzioni cognitive e le “rivoluzioni arancioni”. Questo deve essere compreso sia al livello più alto che a livello familiare. I prerequisiti per questo esistono già: vale la pena ricordare gli stessi spettacoli a Bolotnaya, guardando il livello dell’istruzione secondaria domestica.

La società ha bisogno di un consolidamento sulla base dei valori nazionali, delle idee nazionali, la prima e principale delle quali potrebbe essere la famiglia russa. Non dobbiamo dimenticare la necessità di un’istruzione e di un’assistenza sanitaria di qualità. Nessuna delle idee è sostenibile senza il supporto di una popolazione istruita e sana.

fonte: https://russtrat-ru/analytics/7-yanvarya-2022-0010-7926?

Exit mobile version