Chi è il Free Syrian Army siriano? (1^ puntata)

Bandiera del Free Syrian Army

Recentemente una giornalista che varie volte è stata immortalata dalla macchina fotografica avvolta dalla bandiera dei ribelli siriani della coalizione ‘Free Syrian Army’ (qui la foto sul sito di Imola Oggi), è stata insignita del cavalierato della Repubblica Italiana . Contro il conferimento di questa onorificenza si è mossa pubblicamente l’on. Meloni, leader di Fratelli d’Italia.  Il fatto ha aperto un vasto dibattito e alcune testate giornalistiche hanno ripreso la notizia commentandola secondo le notizie che sono pubblicamente a disposizione in rete.
Apprendo ora che questa giornalista ha minacciato di querelare tutti coloro che l’hanno additata “vicina agli integralisti islamici”.

Evidentemente esiste una percezione diversa della realtà in quando la suddetta giornalista è evidentemente una supporter del Free Syrian Army (alias ribelli) per sua stessa ammissione. Il tribunale allora dovrebbe attribuirsi il compito di stabilire se il Free Syrian Army è identificabile come un gruppo che racchiude in sé anche gruppi salafiti o meno. La risposta contenuta anche su Wikipedia in proposito è sì, tuttavia in proposito tuttora non esiste univocità  da parte dei giornalisti.

I fatti però sono univoci: l’unica area sostenuta dai ribelli siriani è la provincia di Idlib ed anche gli USA hanno riconosciuto che quest’area è detenuta dai terroristi. Però la giornalista si ostina a dissentire dal definire quest’area in mano ad ipotetici islamisti radicali. Tuttavia Michael Mulroy, vice segretario alla Difesa del Medio Oriente,  nel corso di una conferenza al Centro per Nuova Sicurezza a Washington,  ha detto che “Idlib è essenzialmente la più grande collezione di affiliati di al-Qaida al mondo in questo momento”.

E prima non era meglio. Potrei portare una infinità di esempi e situazioni. Tra tutti cito nel 2016 Aleppo .

La cronaca e non la retorica: ad Aleppo, la Divisione 13 , la Divisione 16 del FSA, Liwa Arar Souriya ed altre fanno parte integrante di un’unica cellula operativa fusa con al Qaeda ed altri gruppi jadisti (si chiama Fatah Halab e si macchiava quotidianamente di crimini come la privazione dell’acqua a 2.000.000 di persone e il bombardamento dei centri residenziali privi di qualsivoglia interesse strategico).

Gli stessi responsabili religiosi siriani, asseriscono chnon esistono ribelli moderati:

Questi bombardamenti provengono dal cosiddetto fronte ‘moderato’, e come tale difeso, protetto e armato. In realtà non differiscono in nulla dagli altri jihadisti (Stato Islamico e al Nusra) se non per il nome solamente. (Vicario Apostolico di Aleppo Mons. Abou Kazen )
https://it.zenit.org/articles/mons-khazen-in-siria-non-esiste-opposizione-moderata/

Si potrebbe allora obiettare che all’inizio della guerriglia non era così. Perciò riporto di seguito stralci alcune autorevoli pubblicazioni che già nel 2012 hanno cercato di chiarire e rispondere a questa domanda, il primo è di Huffpost ed il secondo Obeserver di France 24:

Il primo articolo risale al 2012, si intitola ‘The Dark Side of the Free Syrian Army’ ed è stato pubblicato su ‘Huffpost.com’ (noto fino al 2016 come The Huffington Post questo sito di informazioni  in breve tempo diventato uno dei siti più seguiti del mondo, nel 2011 numero uno della classifica Technorati, che vanta una media di interventi pari a circa un milione al mese e tremila blogger permanenti reclutati tra personaggi politici e dell’informazione) :

The Dark Side of the Free Syrian Army

Ecco la traduzione in Italiano:

di Daniel Wagner

Il recente abbraccio del governo americano sull’esercito siriano libero (FSA) è arrivato in un momento critico nel conflitto siriano. Il momentum sembra essersi spostato a favore della FSA, che è attivamente armata dall’assistenza finanziaria e militare di una pletora di governi stranieri. Il loro messaggio è che vogliono far uscire il presidente Assad, ma non sono disposti a intervenire militarmente nel conflitto, che ha incoraggiato la FSA a fare il lavoro a loro nome.

Detto questo, i media occidentali hanno adottato un orientamento comprensivo verso la FSA e non stanno riportando molti dei dettagli sgradevoli che coincidono con la sua ascesa.In effetti, c’è un brutto aspetto per la FSA che gran parte dei media occidentali e dei suoi sostenitori del governo sembrano essere intenzionalmente trascurati. In sostanza stanno chiudendo un occhio su molte delle violazioni dei diritti umani e azioni contrarie alle loro stesse convinzioni che la FSA sta commettendo al fine di sostenere la cacciata di Assad.

Le questioni relative al cambiamento politico in Siria sono sfaccettate e molto più complesse di quelle riportate dai media occidentali, eppure il conflitto viene dipinto in termini semplicistici in bianco e nero – come una battaglia tra un dittatore che brutalizza il suo popolo e la FSA, che dovrebbe rappresentare le aspirazioni e la futura libertà del popolo siriano.

Di fatto, dei circa 23 milioni di cittadini in Siria, circa otto milioni sono minoranze come cristiani, drusi, alawiti e curdi , rappresentati solo dal governo. Almeno un terzo del popolo siriano sostiene il presidente Assad di default. Molti altri lo supportano in virtù di alleanze con la sua base di supporto.

Il motivo principale per cui Aleppo è stato attaccato dalla FSA è perché era e rimane di supporto al governo. In risposta, la FSA ha agito più come una forza contraria ai cittadini della Siria che una forza intesa a garantire la loro libertà. Ad esempio, nel recente passato ha rubato le riserve di grano destinate agli abitanti di Aleppo e le ha vendute a commercianti di cereali turchi privati, ha espropriato scorte di prodotti farmaceutici e li ha rivenduti con la forza ai suoi proprietari e saccheggiato le scuole. Queste sono difficilmente le azioni di una “forza di liberazione”.

Alla periferia di Aleppo, la FSA ha implementato una forza di polizia della Sharia che è una replica della polizia wahhabita in Arabia Saudita – costringendo i cittadini ordinari a rispettare il codice della Sharia. Questo viene fatto in un paese secolare che non ha mai conosciuto la Sharia. Questo tipo di azione è attualmente in corso anche nel Mali settentrionale, dove l’Occidente ha ufficialmente dichiarato la sua opposizione al governo di al-Qaeda che ha preso il controllo all’inizio di quest’anno. Se ciò che sta accadendo vicino ad Aleppo è rappresentativo di ciò che potrebbe accadere se la FSA assume il controllo della Siria, il paese potrebbe diventare uno stato islamico. È davvero ciò che gli Stati Uniti e altri paesi occidentali intendono sostenere tacitamente?

Anche se è stato ampiamente riportato che oltre 40.000 siriani sono morti nel conflitto negli ultimi 18 mesi, non è stato ampiamente riportato dai media occidentali che 25.000 di questi sono stati dall’esercito siriano – lasciando l’impressione che tutte le morti sono stati civili. Giornali libanesi come Al-Akhbar e Assafir e l’ infowars.com di Alex Jones hanno trasmesso un inquietante video di un bambino dodicenne apparentemente costretto dalla FSA a tagliare la testa a un ufficiale militare siriano. Se tali atrocità fossero più ampiamente riportate in Occidente, sembra improbabile che la FSA godrebbe di un sostegno così ampio. Quindi, sia per intenzione che per design, i media occidentali sostengono tacitamente anche le atrocità dell’FSA.

Inoltre, non ampiamente riportato in Occidente è che molti dei disertori del governo siriano – che erano o diplomatici o impiegati amministrativi – erano stati presumibilmente pagati dal governo del Qatar per disertare. Si sono semplicemente rifiutati di tornare in Siria dai loro incarichi all’estero e si sono rifugiati in Qatar. Nessuno di loro ha assunto posizioni di comando nella FSA, né in effetti nessuno di loro ha preso le armi contro il governo. Stanno vivendo una vita confortevole in Qatar e stanno combattendo la loro “guerra” via Facebook, se non del tutto.

La FSA ha anche preso di mira l’infrastruttura del paese. Una delle principali centrali elettriche di Damasco è stata eliminata per tre giorni la settimana scorsa, con un impatto sul 40% dei residenti della città. I “combattenti per la libertà” in genere attaccano le infrastrutture critiche che colpiscono i cittadini ordinari su una scala di massa? La FSA ha smesso da tempo di prendere di mira esclusivamente obiettivi governativi e militari.

Vi sono anche prove del fatto che i sauditi e i qatariani sostengono con il denaro l’affiliata di al-Qaeda nella FSA (Jabhat al-Nusra) e che la Turchia dia il rifugio a JaN e fornisca formazione in Turchia. Anche se il governo degli Stati Uniti ha ufficialmente dichiarato la sua opposizione a JaN, non esiste un modo efficace per segmentare la sua assistenza finanziaria alla FSA da Jabat al Nusra (JaN), quindi in sostanza è tacitamente accettando di sostenere al-Qaeda per rimuovere Assad.

Per qualche strana ragione, i media occidentali e molti governi occidentali stanno scegliendo di chiudere un occhio su alcuni degli aspetti più sgraditi della FSA, che sono apertamente in diretto contrasto con le loro politiche e valori dichiarati. Perché rimane un mistero – in particolare considerando la posta in gioco e il modo in cui le “rivoluzioni” in Egitto e in Libia si sono rivelate. L’Occidente non dovrebbe sorprendersi se uno stato islamico risulta da una vittoria della FSA. Se è così, saranno stati complici del risultato. Il popolo siriano è preso nel mezzo. Molti di loro, e gli stati moderati nella regione, saranno i perdenti.

[su_divider]

Sempre del 2012, questo è invece uno stralcio del programma Observer del canale televisivo pubblico francese FRANCE 24 :

[su_quote]Per quanto possa provare a controllare la sua immagine pubblica, la FSA non è estranea alle critiche. È stato regolarmente accusato di avere legami con estremisti come al Qaeda e sono emerse anche accuse di abusi. Nonostante gli sforzi della FSA per mantenere le sue forze in linea, tra cui una carta che incoraggia i soldati a rispettare gli accordi internazionali sul trattamento dei prigionieri di guerra, diversi video di abusi della FSA sono emersi online .

Sono state segnalate torture di soldati dell’esercito regolari imprigionati e esecuzioni sommarie. Ad esempio, le riprese dell’esecuzione di membri del clan Berri, fedelissimi del regime di Aleppo, sono circolate ampiamente su Internet nelle ultime settimane. Mentre il comando centrale della FSA ha descritto tali esecuzioni come incidenti isolati, i portavoce dei consigli militari hanno a volte spiegato che non avevano altra scelta perché non avevano spazio nella prigione.
Alcuni attivisti dell’opposizione hanno anche criticato la FSA per aver permesso ai vecchi ufficiali di alto livello dell’esercito regolare di entrare nelle loro file, dicendo di avere sangue nelle loro mani.
I leader della FSA hanno lavorato sodo per proiettare l’immagine di una forza snella, omogenea, non settaria. I nostri osservatori sul campo dicono che in realtà, questo è lontano dal caso. Mentre il regime siriano inizia a mostrare segni di debolezza, la FSA dovrà iniziare a funzionare in modo più trasparente se mai spera di placare le preoccupazioni internazionali di una Siria post-Assad.[/su_quote]
[su_divider]
(continua 2^ puntata)
Exit mobile version