Che fine ha fatto il laboratorio di armi biologiche in Kazakistan?

Che fine ha fatto il laboratorio di armi biologiche in Kazakistan? 1

laboratorio di Almaty in costruzione nel 2013

Un anno fa, gli Stati Uniti hanno aperto un laboratorio biologico militare ad Almaty. Se dovesse essere danneggiato, le armi batteriologiche sarebbero fuori controllo. L’ex capo medico membro   dell’Accademia delle scienze russa Gennady Onishchenko – con l’editorialista di KP.RU Alexander Gamov – ha fatto una dichiarazione clamorosa sulla presenza di un laboratorio USA di guerra batteriologica nella città di Almaty, epicentro degli scontri.

Si tratta di un “… laboratorio militare, che, naturalmente, era impegnato in sviluppi militari offensivi. E, anche se la leadership del Kazakistan ha negato che lì, dicono, non c’è un solo esercito americano … Ma ci sono persone, apparentemente tra i kazaki, che lavorano per l’esercito americano.

Questo è un laboratorio biologico militare con un alto livello di protezione, protezione biologica, ovvero è possibile lavorare lì con una composizione illimitata di virus, batteri, microbi e così via. Tali laboratori sono stati costruiti anche in Georgia, ma questo lavoro è sempre stato più attivo in Kazakistan.

Читайте на WWW.KP.RU: https://www.kp.ru/daily/27348.3/4528522/

Il laboratorio è stato ora rilevato e messo in sicurezza dalle truppe del CSTO. È da rilevare che gli americani hanno iniziato a evacuare gli organizzatori dell'”Almatomaidan” in “stile afghano”, ovvero “gli Usa acconsentono alla partenza volontaria di alcuni “impiegati” dei consolati dal Kazakistan”;

https://www.migration.com/world/asia-pacific/us-approves-Volontariato-Departure-some-consolate-staff-kazakhstan-2022-01-08/

Oggi nella regione ci sono due laboratori di questo tipo uno in Georgia ed uno in Kazakistan. Sono laboratori USA. Naturalmente è singolare che simili laboratori vengano creati a ridosso della Russia.

Ecco un articolo del 2013 che parlava del laboratorio USA in costruzione:

“Perché gli Stati Uniti stanno costruendo un laboratorio ad alta tecnologia per la peste bubbonica in Kazakistan”

Quando il Laboratorio di riferimento centrale del Kazakistan aprirà nel settembre 2015, il laboratorio del progetto da 102 milioni di dollari fungerà da stazione di passaggio dell’Asia centrale per una guerra globale contro malattie pericolose.

DI ALEX PASTERNACK | PUBBLICATO 29 AGO 2013

Nel 1992, il dottor Kanatjan Alibekov, un biologo dell’Unione Sovietica, si imbarcò su un volo ad Almaty, allora capitale del Kazakistan, per New York. Quando il dottor Alibekov, ora conosciuto come Ken Alibek, si è seduto con la CIA, ha avuto un segreto terrificante da rivelare: quel programma di armi biologiche che l’Unione Sovietica aveva interrotto negli anni ’80 in realtà non si era fermato affatto. Lo sapeva perché aveva guidato gli sforzi di Mosca per sviluppare l’antrace per uso militare. In effetti, ha detto, nel 1989 – più o meno nel periodo in cui i leader occidentali esortavano l’URSS a interrompere il suo programma segreto di armi biologiche, noto come Biopreparat – il programma sovietico aveva sminuito quello degli Stati Uniti di molti ordini di grandezza. (Questo non tiene conto della possibilità che anche gli Stati Uniti stiano sviluppando alcune di queste armi in segreto e, come la Russia, lo è ancora.)

Un grosso problema, ha aggiunto, era che, come le scorte di armi nucleari lasciate nella polvere dell’Unione Sovietica, i materiali e l’esperienza necessari per creare un’arma biologica: antrace, vaiolo, colera, peste, febbri emorragiche e così via. –potrebbe essere ancora depositate, in vendita al miglior offerente. Di quegli scienziati, Alibek disse al Times nel 1998: “Ne abbiamo perso il controllo”.

Oggi, i biologi che hanno lavorato nell’ex Unione Sovietica, come quelli che hanno risposto a un caso di peste oltre confine in Kirghizistan questa settimana, rischiano di spazzare via le paure di Alibek. Ma ti diranno anche che la caduta dell’Unione Sovietica ha devastato la loro professione, lasciando alcuni scienziati un tempo eminenti in luoghi come Almaty a lottare per un nuovo lavoro. Quel senso di disperazione, sottolineato dalla defezione di Alibek negli Stati Uniti, ha aiutato a pompare centinaia di milioni di dollari in un programma del Pentagono per assicurarsi non solo i materiali nucleari ma anche quelli chimici e biologici, in un processo attraverso il quale Washington è diventata, in sostanza, la loro più alta offerente.

Questo spiega l’enorme struttura in cemento che ho visitato di recente in un cantiere alla periferia di Almaty. Situato dietro alberi, cemento e filo spinato, il nuovo Laboratorio di riferimento centrale del Kazakistan sostituirà in parte gli edifici obsoleti nelle vicinanze dove l’URSS conservava alcune delle sue migliori potenziali armi biologiche e dove oggi gli scienziati studiano questi potenti agenti patogeni. Quando verrà aperto a settembre 2015, il laboratorio del progetto da 102 milioni di dollari dovrebbe fungere da stazione di passaggio dell’Asia centrale per una guerra globale contro malattie pericolose. E come progetto nell’ambito di quel programma del Pentagono, la Defense Threat Reduction Agency, il laboratorio sarà costruito, e alcune delle sue prime operazioni finanziate, dai contribuenti americani.

L’ampio laboratorio di riduzione delle minacce biologiche può sembrare una strana idea in un momento di vari focolai, ma i funzionari affermano che si tratta di un importante investimento antiterrorismo, un aggiornamento tanto necessario a una struttura che è stata descritta come un invecchiamento, un -un relitto sicuro degli anni ’50, e uno che il Dipartimento della Difesa teme non possa tenere il passo in un’era di armi di distruzione di massa.

È anche un investimento, aggiungono, in un paese in cui gli scienziati sono affamati di maggiore partecipazione internazionale e strutture migliori e in cui gli Stati Uniti sono desiderosi di mantenere materiali e conoscenze sensibili nelle mani e nel cervello giusti.

“Non puoi cancellare questa conoscenza dalla mente di qualcuno”, ha affermato il tenente colonnello Charles Carlton, direttore dell’ufficio dell’Agenzia statunitense per la riduzione delle minacce alla difesa in Kazakistan. La minaccia che gli scienziati diventino canaglia, ha detto, è “una seria preoccupazione”. “Stiamo facendo del nostro meglio per assumere queste persone. La nostra speranza è che attraverso un’occupazione retribuita non vengano trascinati su altre strade”.

Non ci sono prove concrete che le armi biologiche siano state rubate e vendute negli anni ’90, ma Alibek ha affermato che “ci sono molti stock non ufficiali di virus del vaiolo”, un virus che è stato ufficialmente sradicato nel 1980. Anche le agenzie di intelligence occidentali stimano che la Corea del Nord e la Russia hanno attualmente la capacità di dispiegare il vaiolo come arma di distruzione di massa. (Vale la pena ricordare, tuttavia, che i timori nel periodo precedente la guerra in Iraq che Saddam Hussein avesse il vaiolo da parte di scienziati sovietici erano infondati , nonostante i rapporti ampiamente pubblicizzati da Judy Miller e altri.) Altri paesi sospettati di aver inavvertitamente o deliberatamente conservato esemplari del virus includono Cina, Cuba, India, Iran, Israele e Pakistan.

Bakyt B. Atshabar

Bakyt B. Atshabar, capo dell’istituto di 60 anni che gestirà il nuovo laboratorio, il Centro scientifico kazako di quarantena e malattie zoonotiche, è profondamente consapevole dei pericoli dello sviluppo delle armi: suo padre ha aiutato a diagnosticare gli effetti dei test sulle armi su migliaia di persone che vivevano vicino al sito del test nucleare di Semipalatinsk, nel nord del Paese.

Ma per lui e altri biologi di Almaty, il laboratorio riguarda meno la strategia di difesa e più lo sviluppo di competenze scientifiche. Attualmente il KSCQZD si concentra sullo studio e sulla prevenzione del contagio potenzialmente letale, come il caso dell’adolescente oltre il confine meridionale in Kirghizistan, morto la scorsa settimana di peste bubbonica dopo aver mangiato una marmotta alla brace (probabilmente è stato morso da una pulce, hanno detto i medici) .

Dr. Bakyt B. Atshabar, capo dell’istituto che gestirà il Central Reference Lab:
“Non vediamo l’ora che questo diventi una struttura di formazione regionale focalizzata sia sulle infezioni umane che su quelle animali”, ha affermato. “Il colera è anche uno dei maggiori problemi nella nostra regione, soprattutto con i nostri numerosi vicini meridionali”. Ha anche citato un incidente a luglio in cui i turisti kazaki sono tornati da un viaggio nel sud-est asiatico con la febbre dengue.

L’aumento del commercio con il vicino orientale della Cina minaccia anche di aumentare la trasmissione di malattie. “Insieme alla costruzione di oleodotti”, ha detto, “vengono roditori e pulci”.

Nel frattempo, la scarsa opposizione del Paese ha definito il laboratorio un rischio per i cittadini di Almaty; la città si trova in una zona sismica attiva e il laboratorio si trova appena fuori città e non lontano da un quartiere suburbano popolato. I funzionari hanno ribattuto che l’edificio è progettato per soddisfare i più alti standard sismici della città e sostituirà quelli che una dichiarazione dell’ambasciata statunitense del 2011 diceva essere “edifici più vecchi dell’istituto che non sono costruiti per resistere a tali tremori”.

“Direi che questo potrebbe richiedere qualsiasi cosa”, ha detto Dan Erbach, un ingegnere dell’AECOM, l’appaltatore che supervisiona il progetto, durante un tour del sito, che attualmente è un insieme di cemento armato accatastato di tre e quattro piani, impostato in cima a un campo bonificato. “C’è più del doppio della forza in questo edificio rispetto a qualsiasi altro edificio della città.” (Lo standard sismico dell’edificio è stato il risultato di un intervento del governo, che ha imposto nuovi requisiti al progetto prima dell’inizio della costruzione nel 2011. Ciò ha spinto il completamento iniziale a risalire di un anno a settembre 2015.)

fonte: https://www.popsci.com/technology/article/2013-08/why-us-building-high-tech-bubonic-plague-lab-kazakhstan/

Exit mobile version