Centinaia di cristiani terrorizzati in fuga a causa del nuovo conflitto siriano

Di Fionn Shiner e Marta Petrosillo / zenit.org

I feroci combattimenti tra le forze turche e curde nel nord della Siria hanno costretto centinaia di cristiani a fuggire dalle loro case, secondo un sacerdote contattato nella regione.

Contattato da Aiuto alla Chiesa nel bisogno (ACN), p. Nidal Thomas, un sacerdote anziano della Chiesa cattolica caldea di Hassake, ha avvertito che l’esodo sta minacciando di crescere.

Ha detto: “Almeno 300 cristiani sono stati costretti a lasciare le città di Ras al-Ain, Derbasiyah, Tall Tamr e un’area di al-Malikiyah.

“Temiamo che se i combattimenti continuano, ci potrebbe essere un esodo ancora più grande che potrebbe persino includere la città di Qamishli, dove attualmente vivono 2.300 famiglie di cristiani”.

Fr. Thomas disse ad ACN che l’incertezza della situazione alimenta il problema, così come le azioni delle forze turche.

Egli ha detto: “Non sappiamo cosa sta realmente accadendo. Ogni ora sentiamo notizie dai curdi, dai turchi, dagli americani e dai russi, sulle vittime e sulle persone in fuga.

“Ma non conosciamo la vera verità. L’unica cosa che sappiamo per certo è che i bombardamenti – e soprattutto, i massacri commessi dai turchi contro la nostra comunità –  stanno costringendo sempre più cristiani a fuggire ”.

Secondo p. Thomas, il desiderio dei cristiani per la pace ha indebolito la loro posizione, rendendo la loro sofferenza più pronunciata – e le nazioni occidentali non li hanno aiutato.

Ha detto: “Abbiamo bisogno di aiuto. Noi cristiani siamo quelli che hanno sofferto di più a causa di questo conflitto interminabile.

“Siamo l’anello più debole perché vogliamo vivere in pace e rifiutare la guerra. Due terzi dei cristiani hanno lasciato il Paese e il restante terzo rischia di non riuscire a sopravvivere.

“E intanto i paesi occidentali fanno a gara tra loro per dividere la Siria, che è stata messa in ginocchio anche dalle sanzioni internazionali.

“C’erano migliaia di famiglie cristiane nel nostro paese. Nessuno ha tentato di difenderci. “

Fr. Thomas ha descritto quanti combattenti di Daesh (ISIS) si sono uniti agli eserciti nazionali siriani appoggiati dalla Turchia che hanno preso Ras-al-Ain e che la minaccia di un risveglio jihadista è sempre presente.

Ha detto: “Purtroppo questa è un’eventualità che dobbiamo prendere in considerazione.”

Il suo avvertimento ha fatto eco ai risultati di Persecuted and Forgotten del 2019 di ACN. secondo il rapporto una rinascita di un gruppo jihadista come Daesh potrebbe sradicare il cristianesimo nel vicino Iraq.

Il rapporto diceva: “Se ci fosse un altro assalto in stile Daesh ai fedeli, potrebbe portare alla scomparsa [definitiva] della Chiesa”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.