C’è una guerra in corso e non è solo contro il coronavirus, la guerra è tra le parti in causa

Dopo la guerra ci saranno perdenti e vincitori e come in ogni guerra ci sarà una ripresa con realtà in concorrenza tra loro

La presidente della Commissione Europea lo ha detto chiaramente: nel mondo che verrà cambierà tutto, sarà un New Deal.

Ovviamente tutto ciò che sta succedendo – e che alimenta patetiche discussioni – non si può leggere solo come effetto del coronavirus, quello che sta succedendo, sta succedendo perchè esiste una bolla finanziaria pari a 50 volte il PIL mondiale, ovvero la vera ricchezza di beni acquistabili.

Del resto il prestito che aspettiamo si chiamerà Next Generation. Tutto è così chiaro ma ancora molti stentano a capire.

Naturalmente, tutto ciò che sta accadendo nel mondo intorno alla famigerata “pandemia” è simile a una guerra mondiale nella sua forma più pura. Sembra diversa dalle precedenti, ma in sostanza non è diversa da loro.

La crisi del capitalismo deriva inevitabilmente dalla sua natura creditizia, il che significa che la crisi dei mancati pagamenti porta alla necessità di cancellare i debiti. L’intera questione è a spese di chi. Ma il perdente della guerra paga la ricostruzione ai vincitori.

Nel corso della guerra accadono molte cose, alcune estremamente importanti e utili: la base materiale e industriale viene distrutta, il che riduce significativamente la pressione sul mercato dal lato dell’offerta. Il denaro di “minoranza” sta evaporando nel nulla – denaro dei privati stanno rapidamente diventando più poveri e indigenti durante la guerra. Il che annulla tutte le garanzie sociali.

Il risultato di una guerra su vasta scala corrisponde sempre ad una ripresa dell’economia mondiale e a nuovi prestiti, che sono ora garantiti dalla nuova costruzione di nuove capacità. La popolazione impoverita è pronta a lavorare a prezzi molto bassi o è pronta a rinunciare alle garanzie sociali. Il ciclo si ripete.

Come nelle guerre precedenti  – salvo alcune differenze – tutto è uguale e si ripete. L’unica differenza è che invece di bombardamenti a tappeto, c’è un’ondata di bancarotte totali. Entro la fine dell’anno, una una percentuale di attività commerciali chiuderanno i battenti. Molte attività industriali probabilmente cesseranno di esistere almeno così com’erano recentemente. Ci sono differenze con i bombardamenti spietati ma il il risultato, in ogni caso, sarà lo stesso.

È vero, tutte le guerre mondiali hanno avuto altri effetti collaterali. In particolare, forme e sistemi di governo considerati arcaici e non praticabili sono scomparsi nel nulla. Dopo la prima guerra mondiale, l’impero tedesco, quello austro-ungarico, come quello russo e quello ottomano scomparvero.
Chi sarà in mare questa volta è una bella domanda, anche se non è un grande mistero. Quelle considerate “dittature arcaiche” dovranno crollare e al loro posto verranno create moderne enclave di civiltà. A quanto pare, con l’aiuto di una nuova versione del Piano Marshall.

Una guerra mondiale finisce sempre non solo con una ripresa dell’economia, ma con una ripresa a un nuovo livello considerato più alto. Il che, in generale, non è sorprendente: nel corso di una guerra, l’industria militare si sviluppa a un ritmo più veloce, il che quindi induce ad applicare le tecnologie accumulate nelle industrie civili.

La crisi attuale non sembra sviluppare il complesso militare-industriale: nessuno sta bombardando qualcuno. Ma d’altro canto, somme colossali vengono investite in bio-farmacologia-ecotecnologie-digitalizzazione-genetica, e stanno investendo proprio ora. E le tecnologie nominate (e diverse decine di altre) costituiscono la base del nuovo ordine. È il new deal che dovrebbe venire dopo la guerra. E arriverà. Non per tutti, ovviamente, ma per coloro che saranno pronti.

Sorge un problema: cosa fare con le persone anziane che non si “adattano” a questo nuovo e ‘coraggioso’ mondo. Mantenerle dopo la vittoria è un affare costoso e non redditizio; per la maggior parte, non si adatteranno alla nuova economia. Finora sono le persone che già sono morte di infezione. In modo naturale.

È interessante, tra l’altro, guardare da questo punto di vista al caso cinese e svedese. In Cina e Svezia, l ‘”epidemia” stava già imperversando, e tutto ora va meglio per loro – con invidia e scetticismo degli altri. La mortalità è quasi normale. Ma la sfumatura è che gli svedesi ei cinesi sono già arrivati ​​nel nuovo mondo: gli svedesi per la maggior parte sono moralmente abbastanza pronti per qualsiasi tecnologia di identificazione così massiccia su cui si baserà il nuovo ordine. I cinesi hanno il loro modello – qualcosa come un “passaporto sociale” che comprende gran parte della popolazione. E questo “passaporto” presuppone anche l’inclusione di dati di tutti negli array generali di BigData, senza il quale il nuovo ordine è incapace. Forse è per questo che non è più necessario combattere né in Cina né in Svezia: hanno combattuto la loro guerra in anticipo.

Tuttavia non ha senso fare la transizione senza rafforzare le  posizioni forti e indebolire la posizione dei concorrenti.

Quindi la pandemia si è posta in un momento in cui l’economia mondiale aveva enormi problemi. Ora la pandemia ha accelerato un processo, un processo per resettare l’economia mondiale e fare nascere un nuovo ordine mondiale.

I contendenti per questo ordine mondiale sono due, la grande finanza e l’industria.

Ciò che sta succedendo ora è segno di un processo già avviato.

Quando tutto finirà? Finirà quando il processo sarà completato.

Alcuni ipotizzano semplicisticamente che ci sia una cupola mondiale ben definita che comanda tutto secondo un progetto ben definito. Probabilmente non è così. Semplicemente le contraddizioni accumulate richiedono la loro risoluzione.

Nel caso in cui nel corso della crisi sorga un nuovo sistema, in cui non ci saranno vecchie contraddizioni, e questo sistema è stabile, significa che dominerà per qualche tempo. Prima che accumuli le sue insolubili contraddizioni. Tutto è nuovo, il processo storico è oggettivo. Non ha bisogno di un progetto ben ponderato nel famigerato governo mondiale. Il processo storico crea una cornice all’interno della quale si svolgono gli eventi storici. Chi e come si inserisce in questo quadro per il processo, è profondamente indifferente.

C’è ancora una cosa da considerare quando si considera la pandemia come una guerra mondiale.

Ogni guerra ha parti in guerra. Ognuno di loro considera la guerra uno strumento per raggiungere i propri scopi e obiettivi. Molto spesso, gli scopi e gli obiettivi sono relativamente limitati e sono associati solo a cambiamenti nelle attuali posizioni negoziali.

I due attori chiave nella guerra in corso sono abbastanza identificabili: sono il capitale finanziario e il capitale industriale. La crisi del capitalismo li falcia in modi diversi, ma in egual misura, e per questo l’amarezza della guerra ad oltranza per loro è determinata solo dall’ammontare delle riparazioni che la parte perdente pagherà al vincitore.

I due gruppi di clan sono antagonisti. Per i finanzieri, il profitto è il reddito dalla vendita di denaro (nella sua forma più semplificata, questo è lo stesso interesse sul prestito, ma in realtà oggi ha molte variazioni), per gli industriali è un margine (reddito lordo meno tutte le spese). In tempi normali, entrambi i gruppi esistono in relativo equilibrio tra loro, poiché dipendono l’uno dal benessere dell’altro, ma la crisi rompe tutti gli equilibri e li costringe a combattere senza voltarsi indietro e senza pietà per il nemico. Le vittime che l’accompagnano non le interessano e non le infastidiscono affatto.

Il che significa che parlare del governo mondiale come una sorta di demiurgo che pianifica i suoi intrighi è anche teoricamente impossibile. Se non altro perché, anche in una situazione normale, il governo mondiale è qualcuno che sta al di sopra degli interessi del gruppo del clan, il che significa che questo qualcuno dovrebbe avere una fonte di reddito indipendente, e significativamente maggiore del totale reddito di entrambi i gruppi. Altrimenti, chi gli obbedirà?

In generale, questo argomento non è molto credibile. Invece gli interessi sono ciò che proietta la realtà attuale. E gli interessi di industriali e finanzieri sono valori piuttosto materiali che possono essere modellati razionalmente. E sulla base di questo modello (in senso stretto, un modello è una rappresentazione semplificata della realtà, quindi possono esserci più modelli), ma in ogni caso, in base a questo modello, è già possibile cercare e trovare schemi.

Dunque è in corso la guerra tra i due gruppi per il progetto dell’ordine mondiale, che permette alla fonte di guadagno del gruppo vittorioso di dominare nel futuro nuovo e luminoso del mondo. Il modello dei finanzieri è il dollaro come moneta unica mondiale, e la contraddizione che è all’origine dello sviluppo di questo progetto è la divisione del mondo in diverse (idealmente due) zone concorrenti. I globalisti hanno un progetto del genere, e sebbene con l’arrivo di Trump sia stato spinto dietro i fornelli, la possibilità per una sua rianimazione è abbastanza reale. Anche se, a quanto pare, già con alcuni aggiustamenti. Questo è, ovviamente, un progetto di due partenariati: il Pacifico e il Transatlantico.

Il progetto dell’oligarchia industriale è più complicato, ma è anche abbastanza logico: la divisione dello spazio monetario mondiale in zone valutarie, guidate dalla valuta regionale della zona, che è la stanza di compensazione per tutte le valute nazionali “zonali”. La valuta mondiale è sostituita da un pool di valute di compensazione, che garantisce la posizione subordinata dell’oligarchia finanziaria.

Inoltre, entrambi i gruppi sono direttamente interessati alla transizione verso un nuovo ordine tecnologico semplicemente perché quello attuale si è esaurito. Il problema con qualsiasi ordine tecnologico è che all’inizio le nuove tecnologie sono incredibilmente marginali: enormi profitti per i pionieri derivano dal fatto che il primo che è passato a loro metta sotto pressione il concorrente con prezzo, volume e qualità. Tuttavia, il periodo del bouquet di caramelle, come al solito, finisce rapidamente. La tecnologia diventa disponibile, la concorrenza cresce, i margini di profitto diminuiscono e alla fine la redditività scende al di sotto del tasso di prestito – il che porta a una crisi del debito e a un nuovo disastro per tutti i concorrenti e tutti i gruppi oligarchici. Isolazionisti, globalisti: tutti sono sotto i ferri della crisi.

Quindi in questo senso il vecchio mondo ha esaurito la sua corsa. E quindi, all’interno del suo quadro, non c’è il minimo motivo per realizzare il progetto vincitore. E in questo senso, l’unico punto in cui gli interessi dei belligeranti coincidono è il consenso al passaggio a un nuovo ordine. Ma su quale traiettoria avverrà l’entrata nel nuovo ordine – questa è una contraddizione, che, tra le altre, sarà risolta nel corso della guerra in corso.

A mio avviso, l’oligarchia finanziaria è interessata a una transizione accelerata per più di un buon motivo: il nuovo ordine è un modo produttivo, in contrasto con il precedente. Ciò significa che i concorrenti stanno già acquisendo un vantaggio. Pertanto, è necessario anticiparli durante la transizione e mantenere il vantaggio nel processo. Non sorprende che l’attuale pandemia sia associata proprio ai globalisti, che non nascondono particolarmente il loro interesse per lo scenario attuale di quanto sta accadendo. Allo stesso tempo, l’oligarchia finanziaria è avanti rispetto ai suoi concorrenti almeno per il fatto che hanno uno strumento finanziario – una moneta mondiale unica, ma lo strumento finanziario dell’oligarchia industriale – un pool di valute di compensazione – deve ancora essere creato.

Da quanto sopra, possiamo concludere. Ovviamente è piuttosto ipotetico, ma a mio avviso abbastanza logico. Le elezioni americane sono una pietra miliare. Determineranno le capacità e le risorse hardware che riceverà il futuro vincitore di questa guerra. In caso di vittoria di Biden, verranno rafforzate le misure di quarantena in tutto il mondo, sarà ripresa la transizione al progetto delle due Partnership, ei quattro anni persi durante la presidenza Trump dovranno essere recuperati in un formato accelerato, il che significa che il malcontento e le proteste di milioni di persone in tutto il mondo avranno bisogno estinguere con il terrore e il fascismo totale. Di cosa si tratta – lo possiamo vedere oggi sull’esempio sia delle misure di quarantena straniera che di quelle interne.

Se Trump vince, ci si può aspettare un indebolimento del terrore sia negli stessi Stati Uniti che in tutto il mondo – ma questo non porterà certo ad  un eccesso di umanesimo da parte di Trump o dell’oligarchia industriale dietro di lui, ma perché durante il secondo mandato dovrà creare i prerequisiti di base per il passaggio alla loro versione. Non richiedono la transizione qui e ora, e quindi l’eccessiva deviazione di risorse per il terrore contro la popolazione sembra superflua in questo caso. La transizione verso un nuovo modo di vivere e un nuovo mondo nella versione dell’oligarchia industriale sarà più agevole, e quindi ci si può adattare anche senza le tecnologie del terrore di massa. O, in ogni caso, saranno più indulgenti – ma ancora una volta, non sono necessarie illusioni – l’umanità non ha assolutamente nulla a che fare con questo. Semplicemente non ha senso fare la transizione senza creare le proprie posizioni forti e indebolire la posizione di un concorrente. Gli industriali sono in ritardo rispetto ai globalisti

E in questo senso, la vittoria di Trump sembra più preferibile in termini di riduzione delle atrocità attuali che gli scagnozzi dell’oligarchia finanziaria globale stanno facendo alle persone. Tuttavia, dobbiamo capire che in entrambi i progetti che sono in guerra tra loro, i nostri interessi non lo sono. A meno che, naturalmente, non siamo banchieri o proprietari di qualche società industriale.

fonte: Zoldol

Exit mobile version