Carla Ortiz: i siriani sono come la mia famiglia

16 gennaio 2019 – di  Ahamad Noroozi

Ahmad Noroozi: Perché consideri i siriani come la tua famiglia?

Carla Ortiz: Quando vedi una persona per la prima volta nella tua vita, e quella persona è disposta a rischiare la vita per proteggere la tua, è così che scopri come si intende per vero amore. Una famiglia è costruita nella fiducia e nell’amore incondizionato! E ho sperimentato questo amore da un contadino, un soldato, un uomo d’affari, un bambino e ogni madre con cui ho incrociato la strada!

Dopo aver passato quegli ultimi tre anni a terra e per vivere la guerra sulla mia pelle con loro, li ha resi la mia famiglia. Li ADORO con tutto il mio cuore. 

Hai intenzione di realizzare un altro documentario sulla Siria oltre a [quello già realizzato] ” La voce della Siria “?

Sì, ci sono molti progetti. Mi piacerebbe fare molte più cose, compresi i film di fiction.

Sei stata ad Aleppo durante la guerra; cosa puoi dirci della campagna di disinformazione contro il governo di Assad in quei giorni?

La campagna di disinformazione non è solo contro un governo,  in realtà è stata  contro la popolazione di un’intera nazione. Noi, in Occidente, abbiamo bombardato la Siria ignorando il disastro umanitario che abbiamo contribuito ad alimentare. Le nostre politiche in Occidente hanno cercato un cambio di regime con tutti i mezzi, e abbiamo finito col sostenere gruppi terroristici che oggi si trovano nei nostri paesi.

Aleppo non stava bruciando! Aleppo è stata liberata dalle mani di Al-Nusra e da altre fazioni estremiste che hanno abusato del principio della dignità umana in ogni sua forma .

Hai ‘scioccato’ quando hai esposto la realtà della situazione in Siria in diretta su la CNN. Si aspettavano che tu dicessi quello che hai detto? Cosa ti hanno detto dopo l’intervista?

Sapevano del mio briefing prima che miriprendessero. La CNN ha sempre sostenuto la mia carriera e il lavoro che ho svolto in passato. Forse non si aspettavano l’intero risultato perché era così spontaneo ed emotivo. Sono stati onestamente sorpresi dalla mia testimonianza. Dopo l’intervista, mi hanno invitato a tre altri trasmissioni sull’argomento. Ho fatto una trasmissione notturna in spagnolo. CNN International e The Entertainment Show.

Sei stata sul terreno in Siria e nello specifico in Ghouta orientale; quali sono le tue esperienze in prima persona dei caschi bianchi ? Cosa puoi dirci sul loro background e loro riferimenti?

Sono stata in uno dei loro centri di addestramento a Zamalka e in tre dei loro quartier generali: uno ad Aleppo, uno a Saqba e l’altro a Zamalka. Si trovavano sempre vicino alla sede dei gruppi terroristici. A volte condividevano lo stesso garage e in uno dei luoghi il loro centro di reclutamento e addestramento si trovava nel quartiere dei leader di Al-Qaeda. Ho visto una fabbrica di armi e una fabbrica di armi chimiche a pochi isolati dal loro quartier generale o dalle loro residenze. 

Di sicuro [i white helmet] sono legati alle fazioni terroristiche al potere nella zona. Puoi aggiungere a questa intervista i link ai video che ho realizzato con il mio telefono tramite il mio account FB o Twitter su tutti questi quattro posti. 

I civili con cui ho parlato sostengono che non solo lavoravano sotto la loro supervisione, ma che molti sono anche militanti che portano armi e sono coinvolti in azioni terroristiche. 

Ho parlato con ex membri dell’organizzazione e mi hanno detto che alcuni di loro si uniscono consapevolmente all’organizzazione a causa della loro ideologia. Altri sono stati costretti a lavorare con loro perché ricattati con cibo e medicine, usati come arma di guerra. Soprattutto a Ghouta, un padre porterà un’arma per sfamare la sua famiglia o i suoi figli. 

 

Ci sono un certo numero di rapporti che negano ciò che stai dicendo sui Caschi bianchi e affermano che le informazioni fornite non sono accurate o sono completamente inventate con teorie della cospirazione. Questi rapporti sono stati pubblicati per verificare le bugie su White Helmets. Qual è la tua risposta a queste affermazioni? 

Possono fare qualunque richiesta che vogliono. Sto solo raccontando ciò che ho visto con i miei occhi e ciò che ho scoperto dalle testimonianze di molte vittime e residenti in tutte le diverse aree in cui si trovavano. Siamo stati ingannati! Siamo stati disinformati e il costo di questa grande bugia ha punito e continua a punire un intero paese. 

Ogni reclamo fatto dai caschi bianchi, ogni video che hanno filmato ha causato più guerra in Siria; mai un approccio alla pace. Ha solo guidato verso la rabbia, più sanzioni sulla Siria e la divisione. La Siria non è questo! I siriani vogliono iniziare a ricostruire il loro paese! Vogliono THE END OF WAR! con tutto l’estremismo fuori dalla loro nazione secolare.

Le forze di Hezbollah e dell’Iran furono le prime a schierarsi con il governo siriano per combattere i terroristi sul terreno. Come si sentono i siriani per Hezbollah e l’Iran ?

Il popolo siriano, specialmente in campagna, è grato per l’aiuto di chiunque combatta i terroristi. Questa non è una guerra convenzionale. È una delle tattiche più letali mai usate dall’umanità lontana da qualsiasi definizione di umanità. Questo è il motivo per cui i siriani rispettano ogni alleato che combatta il “terrorismo”.

Mi hanno raccontato molte storie nei miei viaggi su di loro. Ho sentito molto soprattutto dai cristiani: molti villaggi cristiani sono stati salvati e liberati da loro.

Con i terroristi sconfitti su più fronti, pensi che possiamo vedere riunito l’intero paese?

Puoi già vederlo.

Se dovessi andare in Siria, vedresti come  ogni giorno stanno tornando in centinaia da confini diversi. Centinaia di migliaia sono già tornati in una casa senza finestre o porte, perché a nessun essere umano piace essere un rifugiato. Questo è il motivo per cui tornano ancora a ricostruire le loro case e le loro vite. 

Molti siriani hanno dato al mondo una grande lezione di resilienza e grandezza. Hanno superato le loro differenze politiche o religiose e hanno trovato la riconciliazione in molti modi. Se li avessimo lasciati soli e avessimo interrotto i nostri interventi tossici, la guerra si sarebbe fermata molto tempo fa. 

Continuiamo a dimenticare che la Siria e i siriani ci hanno preceduto con 3000 anni di esistenza. Hanno superato più invasioni, guerre, distruzioni di quante non potremmo mai immaginare. E stanno ancora con dignità e amore. 

Perché hai deciso di essere così coinvolta in questo problema?

Vedi che non sono un giornalista e non stavo ‘cercando una storia’. Stavo facendo un documentario sulle donne in Siria che combattevano la guerra dal loro fronte in casa. Ho una bella vita al di fuori della Siria e una solida carriera. Ma oggi conosco una verità ed è mio dovere fare la cosa giusta, non importa cosa.

*(Carla Ortiz in Zamalka, Syria. Image credit: Carla Ortiz’s Facebook page)

titolo originale: Carla Ortiz: We Have Been Lied To About Syria
Source link: Herald American Tribune