Brasile: presidente Balsonaro parla di carenza di fertilizzanti nel Paese

Il presidente ha affermato che il Brasile potrebbe subire carenze alimentari nel 2022 a causa della mancanza di fertilizzanti provenienti dalla Cina

Photo by Rodrigo Sümmer on Unsplash

Nel nel 2022 l’aumento del costo dei fertilizzanti e la carenza di questi prodotti nei mercati globali potrebbero portare a una crisi alimentare e alla carenza di cibo in Brasile.

Questa previsione è stata fatta giovedì dal presidente Jair Bolsonaro, che ha affermato che il governo federale valuta la possibilità di mancanza di approvvigionamento alimentare . In questo giovedì (07), il presidente Jair Bolsonaro ha affermato che il paese potrebbe esaurire le forniture nel 2022 . La dichiarazione è stata data nella sua tradizionale diretta, che si tiene settimanalmente sul suo profilo Facebook”.

Il Brasile importa circa l’85% dei fertilizzanti necessari per l’agricoltura. Il problema è per il Brasile ma lo è per tutto il mondo: il Brasile produce circa il 20% del cibo mondiale.

Dal giornale brasiliano Folha di San Paulo:

Il presidente Jair Bolsonaro (nessun partito) ha dichiarato giovedì (7) che il Brasile dovrà affrontare “problemi di approvvigionamento” l’anno prossimo. Secondo l’agente, la possibilità di una carenza di prodotti nel 2022 è legata alla crisi energetica in Cina.

“Vi avverto un anno prima, fertilizzanti: a causa della crisi energetica, la Cina sta iniziando a produrre meno fertilizzanti. È già aumentato di prezzo, aumenterà di più e ci sarà carenza. Ogni cinque piatti di cibo nel mondo, uno viene dal Brasile. Avremo problemi di approvvigionamento l’anno prossimo”, ha dichiarato Bolsonaro, durante una cerimonia a Palazzo Planalto. Sempre secondo Bolsonaro, visto lo scenario, la SAE (Segreteria Affari Strategici) sta concludendo l’elaborazione di un piano di emergenza per i fertilizzanti.

Tradotto da Kiratiana Freelon

Qui l’articolo in lingua originale

CRISI GLOBALE

La scarsità è dovuta alla carenza di energia ed alla chiusura di molte aziende e difficoltà nella catena di approvvigionamento mondiale.

Il fatto che il prezzo del gas avrebbe colpito tutta la produzione ad alta intensità energetica era chiaro fin dall’inizio, ma il fatto che il crollo dell’industria sarebbe iniziato così rapidamente e in modo massiccio è abbastanza inaspettato. In primavera poteva essere comprensibile a causa delle chiusure, ma ora? Nessuno fino a poco tempo avrebbe potuto immaginare i prezzi attuali del gas.

Ad essere onesti, il quadro è molto, molto allarmante, alcune notizie:

Il più grande produttore di ammoniaca in Germania –  SKW Piesterritz  – taglia la produzione in mezzo alla crisi energetica! Annunciata una riduzione del 20%

Il produttore austriaco di fertilizzanti Borealis AG ha ridotto la produzione di ammoniaca.

La holding americana CF Industries Holdings ha chiuso due dei suoi impianti per la produzione di nitrato di ammonio nel Regno Unito.  Il gruppo americano aveva spiegato al mercato che intende sospendere a causa dell’aumento dei prezzi del gas naturale. Da poco ne riaperto uno.

La società norvegese Yara ha annunciato un taglio della produzione del 40% a causa degli alti prezzi del gas e delle riparazioni programmate.

La spagnola Fertiberia ha già dismesso un impianto di ammoniaca nel suo stabilimento del Galles.

La Cina taglia le esportazioni di fertilizzanti e fosfati. 

Il blocco della produzione è stato segnalato  in Ucraina.

Il gigante chimico BASF ha ridotto la capacità di ammoniaca a causa di una situazione “estremamente difficile” nei suoi stabilimenti di Anversa e Ludwigshafen in Belgio e Germania.

In Lituania, la società Achema, dopo il completamento delle riparazioni pianificate, ha deciso di non avviare temporaneamente uno degli impianti di ammoniaca.

Una carenza di fertilizzanti azotati darà un’immediata drastica diminuzione della resa di tutti i cereali (grano, riso, mais) e degli ortaggi. Nessun “terreno vergine” può costringere il grano a stare alla luce a 40+ c / per più di 1 anno di fila senza fertilizzanti, per non parlare del mais.

L’aumento dei prezzi dei fertilizzanti rischia di aumentare i costi per la produzione di materie prime agricole e potrebbe aumentare l’inflazione alimentare globale.

Vedremo gli effetti di tutto questo nel mondo globalizzato, ma credo che sia necessario essere preparati a certe eventualità. Organizzarsi per consumo interno e produzione interna, almeno per soddisfare il fabbisogno base.

Ciò che è strano è che in realtà stiamo osservando uno sconvolgimento del bilancio energetico nel mercato globale causato da un picco di prezzi delle risorse di base con un aumento della loro domanda in borsa e non dei consumi. I fautori della felicità verde hanno detto ai produttori che il loro petrolio, gas, carbone non serviranno più. Cosa c’era da aspettarsi?…

@vietatoparlare

Exit mobile version