card Vigano: una meditazione per il tempo pasquale ancorata al tempo di pandemia

Se vogliamo davvero che questa cosiddetta pandemia crolli come un castello di carte - come è sempre accaduto per flagelli ben peggiori, quando il Signore ne decretò la fine - ricordiamoci di riconoscere a Lui, ea Lui solo, quella Signoria universale ...

Rilancio la lettera del card Vigano (USA) che dalle pagine di Chatolic Family News offre un giudizio a 360 gradi con riferimento al tempo di Pasqua. Il testo del card Vigano è stato anche rilanciato dal blog di Marco Tosatti.

Abp. Viganò: Meditation in Preparation for Easter

Abp. Viganò: Meditazione in preparazione alla Pasqua

Monsignor Carlo Maria Vigano  22 marzo 2021

Nota dell’editore: Catholic Family News è lieta di pubblicare la seguente meditazione in preparazione alla Pasqua scritta dall’Arcivescovo Carlo Maria Viganò su richiesta del CFN. In questo nuovo testo, Sua Eccellenza riflette sull’ultimo anno di “misure” relative a COVID e sulla relativa “ideologia globalista”, osservando acutamente:

“Se questa pseudo-pandemia è una piaga, non è difficile capire quali sono i peccati per i quali il Cielo ci sta punendo: crimini, aborti, omicidi, divorzi, violenze, perversioni, vizi, furti, inganni, tradimenti, menzogne , profanazioni e crudeltà. Sia i peccati pubblici che i peccati degli individui. I peccati dei nemici di Dio, così come i peccati dei Suoi amici. I peccati dei laici e del clero, degli umili e dei capi, dei governati e di coloro che governano, dei giovani e degli anziani, degli uomini e delle donne “.

“Senza pentirsi dei nostri peccati, senza l’intenzione di modificare la nostra vita e conformarla alla volontà di Dio”, sottolinea ulteriormente, “non possiamo sperare che le conseguenze dei nostri peccati, che offendono la Divina Maestà e possono essere placate solo da penitenza, scomparirà. ”

Incoraggia così tutti i fedeli a “prepararsi alla Confessione e alla Comunione pasquale” con “spirito di riparazione ed espiazione per i nostri peccati così come per quelli dei nostri fratelli, degli uomini di Chiesa e di coloro che ci governano, “Sapendo che” il vero Grande Reset “è già avvenuto” sul Calvario “.

SI INIQUITA OBSERVAVERIS, DOMINE:
DOMINE, QUIS SUSTINEBIT?
Sl 129: 3

Mors et vita duello
conflixere mirando.

L’anno scorso, con una decisione tanto incomprensibile quanto miserabile, per la prima volta in epoca cristiana la gerarchia cattolica ha posto dei limiti alla celebrazione della Pasqua, seguendo la narrazione mainstream della pandemia. Molti fedeli, vincolati da misure di reclusione tanto palesemente inutili quanto controproducenti, hanno potuto unirsi spiritualmente al Santo Sacrificio, assistendo alle funzioni liturgiche via computer. Ad un anno di distanza nulla è cambiato rispetto ad allora, e si sente ribadire ancora una volta che dovremmo prepararci a un ulteriore blocco per consentire alla popolazione di essere sottoposta a un siero genetico sperimentale, imposto dalla lobby farmaceutica nonostante il loro non sapere quali effetti collaterali a lungo termine potrebbero esserci. In molte nazioni stanno cominciando a vietarne l’uso, a causa delle morti sospette che stanno seguendo l’inoculazione; eppure, nonostante la martellante campagna del terrorismo mediatico, le cure di base si dimostrano efficaci e capaci di ridurre drasticamente il numero dei ricoveri e, di conseguenza, anche il numero dei decessi.

Come cattolici, siamo chiamati a capire la portata di quanto, da più di un anno, tutta l’umanità sia stata costretta a subire in nome di un’emergenza che – secondo i dati ufficiali alla mano – ha provocato una serie di morti che non è diverso da quello degli anni precedenti. Siamo chiamati a capire, prima ancora di credere: perché se il Signore ci ha dotato di intelligenza, lo ha fatto per farci riconoscere e giudicare la realtà che ci circonda. Nell’atto di Fede, il battezzato non rinuncia alla propria razionalità in un acritico fideismo, ma accetta ciò che il Signore gli rivela, inchinandosi davanti all’autorità di Dio, che non ci inganna e che è la Verità stessa.

La nostra capacità di intus legere gli eventi ci preserva, alla luce della Grazia, dal percorrere la via di quella sorta di sconsiderata irrazionalità che viceversa manifestano coloro che fino a ieri celebravano la scienza come il necessario antidoto alla “superstizione religiosa”, e che oggi celebrano i sedicenti “esperti” come nuovi sacerdoti della pandemia, negando i principi più elementari della medicina moderna. E se per il cristiano una vera piaga è un appello salutare alla conversione e alla penitenza per le colpe degli individui e delle nazioni, per gli iniziati della religione della salute si dice che una sindrome influenzale curabile sia il grido della Madre Terra violata dall’umanità – a matrigna Natura, a cui molti si rivolgono con le parole di Leopardi: “Perché in seguito non restituisci ciò che hai promesso allora? Inganni così tanto i tuoi figli?”.

Ci rendiamo conto che la crudeltà tribale, la forza primitiva come un virus planetario che vorrebbe sterminarci, non risiede nella Natura, di cui il Creatore è l’ammirevole architetto, ma piuttosto in un’élite che è asservita all’ideologia globalista, che  da una parte vuole imporre la tirannia del Nuovo Ordine Mondiale e dall’altra, per mantenere il potere, premia generosamente chi si mette al suo servizio. I ribelli, coloro che resistono, vengono invece annientati nei loro possedimenti, privati ​​della libertà, costretti a sottoporsi a test inaffidabili e vaccini inefficaci in nome di un bene superiore che devono accettare senza possibilità di dissenso o critica.

Qualche giorno fa, una donna, credendo che sarebbe apparsa dotata di buon senso, ha affermato che è necessario sottomettersi all’uso della maschera e dell’allontanamento sociale non solo per l’efficacia di questi metodi, ma anche per sostenere i nostri leader politici, in speranza in un allentamento delle misure finora adottate: “ Se ci mettiamo la mascherina e ci vacciniamo, forse lo fermeranno e ci faranno vivere di nuovo”, ha commentato. In risposta a questa osservazione, un uomo anziano ha risposto che un ebreo in Germania negli anni ’30 avrebbe potuto pensare che indossare la Stella di David cucita sulla giacca avrebbe in qualche modo soddisfatto le preoccupazioni di Hitler, evitando violazioni ben peggiori e salvandosi dalla deportazione.

Di fronte a questa pacata obiezione, la donna che gli parlava era scossa, comprendendo l’inquietante somiglianza tra la dittatura nazista e la follia pandemica dei nostri tempi; tra il modo in cui la tirannia poteva essere imposta a milioni di cittadini facendo leva sulla loro paura, allora come oggi. I cittadini della Germania si sono lasciati persuadere ad obbedire, a non reagire contro la violazione dei diritti dei cittadini tedeschi il cui unico crimine era quello di essere ebrei, e essi stessi divennero informatori dei “criminali” per l’autorità civile.

E mi chiedo: che differenza c’è tra la denuncia di un vicino che nasconde una famiglia ebrea e la zelante denuncia di chi ha amici a casa propria in violazione di un provvedimento incostituzionale che limita la libertà dei cittadini? In entrambi i casi, i denuncianti non rispettano la legge e osservano le norme, mentre queste stesse norme violano i diritti di una parte della popolazione che è stata criminalizzata, ieri su base razziale e oggi su base sanitaria?

La voce della Chiesa invita la Divina Maestà a rimuovere ” flagella tuae iracundiae, quae pro peccatis nostris meremur [il flagello della tua ira, che meritiamo per i nostri peccati]. ” Questi flagelli si sono manifestati nel corso della storia con guerre, pestilenze e carestie; oggi si manifestano con la tirannia del globalismo, capace di creare più vittime di una guerra mondiale e di distruggere le economie nazionali più di quanto potrebbe fare qualsiasi terremoto. Dobbiamo capire che se il Signore dovesse permettere ai creatori dell’emergenza Covid di avere successo, sarà sicuramente per il nostro bene più grande. Perché oggi quel poco che resta nella nostra società che è ancora ispirato dalla civiltà cristiana – e che fino a ieri consideravamo normale e scontato -, è ora proibito: [è proibito] esercitare le nostre libertà fondamentali, andare in chiesa a pregare, uscire con i nostri amici , cenare con i nostri cari, poter aprire un negozio o un ristorante e guadagnarci da vivere onestamente,

Se questa pseudo-pandemia è una piaga, non è difficile capire quali sono i peccati per cui il Cielo ci sta punendo: crimini, aborti, omicidi, omicidi, divorzi, violenze, perversioni, vizi, furti, inganni, tradimenti, menzogne profanazioni e crudeltà. Sia i peccati pubblici che i peccati degli individui. I peccati dei nemici di Dio così come i peccati dei Suoi amici. I peccati dei laici e del clero, degli umili e dei capi, dei governati e di coloro che governano, dei giovani e degli anziani, degli uomini e delle donne.

Si sbagliano coloro che credono che la violazione dei nostri diritti naturali che stiamo subendo non abbia un significato soprannaturale e che la nostra parte di responsabilità nel renderci complici di ciò che sta accadendo sia irrilevante. Gesù Cristo è il Signore della Storia, e chi vorrebbe bandire il Principe della Pace dal mondo che Lui ha creato e redento con il Suo Preziosissimo Sangue non vuole accettare l’inesorabile sconfitta di Satana, l’eterno perdente. E così, in un delirio che ha tutte le sembianze di hybris , i suoi servi si muovono come se la vittoria del male fosse ormai certa, mentre in realtà è necessariamente effimera e momentanea. La nemesi ciò che viene preparato per loro ci ricorderà il popolo d’Israele dopo la traversata del Mar Rosso, e che il Faraone non avrebbe potuto fare nulla se non fosse stato permesso da Dio.

La Pasqua cristiana, la vera Pasqua di cui la Pasqua dell’Antico Testamento era solo una figura, si compie sul Golgota, sul legno benedetto della Croce. Gesù Cristo è l’altare, il sacerdote e la vittima perfetti di quel sacrificio. L’ Agnus Dei , indicato dal Precursore sulle rive del Giordano, ha preso su di sé i peccati del mondo per offrirsi come vittima umana e divina al Padre, restaurando nel suo sangue l’ordine violato dal nostro primo Genitore . È lì, sul Calvario, che avvenne il vero Grande Reset, grazie al quale il debito inestinguibile dei figli di Adamo fu cancellato dagli infiniti meriti della Passione del Redentore, riscattandoci dalla schiavitù del peccato e della morte.

Senza pentirsi dei nostri peccati, senza l’intenzione di modificare la nostra vita e conformarla alla volontà di Dio, non possiamo sperare che le conseguenze dei nostri peccati, che offendono la Divina Maestà e possono essere placate solo con la penitenza, scompaiano. Nostro Signore ci ha mostrato la via regale della Croce: ” Cristo ha sofferto per te, lasciandoti un esempio, affinché tu possa seguire le sue orme ” (1 Pt 2:21). Prendiamo ciascuno la nostra croce, rinnegando noi stessi e seguendo il Divin Maestro. Avviciniamoci alla Santa Pasqua con la consapevolezza che siamo sempre sotto lo sguardo del Signore: ” Eri smarrito come pecore, ma ora sei tornato al Pastore e Guardiano delle tue anime ” (1 Pt 2:25) . E ricordiamolo sul dies iraecertamente tutti lo avremo come nostro giudice, ma grazie al battesimo ci siamo meritati il ​​diritto di riconoscerlo fratello e amico.

Chiediamo al Giudice Supremo, usando le parole della Sacra Scrittura: “ Discerne causam meam de gente non sancta, ab homine iniquo et doloso erue me [Distingua la mia causa dalla nazione che non è santa, liberami dall’uomo ingiusto e ingannevole] . ” Al Padre Misericordioso che nel Suo Divino Figlio ci ha resi eredi della gloria eterna, rivolgiamo con umiltà le parole di Davide: ” Amplius lava me ab iniquitate mea, et a peccato meo munda me [Wash me more and more from my iniquity, e purificami dal mio peccato]. ” Chiediamo allo Spirito Consolatore: ” Da virtutis meritum, da salutis exitum, da perenne gaudium [Concedi la ricompensa della virtù, concedi la liberazione della salvezza, concedi la gioia eterna]”.

Se vogliamo davvero che questa cosiddetta pandemia crolli come un castello di carte – come è sempre accaduto per flagelli ben peggiori, quando il Signore ne decretò la fine – ricordiamoci di riconoscere a Lui, ea Lui solo, quella Signoria universale che noi usurpiamo ogni volta che pecchiamo, rifiutandoci di obbedire alla Sua santa Legge e rendendoci così schiavi di Satana. Se desideriamo la pace di Cristo, è Cristo che deve regnare, ed è il suo Regno che dobbiamo desiderare, a cominciare da noi stessi, dalla nostra famiglia, dalla nostra cerchia di amici e conoscenti, dalla nostra comunità religiosa. Adveniat regnum tuum . Se invece permettiamo che si stabilisca l’odiosa tirannia del peccato e la ribellione contro Cristo, la follia di Covid sarà solo l’inizio dell’inferno sulla terra.

Prepariamoci dunque alla Confessione e alla Comunione pasquale con questo spirito di riparazione ed espiazione per i nostri peccati e per quelli dei nostri fratelli, degli uomini di Chiesa e di coloro che ci governano. Il vero e santo “nuovo Rinascimento” a cui dovremmo aspirare dovrebbe essere la vita della Grazia, l’amicizia con Dio e la costanza con la Sua Santissima Madre e i Santi. Il vero ” niente sarà come prima ” deve essere quello che diciamo quando ci alziamo dal confessionale con la decisione di non peccare più, offrendo il nostro cuore al Re eucaristico come un trono dove Egli si diletta a dimorare, consacrando ogni nostro azione, pensiero e respiro a Lui.

Possano questi essere i nostri auguri per la prossima Pasqua di Risurrezione, sotto lo sguardo gentile di Nostra Regina e Signora, Corredentrice e Mediatrice di tutte le Grazie.

+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo

9 marzo 2021

Exit mobile version