Capo uscente del Mossad israeliano: “chiunque mina la sicurezza di Israele deve cessare di esistere”

Il direttore del Mossad afferma che le persone che mettono in pericolo Israele “devono cessare di esistere”. E’ abbastanza chiara l’ammissione della paternità dell’omicidio di Mohsen Fakhrizadeh, il principale scienziato nucleare iraniano, che è stato assassinato in una strada fuori Teheran, lo scorso novembre.

Allo stesso modo l’ex direttore ha ammesso implicitamente il sabotaggio del sito nucleare iraniano di Natanz.

E’ evidente che l’esternazione alimenta la battaglia dei nervi che l’Iran sta sostenendo da tempo, ove Israele mira – con attacchi omicidi mirati, sabotaggi e attacchi in Siria – a minare gli accordi di Vienna sul nucleare iraniano, con cui Teheran spera siano sollevate le sanzioni internazionali.

Ovviamente, immaginate cosa sarebbe successo se a fare una dichiarazione del genere fosse stato il presidente siriano Assad (o un funzionario iraniano)…

La fonte è la BBC:

Il capo uscente dei servizi segreti israeliani Mossad ha rilasciato un’intervista rivelatrice sulle operazioni del Paese contro l’Iran.

Yossi Cohen ha fornito dettagli sul furto degli archivi nucleari iraniani.

L’irruzione in un magazzino nel 2018 ha trafugato decine di migliaia di documenti dal paese portandoli in Israele.

Ha anche accennato al coinvolgimento di Israele nella distruzione dell’impianto nucleare iraniano di Natanz e nell’assassinio di uno scienziato nucleare.

La scorsa settimana Cohen è andato in pensione lasciando l’incarico di responsabile del Mossad .

Yossy Cohen ha fatto queste rivelazioni  nell’ambito del programma Uvda di Channel 12 diretto dalla giornalista Ilana Dayan , andato in onda giovedì sera sulla TV israeliana.

All’inizio dell’intervista, il sig. Cohen ha parlato dell’impianto nucleare iraniano a Natanz.

L’Iran ha affermato che il sabotaggio ha causato un incendio nel sito di arricchimento dell’uranio nel luglio 2020. Un giorno dopo aver rivelato nuove attrezzature nell’aprile di quest’anno, i funzionari hanno nuovamente affermato di essere stati sabotati e di aver subito danni significativi. L’Iran ha accusato Israele di “terrorismo nucleare” in seguito a questo incidente.

Cohen ha detto alla signora Dayan che conosceva il sito e che nel sottosuolo si trovavano le centrifughe. Ha poi aggiunto che a seguito del sabotaggio gli impianti nel sottosuolo non hanno più l’aspetto di una volta.

E ha anche parlato di Mohsen Fakhrizadeh. Il principale scienziato nucleare iraniano che è stato assassinato su una strada fuori Teheran lo scorso novembre, per mezzo di un attacco che l’Iran ha pubblicamente attribuito a Israele.

[…]

L’ex capo del Mossad non ha né confermato né smentito il suo coinvolgimento con la sua morte. Ma ha detto che lo scienziato è stato un bersaglio “per molti anni”, aggiungendo che le sue conoscenze scientifiche hanno preoccupato l’agenzia.

“Se quest’uomo costituisce una capacità che mette in pericolo i cittadini di Israele,  deve cessare di esistere ”  , avrebbe detto, ma ha aggiunto che qualcuno potrebbe essere risparmiato “se è disposto a cambiare idea. professione e non farci più del male”.

La fonte è la BBC, qui l’articolo completo in inglese: https://www.bbc.com/news/world-middle-east-57440430

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.