Brexit: la lotta tra Gran Bretagna e globalismo europeo è appena iniziata

L’articolo che riporto questa volta,  è tratto da Russie Politics, il blog della giornalista Karine Bechet che affronta problematiche e dinamiche di politica internazionale. Nell’articolo si esamina la situazione nella Gran Bretagna dopo la brexit .

I nostri media per mesi ci hanno fatto credere che questa volontà fosse il ‘remain’, ovvero che la maggior parte della popolazione propendeva di rimanere nella casa europea ma che era stata ingannata da uomini come Jhonson tramite sotterfugi.

Tuttavia i risultati dimostrano ampiamente che i media hanno mentito: la scelta dei cittadini britannici di andarsene da questa UE non è mai mutata.

Ma perchè allora questa manipolazione mediatica? Perchè stanziare soldi e mettere su di tutto affinchè i risultati delle consultazioni democratiche si uniformassero alle scelte di pochi?

E’ molto semplice: la leadership europeista ha deciso che l’Europa si deve fare in solo modo possibile: il loro.

Non è quindi sorprendente che ora che i risultati sono chiari, le élite hanno paura che l’uscita di un paese fondatore possa innescare una reazione a catena che determinerebbe la definitiva fine della UE. Naturalmente questa spinta sarebbe ancora più forte se l’economia del paese uscente migliorasse la propria condizione anziché peggiorarla, come paventato dagli strateghi UE .

Sia ben chiaro:   a Bruxelles non interessa la sopravvivenza della UE nello spirito dei padri fondatori  e di San Benedetto ma la sopravvivenza di un sistema. quello globalista, per cui la UE è stata creata.  A questa considerazione  possiamo inoltre aggiungere che la paventata ecatombe non avverrà.

Per queste ragioni allora la leadership europea si è tutelata ed ha trovato il modo per scongiurare altre uscite da parte di altri stati membri.

Il solo modo intravisto dalle élite per evitare nuove spinte centripete è danneggiare la Gran Bretagna. Deve essere dimostrato che al fuori della UE non c’è futuro e se un paese esce dall’Unione collassa e l’economia declina. E’ per questo che  la UE cavalcherà le spinte  autonomistiche della Scozia. In altri termini: la richiesta della Scozia di rimanere nella UE ed uscire dalla UK, è appoggiata dal clan globalista europeo che sta sfruttando a proprio vantaggio le spinte interne scozzesi.

@vietatoparlare

[su_divider]

Brexit: la lotta tra Gran Bretagna e globalismo europeo è appena iniziata

I risultati delle elezioni legislative in Gran Bretagna sono definitivi: contro la macchina della propaganda europeista lanciata da tutti i media in Europa, i risultati del referendum del 2016 sono ampiamente confermati. L’UE, che si sta preparando a perdere la Gran Bretagna e sta lottando per la sua sopravvivenza politica, sta lottando per distruggere il paese che osa abbandonarla. Il punto di attacco è mirato: la Scozia. Bisogna dimostrare che non può esserci sopravvivenza al di fuori della globalizzazione, altrimenti potrebbe dare idee, specialmente dopo l’improvviso aumento del mercato azionario a seguito dell’annuncio della vittoria del pro-Brexit.

Queste elezioni legislative sembravano un voto di conferma per il referendum del 2016, con il quale è arrivata la decisione della Brexit. E che è stato così contestato dagli attivisti europei di tutti i paesi, bloccato dai deputati britannici, che agiscono contro la voce popolare e sequestrato dalle autorità europee. Tutto in un contesto di clamore mediatico che spiega che gli inglesi si sono già pentiti del loro voto del 2016 espresso “senza la consapevolezza del loro libero arbitrio”, che non può esserci futuro radioso al di fuori dell’UE.  I leader europei sostengono che la sovranità è superata, che non ha più senso, che nessun paese razionale oggi può più pensarci. Solo un urlo come Johnson non ha paura di ridicolizzare queste affermazioni che hanno intrapreso quel vicolo cieco.
Comunque gli elettori britannici hanno ampiamente confermato il loro desiderio di lasciare l’UE, hanno sostenuto Boris Johnson nonostante una potente campagna mediatica fortemente polarizzata. E i conservatori hanno vinto la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento con 365 seggi, con un grado di sostegno che non esisteva più dalla Thatcher.
Questo schiaffo in faccia all’UE è difficile da digerire. La vittoria finale di Johnson è stata riconosciuta all’unanimità, ma non può essere senza conseguenze per la Gran Bretagna. Perché se un paese fondatore della UE, che aveva già avuto la buona idea di non perdersi nell’euro, si concede una ripresa dopo il divorzio, ciò potrebbe dare delle idee ad altri. Tanto più che queste idee già esistono, ma mancano di leader politici in grado di sostenere le aspirazioni delle popolazioni. Solo l’Italia sembra essere l’eccezione, motivo per cui per la UE è gravoso assumere il rischio elettorale.
L’intera lotta è ora focalizzata su Scozia e Irlanda. Soprattutto in Scozia. Perché queste regioni nel 2016 avevano sostenuto l’UE e questa volta non hanno sostenuto Johnson.

Il p osizione del Primo Ministro è semplice:
Il primo ministro, d’altro canto, ha escluso di offrire alla Scozia un secondo referendum sull’indipendenza della regione: il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon, forte del buon punteggio ottenuto nelle elezioni legislative del suo partito di indipendenza, il SNP – ha detto che la volontà degli scozzesi è stata già detta in maniera forte e chiara.

Anche quello scozzese , anche se diametralmente opposto:

Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha risposto alla  BBC  che non sarebbe bastato dire di  no . Non puoi tenere la Scozia nell’unione contro la sua volontà , ha detto il leader nazionalista. Se Boris Johnson è fiducioso sulla questione della legittimità delle scelte, allora dovrebbe essere abbastanza sicuro da […] lasciare che le persone decidano.
La logica qui presentata è interessante: se una regione appartenente ad uno Stato vota in modo diverso dal risultato espresso a livello nazionale, ciò dovrebbe servire come base per l’uscita di questa regione dello Stato e quindi mettere in discussione lo stato dell’arte su un territorio e una popolazione. In breve, ci troviamo di fronte a due discorsi opposti, quello dello Stato (Johnson) e quello della regionalizzazione nell’UE .
Senza nemmeno parlare dei risultati sorprendenti che porterebbero all’applicazione di questo principio nei paesi dell’UE (nessuno Stato sopravviverebbe a lungo), è importante ricordare che i risultati dei referendum sono vincolanti per lo stato in quanto tale, e quindi tutti i suoi componenti, purché esista la staticità. In altre parole, a parte la situazione di guerre civili, rivoluzioni o conflitti armati che mettono in discussione il normale funzionamento delle istituzioni e quindi l’esistenza dell’istituzione legale che è lo Stato, questa logica non può essere applicata. Legalmente.
Diverso discorso è avvenuto per la Crimea. È stato possibile la scissione per la Crimea proprio a causa del Maidan e della rivoluzione che ha portato e che ha sospeso il normale funzionamento delle istituzioni statali ucraine.
Ma ovviamente, politicamente, è possibile mettere in atto le condizioni necessarie , vale a dire destabilizzare sufficientemente lo stato in modo che ceda, e questo è esattamente ciò che il clan globalista sta per fare localmente. Il clan globalista naturalmente è rappresentato dall’UE. La lotta è appena iniziata.

Karine Bechet

Exit mobile version