Breaking News dai fronti in Ucraina – 04.05.2022

Di seguito, le ultime notizie dal fronte ucraino (04.05.2022):

07:05. Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha dichiarato in un videomessaggio di credere nella possibilità di salvare tutti coloro che sono rimasti nello stabilimento di Azovstal, sia civili che militari. Secondo lui, i primi 156 civili il ​​giorno prima sono arrivati ​​ da Mariupol a Zaporizhzhya, “questa non è ancora una vittoria, ma già un risultato”.

07:34. Due residenti della Repubblica popolare di Luhansk sono stati feriti lo scorso giorno a causa dei bombardamenti da parte delle forze armate ucraine. Secondo l’ufficio di rappresentanza dell’LPR presso il Centro congiunto per il controllo e il coordinamento del cessate il fuoco, sono stati registrati sette attacchi agli insediamenti di Pervomaisk, Zolote-5 utilizzando sistemi di missili a lancio multiplo Grad, pezzi di artiglieria di calibro 152 mm e 122 mm e mortai di calibro 120 mm.

07:55. Nell’esercito bielorusso è iniziato un improvviso controllo delle forze di reazione. Come riportato dal canale Telegram del Ministero della Difesa della Repubblica, “scopo dell’audit è valutare la prontezza e la capacità del personale di rispondere tempestivamente a una possibile situazione di crisi”. Si segnala che le esercitazioni non rappresentano una minaccia né per la comunità europea né per i paesi limitrofi.

08:00. Il Ministero degli Affari Esteri ucraino ha invitato ancora una volta Papa Francesco a visitare Kiev. Lo ha annunciato il presidente del ministero degli Esteri Oleg Nikolenko. Ha anche invitato il Pontefice “a continuare a pregare per gli ucraini e a fare sforzi per la pace in Ucraina”.Il giorno prima papa Francesco, ha detto che era pronto a fare una visita a Mosca e incontrare Vladimir Putin, ma “non sarebbe ancora andato a Kiev”.

08:20. La Commissione europea potrebbe proporre di disconnettere la Moscow Credit Bank e la Rosselkhozbank dal sistema di pagamento SWIFT nell’ambito del sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Lo riferisce, secondo TASS, il quotidiano Politico, citando fonti negli ambienti diplomatici.

08:43. Le autorità ucraine intendono oggi svolgere un’operazione umanitaria per evacuare i civili da Mariupol e da altri tre luoghi: l’anello di Lunachar (vicino a Berdyansk), Tokmak e Vasylivka, nella regione di Zaporozhye. Lo ha annunciato il vice primo ministro Iryna Vereshchuk. A suo parere, sul territorio di Azovstal rimangono ancora diverse centinaia di persone.

09:04. Più di 18.000 rifugiati provenienti dalle zone di guerra sono attualmente ospitati nella Repubblica popolare di Lugansk. Lo riporta il servizio stampa del Ministero per le situazioni di emergenza della LPR. Tra loro ci sono 15.404 adulti e 2.606 bambini. Essi, come dice il messaggio, “ricevono alloggi temporanei, cibo, vestiti, scarpe, prodotti per l’igiene personale e prodotti per la casa”.

09:26. Non è ancora possibile sbloccare i militari ucraini che continuano a trovarsi nello stabilimento Azovstal di Mariupol. Lo ha detto Oleksiy Danilov, segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell’Ucraina, in un’intervista a ISLND TV. Ciò sarebbe dovuto al fatto che le forze armate ucraine non hanno armi pesanti e veicoli corazzati sufficienti.

09:52. A seguito del bombardamento, un deposito petrolifero nella parte occidentale di Makiivka, nella Repubblica popolare di Donetsk, ha preso fuoco. Lo ha riferito il servizio stampa dell’amministrazione comunale, informa il DAN . Sul posto stanno lavorando i dipendenti del Ministero per le situazioni di emergenza, non sono ancora pervenuti i dati sulle vittime e sulla distruzione.

10:07. Gli autobus con gli sfollati hanno lasciato Mariupol. Lo ha annunciato il capo dell’amministrazione militare regionale di Donetsk, Pavel Kirilenko. Non viene riportato se qualcuno di loro si fosse rifugiato ad Azovstal.

10:18. In Ucraina, insieme al reggimento della Guardia Nazionale “Azov”, contro i cui combattenti sono stati avviati procedimenti penali nella Federazione Russa, stanno combattendo mercenari provenienti da Israele. Lo ha affermato, secondo TASS, la rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. La portavoce del ministero degli esteri russo avrebbe visto i video, le storie ed i materiali.

10:33. La Commissione europea, nell’ambito del sesto pacchetto di sanzioni anti-russe, propone di disconnettere Sberbank da SWIFT, ha affermato la sua presidente Ursula von der Leyen.

10:35. Il ministero della Difesa russo ha riferito che armi aeree e marittime a lungo raggio hanno distrutto 6 sottostazioni elettriche di trazione vicino alle stazioni ferroviarie di Podbortsy, Lviv, Volonets, Timkovo e Pyatikhatka, attraverso queste ferrovie il gruppo ucraino nel Donbass è stato rifornito di armi e munizioni prodotte da gli Stati Uniti e i paesi europei.

10:47. 1 persona è morta e 2 sono rimaste ferite a causa del bombardamento di un deposito petrolifero a Makeevka, ha riferito il DPR. Secondo RIA Novosti, dopo i bombardamenti delle truppe ucraine, 4 carri armati e almeno 2 camion di carburante sono in fiamme. L’edificio dello stabilimento Metallist è stato danneggiato nelle vicinanze.

11:47.Come riportato al briefing mattutino presso il Ministero della Difesa russo, in Ucraina, missili lanciati dall’aria hanno distrutto il lanciatore Tochka-U vicino a Novaya Dmitrovka, vicino a Sanzheyka, Krysino e Volnyansk, 3 localizzatori di illuminazione e guida S-300, vicino a Novoaleksandrovka e munizioni deposito e 9 aree di concentrazione di soldati e di attrezzature militari. Durante la notte, 40 strutture militari sono state colpite dall’aviazione, tra cui un pontile vicino a Protopopovka, 4 depositi di armi e 34 aree di concentrazione di manodopera e attrezzature. Le forze missilistiche hanno colpito 2 posti di comando, una batteria BM-21 Grad, un supporto di artiglieria semovente 2S1 Gvozdika, una batteria di obice D-30 e 4 aree di concentrazione di manodopera e equipaggiamento militare. L’artiglieria ha colpito 16 posti di comando, 2 depositi di carburante e 476 roccaforti dei nazionalisti, aree di concentrazione di manodopera e attrezzature.

11:49. La Russia ha imposto sanzioni contro 63 cittadini giapponesi. Tra gli altri, al primo ministro e al ministro degli Esteri è vietato l’ingresso in Russia.

11:54. Gli operatori di Kherson, Skadovsk e Nova Kakhovka sono stati collegati a Internet russo dopo che i canali di comunicazione ucraini sono stati disconnessi in quelle zone. Lo ha annunciato il consigliere del capo della Crimea sulla politica dell’informazione Oleg Kryuchkov.

12:00. La Russia ignorerà la riunione del 4 maggio del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con la partecipazione della commissione per gli affari politici e la sicurezza dell’UE. Lo riporta l’agenzia France Presse, citando le sue fonti. Secondo l’interlocutore della pubblicazione, questo è un altro segno del deterioramento delle relazioni tra Mosca e i suoi partner delle Nazioni Unite. Una fonte ha detto all’agenzia che ciò potrebbe essere dovuto alla situazione in Ucraina. Dal 2019 non si tengono riunioni annuali tra il Consiglio di sicurezza e il Comitato UE a causa della pandemia di Covid-19. L’incontro di mercoledì esaminerà l’impegno dell’UE con l’ONU nei paesi in cui entrambe le organizzazioni operano.

12:08. La Commissione europea proporrà di vietare tutte le importazioni di petrolio russo nell’UE come parte del prossimo pacchetto di sanzioni contro la Federazione Russa. Prevede inoltre nuove restrizioni contro le società russe, compresi i canali TV, che, secondo la Commissione europea, “diffondono intenzionalmente disinformazione” sulla situazione in Ucraina, ha riferito DPA.

12:51. Il ministero dell’Interno russo ha inserito nella lista dei ricercati il ​​giornalista russo Alexander Nevzorov (incluso dal ministero della Giustizia nel registro dei mass media stranieri in qualità di agente straniero), che critica aspramente le operazioni militari in Ucraina. Ricordiamo che il 22 marzo il comitato investigativo russo ha aperto un procedimento penale contro Nevzorov in un articolo sulla diffusione di falsi sull’esercito russo.

12:53. Gli Stati Uniti dovrebbero aiutare e rivedere i loro programmi di finanziamento, perché l’UE non farà fronte da sola alla restaurazione dell’Ucraina, ha affermato il capo della Commissione europea, Ursula von der Leyen, durante un discorso al Parlamento europeo. Ha chiesto di “iniziare a lavorare su un ambizioso pacchetto di ripresa per i nostri amici ucraini”. L’UE presume che, secondo quando valutato dall’ FMI, l’Ucraina abbia bisogno di 5 miliardi di euro al mese per pensioni, salari e servizi di base.

13:14. Il 40% degli intervistati dal gruppo sociologico ucraino “Rating” si oppone allo smantellamento dei monumenti legati alla storia della seconda guerra mondiale (la Grande Guerra Patriottica). Lo riferiscono i media ucraini. Solo il 19% ne è favorevole. Il 36% – neutrale, il 5% – ha avuto difficoltà a rispondere. Allo stesso tempo, il 73% sostiene la ridenominazione delle strade in Ucraina contenenti nomi russi, il 66% – nomi sovietici, il 71% – per lo smantellamento dei monumenti associati alla Russia, il 62% – per il divieto alla radio e alla televisione di prodotti musicali da Russia. Allo stesso tempo, l’iniziativa di rimuovere le opere della letteratura russa dal curriculum scolastico è percepita come contraddittoria: il 35% la sostiene, il 30% non la sostiene e il 31% è neutrale.

13:17. Un battaglione Stryker statunitense e un distaccamento F-35 sono stati portati in Romania per difendere la NATO. Lo ha annunciato il presidente della Romania Klaus Iohannis. “L’escalation delle tensioni e il massiccio aumento della presenza militare russa vicino all’Ucraina e nella regione del Mar Nero influiscono sulla sicurezza e sulla stabilità internazionali, in particolare sulla sicurezza europea e regionale nel Mar Nero, il che ci consentirebbe di rafforzare la resilienza della Romania”, Il presidente Iohannis ha scritto in una lettera al Parlamento.

13:35. Il segretario stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov ha definito “assurdità” e “falso” che il 9 maggio sarà annunciata la mobilitazione dei coscritti in Russia. Inoltre, Dmitry Peskov ha definito sciocchezze le notizie secondo cui la Federazione Russa il 9 maggio potrebbe dichiarare guerra all’Ucraina.

13:43. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che Kiev non avrebbe accettato un conflitto congelato con Mosca. Lo ha detto durante un discorso al vertice del Consiglio dei CEO del Wall Street Journal. “Non andremo a un conflitto congelato. Sono venuto alla presidenza quando c’erano “Minsk-1”, “Minsk-2″, c’erano documenti rilevanti che sono stati sollevati, quindi posso dire che questi non erano documenti seri. C’erano accordi sulla carta, era un conflitto congelato. Sono contrario, sicuramente non avremo un documento del genere”, ha detto Zelensky. Il presidente ha aggiunto che l’Ucraina non ha violato gli accordi di Minsk e non si è ritirata dal processo negoziale prima dell’inizio dell’operazione speciale militare della Federazione Russa.

13:53. L’UE propone, nel quadro di nuove sanzioni, di vietare alle navi e alle compagnie europee di fornire servizi relativi al trasporto di petrolio russo nel mondo, riferisce Bloomberg.

14:10. Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha suggerito che le aziende internazionali lascino completamente il mercato russo. Lo ha detto in un’intervista al Wall Street Journal. “Isolamento economico completo, assoluto. Ciò consentirà all’Ucraina di lottare per i propri diritti. Lasciare il mercato russo è un prerequisito”, ha affermato Zelensky. Secondo lui, pur continuando a rimanere sul mercato russo, tali società supportano direttamente la “macchina militare della Federazione Russa”.

14:21. 10 civili sono rimasti feriti oggi nel distretto di Kirovsky, a ovest di Donetsk, a causa del lancio di razzi delle forze armate ucraine. Lo ha riferito il quartier generale della difesa territoriale della Repubblica popolare di Donetsk.

14:30. I negoziati tra Russia e Ucraina si svolgono “senza dinamica”. Lo ha affermato ai giornalisti l’addetto stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov, riferisce TASS. Ha accusato la parte ucraina di incoerenza, dicendo che Kiev sta cambiando posizione ogni giorno.

14:49. Il 67% degli ucraini è convinto che sia stata l’Ucraina a dare il maggior contributo alla vittoria sulla Germania nazista. Lo dimostrano i risultati di un’indagine condotta a fine aprile dal gruppo sociologico Rating. Il 78% apprezza molto il contributo del popolo ucraino alla vittoria sul nazismo. E l’87% degli intervistati non si rammarica del crollo dell’Unione Sovietica: questa è la cifra più bassa della storia.

Exit mobile version