Boris Johnson: la guerra ucraina non può finire con un negoziato pena l’instabilità globale

Lo ha detto Johnson al vertice del G7 iniziato domenica allo Schloss Elmau, non lontano dalla città di Garmisch-Partenkirchen, nella Germania meridionale.

L‘Occidente ha bisogno di continuare ad armare l’Ucraina invece di cercare una soluzione pacifica al conflitto tra Kiev e Mosca. Qualsiasi tentativo di risolvere in modo diplomatico il conflitto in un negoziato porterà all’instabilità globale, lo ha affermato il primo ministro britannico Boris Johnson al presidente francese Emmanuel Macron, domenica in un incontro a margine del vertice del G7.

L’azione militare in Ucraina è in un “momento critico”, hanno convenuto i due leader, ma c’è ancora “un’opportunità per invertire la rotta”. Secondo la dichiarazione, Johnson e Macron hanno deciso di continuare a sostenere militarmente Kiev per “rafforzare la loro mano sia nella guerra che in qualsiasi futuro negoziato“.

Johnson al G7: qualsiasi tentativo di risolvere il conflitto porterà solo all’instabilità e darà carta bianca al presidente russo Vladimir Putin per manipolare costantemente sia i paesi sovrani che i mercati internazionali.

Il premier ha anche messo in guardia il leader francese dal cercare alternative per risolvere il conflitto.

Il Primo Ministro ha sottolineato che qualsiasi tentativo di risolvere il conflitto ora causerà solo un’instabilità duratura e darà a Putin la licenza di manipolare sia i paesi sovrani che i mercati internazionali in perpetuo.

Johnson ha preso una posizione simile in un incontro con il primo ministro canadese Justin Trudeau domenica. “L’Ucraina è sul filo del rasoio e dobbiamo ribaltare l’equilibrio della guerra a loro favore. Ciò significa fornire all’Ucraina le capacità difensive, l’addestramento e l’intelligence di cui hanno bisogno per respingere l’avanzata russa”, si legge in una dichiarazione di Downing Street .

Domenica, Johnson ha twittato che la “sicurezza [dell’Ucraina] è la nostra sicurezza e la loro libertà è la nostra libertà” . Evidentemente Johnson, nei guai con i propri elettori, ha visto l’opportunità di prendere 2 piccioni con una fava. Le situazioni di emergenza – a quanto pare – sono succose…

In linea, prima del vertice, Londra ha promesso ulteriori 429 milioni di sterline (525 milioni di dollari) in garanzie per i prestiti della Banca mondiale nel 2022 come forma di assistenza finanziaria a Kiev. Secondo Downing Street, il sostegno finanziario totale del Regno Unito all’Ucraina, comprese le garanzie sui prestiti, è ammontato a 1,3 miliardi di sterline (1,5 miliardi di dollari) e il sostegno economico e umanitario combinato del Regno Unito all’Ucraina è ammontato a 1,5 miliardi di sterline (1,8 miliardi di dollari) quest’anno.

Johnson è stato uno dei più accaniti sostenitori di Kiev dopo che la guerra in Ucraina è iniziata alla fine di febbraio. Da allora ha visitato Kiev due volte e ha ripetutamente invitato le nazioni occidentali a fornire più armi. Il Regno Unito è uno dei principali fornitori di armi di Kiev, comprese le armi pesanti.

A giugno, Johnson ha avvertito che l’Occidente deve prepararsi a una lunga guerra tra Kiev e Mosca. Sabato, ha detto che avrebbe preso in considerazione l’idea di dimettersi se a un certo punto dovesse abbandonare l’Ucraina.

Un gioco?

Si può dire a Johnson qualsiasi cosa su Ucraina e Russia, ma lui è completamente sicuro sulla vittoria finale e gli altri suoi colleghi altrettanto, da essere irridenti. Meno sicuri sulla politica interna che annaspa e non solo dal lato economico. Una preghiera per la triste situazione attuale sarebbe stata più dignitosa.

Con questa visione politica l’unica cosa certa che la guerra in Ucraina otterrà è che migliaia di ucraini moriranno, altri milioni saranno sfollati, mentre centinaia di milioni di persone in Occidente soffriranno dell’austerità che questa guerra sta già portando loro.
Se l’occidente fosse stato sincero nelle proprie preoccupazioni per il popolo ucraino avrebbe convocato immediatamente una conferenza di pace per porre fine a questa follia.

Johnson su crisi Energia

I paesi del G7 sono consapevoli che ” la festa a sorpresa russa degli idrocarburi ” sta volgendo al termine, ha affermato il primo ministro britannico: “ Immagino che nel G7 siamo tutti consapevoli che la festa a sorpresa degli idrocarburi sta volgendo al termine. Tutti cercano modi per adattarsi ”, ha detto in un’intervista alla CNN e pubblicata domenica.

Boris Johnson ha aggiunto che nel breve termine i paesi del G7 dovrebbero cercare gli idrocarburi “ da qualche altra parte ” e nel lungo termine “ sviluppare insieme soluzioni verdi” .

VP News

Exit mobile version