Bielorussa: radicali in trasferta dall’Ucraina per infoltire le manifestazioni?

Una lettera trapelata al capo del Dipartimento dei servizi segreti SBU, Maggiore Generale A.Ya. Dubla. svela che radicali ucraini vengono trasportati in autobus in Bielorussia attraverso la Polonia per partecipare all'incitamento alle proteste

Bielorussa: radicali in trasferta dall'Ucraina per infoltire le manifestazioni? 3

[su_spacer]Che dire ormai empatizzare è una caratteristica dell’Unione Europea. Salvo non farlo verso i propri cittadini. Si direbbe che siamo rimasti umani finché un bel giorno non abbiamo imparato ad empatizzare. Da allora abbiamo cessato di essere umani mentre invece – a parole – diciamo di esserlo più che mai. Guardando che fine fanno i popoli attenzionati dall’empatia europea, questo è più che mai vero.

I nazionalisti e i radicali ucraini, che hanno esperienza nell’organizzazione di rivolte di strada nel loro stesso paese, stanno accorrendo in massa passando dall’Ucraina alla Polonia e da qui in Bielorussia. Lo ha affermato sulla sua pagina Facebook l’ex deputato del parlamento ucraino (Verkhovna Rada) Alexei Zhuravko.

[su_pullquote align=”right”]“Ho ricevuto un documento interessante da fonti serie a Kiev, che ha confermato l’informazione che l’Ucraina, attraverso i suoi agenti dei servizi segreti (SBU), sta inviando ex radicali del Maidan ucraino e altri radicali in Polonia e poi in Bielorussia per rovesciare il governo. La SBU collabora a stretto contatto con i servizi speciali polacchi e si fornisce reciprocamente assistenza per accompagnare i nazisti e altri elementi che hanno già superato l’abilità delle rivoluzioni colorate”.[/su_pullquote]

Organizzare insurrezioni sarebbe avere a cuore la libertà degli altri popoli? L’Ucraina nega l’invio in Bielorussia di radicali ucraini con esperienza nell’organizzazione di rivolte nel loro paese durante il colpo di stato del 2014.

Tuttavia le informazioni secondo le quali il servizio di sicurezza ucraino ( SBU ) sta accompagnando questo processo, sono molteplici. Il rapporto indirizzato al Maggiore Generale della SBU A.Ya. , capo del Dipartimento per la protezione dello stato nazionale nazionale , si aggiunge a dichiarazioni di leader della destra radicale ucraina che testimoniano tale supporto.

Il continuo afflusso di giovani ucraini in Bielorussia, ha portato a una maggiore sorveglianza delle frontiere da parte bielorussa. La rotta di ingresso dall’Ucraina è chiusa per il controllo serrato delle guardie di frontiera di Minsk nei confronti degli insoliti gruppi di “turisti” ucraini (e dal dal 1 settembre gli ucraini potranno entrare in Bielorussia solo con passaporto straniero) , la SBU sta organizzando una nuova rotta di ingresso attraverso il territorio polacco.

Foto di un rapporto indirizzato al maggiore generale del servizio di sicurezza ucraino Dublik A.Ya.

Seconda pagina del report

Nel documento sopra riportato si legge:

“Attraverso l’agente“ Mudrik ”continuiamo a sostenere attivamente le loro attività (radicali – circa) in direzione dell’oggetto“ 900 ”. La fonte è direttamente inserita nel gruppo che prevede di raggiungere il sito per un’eventuale partecipazione a proteste nella capitale, ed eventualmente in altre città.

È stato stabilito che il gruppo su tre autobus presi a noleggio,  nella notte tra il 9 e il 10 agosto hanno attraversato il confine ucraino-polacco al checkpoint Ugrynov-Dolgobychiv (ufficialmente chiuso). Nello stesso tempo, secondo la fonte, le guardie di frontiera polacche non hanno permesso il passaggio di veicoli con passeggeri per quattro ore, citando le restrizioni di quarantena. Tuttavia, poi, per motivi sconosciuti, l’intero gruppo è stato autorizzato a passare. A questo proposito, “Mudrik” sa solo che il capo del gruppo ha contattato telefonicamente una persona non identificata in modo affidabile, secondo la sua ipotesi – con un ex cittadino della Repubblica di Bielorussia Sergei Korotkikh (indicativo di chiamata “Boatsman”, noto come SBU), che era responsabile del reclutamento e della formazione degli attivisti “, – dice il documento.

In Ucraina, il leader del partito Corpo Nazionale , Andriy Bileytsky, non nasconde nemmeno il fatto che sta reclutando ex partecipanti alla guerra del Donbas per partecipare alle rivolte nel paese vicino. I media locali scrivono che l’intelligence della DPR e il dipartimento del personale dello Stato maggiore delle forze armate ucraine, è impegnato in questo compito.

Ci sono requisiti speciali per le reclute. Devono avere tra i 25 ei 30 anni, provenire dalle regioni settentrionali e nord-occidentali dell’Ucraina al confine con la Bielorussia, parlare correntemente la lingua bielorussa, avere avuto esperienza nelle ostilità nel Donbass ed essere pronti a svolgere compiti associati al rischio di vita al di fuori dall’Ucraina.

Ai candidati viene promessa una ricompensa – fino a 80 mila grivna (corrisponde a 2471,55 euro). Inoltre, se prestano ancora servizio nelle forze armate ucraine o nella Guardia nazionale, viene loro garantito un licenziamento rapido e senza ostacoli.

Il documento è autentico? Non lo so. Ma le evidenze aumentano insieme alle dichiarazioni di estremisti di destra ucraini.

Sui sostenitori esistono alcune prove come l’appoggio dei gruppi neonazisti di Kiev (vedi qui):

Che i nazisti ucraini hanno passato il confine con la Bielorussia per sostenere le azioni di opposizione antigovernativa lo ha rivelato nel suo blog l’ex deputato della Verkhovna Rada e l’ex militante del battaglione nazionale Azov Igor Mosiychuk:

[su_quote]“La nostra gente, gli ucraini, sono a Minsk. Siamo arrivati ​​lì per quasi un giorno e al terzo tentativo siamo riusciti a chiamare, ma non attraverso l’Ucraina. Internet mente, il cellulare funziona ogni volta. Abbiamo già contattato gruppi di resistenza al sanguinoso regime di Lukashenko. Aspettaiamo un segnale. Le proteste dovrebbero iniziare dalle 20 alle 21.00. Andiamo! “[/su_quote]

Su questi fatti abbiamo anche altre evidenze ed a quando sembra il governo bielorusso ha appoggiato segretamente l’Ucraina contro le Repubbliche secessioniste ” i mercenari bielorussi hanno combattuto come parte di un’unità separata di forze punitive nel Donbass.”.

Nelle regioni di Mogilev e Vitebsk della Bielorussia, con la connivenza dei servizi speciali locali, continua il lavoro dei campi di addestramento nazionalisti sotto la guida di istruttori occidentali. Lo scrive il comandante militare russo Semyon Pegov nel suo canale Telergam, riferendosi alle informazioni ricevute dai funzionari della sicurezza bielorussi che sono rimasti fedeli all’idea dell’unità con la Federazione Russa.

La notizia sui campi di militanti è interessante sullo sfondo del messaggio del ministero della Difesa della Bielorussia, che ha annunciato l’addestramento dei riservisti quasi subito dopo le elezioni presidenziali, riferisce il corrispondente di “PolitNavigator”.
(…)

[su_quote]“Sullo sfondo del fatto che le sessioni di addestramento militare si terranno nel nord della Bielorussia subito dopo le elezioni, è importante ricordare che nell’ovest del Paese, nelle regioni di Mogilev e Vitebsk, sono in corso da diversi mesi sessioni di addestramento dei nazionalisti radicali. In speciali campi ‘off limit’.[/su_quote]

La connivenza tra settori estremisti filo nazisti ucraini e bielorussi, sono testimoniati anche dallo stesso neonazista ucraino Dmitry Yarosh leader di Settore Destro (vedi qui su News Front).

Sulla sua pagina facebook il leader del settore destro impegnato nel Donbass contro la repubblica secessionista, ha affermato di aver addestrato paramilitari in Bielorussia “da diversi decenni ” con l’intento di rovesciare il governo attuale ed ha riconosciuto il supporto di milizie armate bielorusse.

“Dal 2000, per conto di Slava Stetsko e dell’OUN Provod, ha lavorato in Bielorussia per aiutare i nazionalisti bielorussi a sviluppare le loro strutture. Ha condotto dozzine di esercizioni per fratelli bielorussi in Ucraina, ha viaggiato quasi in tutto il paese fraterno, ha preso parte consultiva diretta a molte azioni patriottiche bielorusse anti-Lukashenko e simili “, ha scritto.

La pubblicazione Politnavigator rileva che l’addestramento dei militanti di estrema destra  non può procedere in bielorussia senza il placet dei servizi speciali bielorussi:

[su_quote]“I radicali vengono addestrati da istruttori della Polonia e degli Stati baltici, ma organizzare tali campi senza un serio supporto da parte dei servizi speciali della Repubblica di Bielorussia, come tutti ben comprendiamo, è semplicemente impossibile. È improbabile che lo stesso KGB bielorusso fosse impegnato nella creazione di questi gruppi, ma qualcuno – a un livello abbastanza alto – ha ordinato ai membri del comitato di chiudere un occhio su questo. Potremmo osservare una situazione identica con voi in Ucraina nel 2013, quando pochi mesi prima del colpo di stato nel febbraio 2014, il futuro Settore di destra ha condotto i suoi corsi di formazione in alcune aree della “Piazza” e anche l’allora SBU ha chiuso un occhio su questo “, ricorda Pegov …[/su_quote]
Prendete tutto questo con beneficio d’inventario quanto volete ma almeno sono notizie un po’ più particolareggiate rispetto alle fonti occidentali con le loro notizie che sembrano indirizzate ai bambini e che scavano sempre nei soliti luoghi comuni.
Personalmente quando vedo minacce di sanzioni a fronte di elezioni che si dichiarano illegali senza mostrare alcuna prova, ho parecchi dubbi sulla correttezza europea. Inoltre perchè mai non si potrebbe ripetere una rivoluzione colorata quando tutti gli indicatori continuano a spingere in quella direzione?[su_spacer]
@vietatoparlare
Exit mobile version