Biden e Putin hanno discusso della situazione di tensione in Ucraina

summit putin biden

summit Putin Biden - foto telegram

A seguito dell’escalation che la Nato e l’Ucraina hanno portato avanti ad arte, oggi Putin e Biden si sono parlati via video conferenza.

I leader hanno discusso sulla situazione intorno all’Ucraina e il movimento verso est della NATO, le questioni di stabilità strategica e l’agenda bilaterale. Come ha riferito il segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov, una tale conversazione “non ha un tempismo esatto”.

Questo è il comunicato pubblicato sul sito del Cremlino, diramato a termine del summit:

In particolare, hanno parlato dell’attuazione dei risultati del vertice russo-americano tenutosi a Ginevra nel giugno 2021. È stata rilevata l’importanza di un’attuazione coerente degli accordi raggiunti al più alto livello e della conservazione dello “spirito di Ginevra” quando si considerano le questioni delle relazioni bilaterali e altri problemi che sorgono tra Russia e Stati Uniti.

In questo contesto, i presidenti hanno ricordato l’alleanza dei due paesi durante la seconda guerra mondiale. Hanno sottolineato che i sacrifici fatti allora non dovrebbero essere dimenticati e l’alleanza stessa dovrebbe servire da esempio per costruire contatti e lavorare insieme nelle realtà di oggi.

Il posto predominante nella conversazione è stato occupato dai problemi legati alla crisi interna ucraina e alla mancanza di progressi nell’attuazione degli accordi di Minsk del 2015, che sono la base incontrastata per una soluzione pacifica. Il presidente della Russia, utilizzando esempi specifici, ha illustrato la linea distruttiva di Kiev, volta al completo smantellamento degli accordi di Minsk e degli accordi raggiunti nel “formato Normandia”, ha espresso grave preoccupazione per le azioni provocatorie di Kiev contro il Donbass.

Joseph Biden, dal canto suo, ha sottolineato la presunta natura “minacciosa” dei movimenti delle truppe russe in prossimità dei confini ucraini e ha delineato le misure sanzionatorie che gli Stati Uniti e i suoi alleati sarebbero pronti ad applicare in caso di un’ulteriore escalation della situazione.

In risposta, Vladimir Putin ha sottolineato che la responsabilità non dovrebbe essere spostata sulle spalle della Russia, dal momento che è la NATO che sta facendo pericolosi tentativi di conquistare il territorio ucraino e sta costruendo il suo potenziale militare ai nostri confini. Pertanto, la Russia è seriamente interessata ad ottenere garanzie affidabili e legalmente fissate che escludano l’espansione della NATO nella direzione orientale e il dispiegamento di sistemi d’arma d’attacco offensivi negli stati adiacenti alla Russia.

I leader hanno convenuto di incaricare i loro rappresentanti di impegnarsi in consultazioni sostanziali su queste questioni delicate.

Nello scambio di opinioni sulla sicurezza delle informazioni, entrambe le parti hanno sottolineato l’importanza di un dialogo attivo e continuo su questo argomento. Hanno espresso la loro disponibilità a continuare la cooperazione pratica nei settori procedurali penali e tecnico-operativi della lotta alla criminalità informatica.

È stato considerato lo stato delle cose intorno al Piano d’azione globale congiunto sul programma nucleare iraniano. Il presidente della Russia ha rilevato l’importanza della sua piena attuazione nel quadro inizialmente concordato. I leader hanno espresso l’auspicio che i negoziati su questo tema, ripresi alla fine di novembre a Vienna, si svolgano in uno spirito costruttivo e consentano di raggiungere decisioni accettabili per tutti i partecipanti.

Sono state discusse le questioni bilaterali. È stato affermato che la cooperazione è ancora in uno stato insoddisfacente. Ciò si manifesta, in particolare, nelle difficoltà incontrate nel loro lavoro dalle missioni diplomatiche “ridotte” di entrambi i Paesi. Vladimir Putin ha sottolineato che tutto questo è una conseguenza della linea delle autorità americane, che cinque anni fa hanno iniziato a praticare restrizioni su larga scala, divieti ed espulsioni di massa di diplomatici russi, a cui siamo costretti a reagire in maniera speculare. La parte russa ha proposto di annullare tutte le restrizioni accumulate sul funzionamento delle missioni diplomatiche, che potrebbero anche servire a normalizzare altri aspetti delle relazioni bilaterali.

I Presidenti hanno espresso l’opinione che, tenendo conto della loro speciale responsabilità per il mantenimento della sicurezza e della stabilità internazionali, Russia e Stati Uniti continueranno il dialogo ei contatti necessari.

In generale, la conversazione è stata franca e professionale. (http://kremlin.ru/events/president/news/67315)

Prima del contatto tra Putin e Biden, il Segretario di Stato americano Anthony Blinken ha avuto una conversazione telefonica con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy. Essi hanno discusso dell’importanza di una soluzione diplomatica pacifica del conflitto in Donbass e del “ripristino della sovranità dell’Ucraina” sulla Crimea, ha affermato il Dipartimento di Stato.

Gli Stati Uniti sono pronti ad aiutare a risolvere la situazione nella regione della protesta, in particolare, a promuovere l’attuazione degli accordi di Minsk, ha affermato Blinken. Secondo il Segretario di Stato americano, questo “può essere un modo per risolvere le contraddizioni nel Donbass o nell’Ucraina orientale”. Zelensky, ha affermato di aver “concordato le posizioni” con Blinken “prima della conversazione tra i presidenti Biden e Putin”. Secondo Zlensky, le parti “hanno convenuto di continuare ad agire congiuntamente e in modo coordinato”.

Sintesi delle dichiarazioni USA dopo l’incontro tra Biden e Putin

▪️ Gli Stati Uniti non credono che la Russia abbia deciso di attaccare l’Ucraina

▪️ Biden ha detto a Putin che in caso di escalation in Ucraina, gli Stati Uniti rafforzeranno la bandiera orientale della NATO

▪️ Gli Stati Uniti sono pronti a rispondere positivamente alle richieste degli Stati baltici, della Romania e della Polonia di assistenza militare in caso di escalation in Ucraina

▪️ La Casa Bianca sta preparando risposte “attive, chiare” a una possibile escalation russa in Ucraina, gli USA mantengono contatti quotidiani con l’UE su possibili sanzioni

▪️ Gli Stati Uniti si aspettano che il Nord Stream 2 venga fermato se la Russia invade l’Ucraina, questa è una leva

▪️ Gli Stati Uniti e i suoi alleati stanno valutando l’opzione del completo isolamento della Russia dal sistema finanziario globale con conseguenze per le imprese e la popolazione

▪️ Biden non ha dato a Putin l’impegno che l’Ucraina sarebbe rimasta al di fuori della NATO e ha affermato che nessuno ha il diritto di dettare alla NATO chi non dovrebbe essere accettato nell’alleanza

▪️ Gli Stati Uniti ritengono che debba esistere un percorso negoziato per la de-escalation in Ucraina che risponda alle preoccupazioni di Stati Uniti, NATO e Russia (https://t.me/rian_ru/133780)

Vp News

Exit mobile version