Ben Ali è il "dittatore"..quindi: unico responsabile? …Qualche legittimo dubbio .

Nel 2005 feci  un breve viaggio in Tunisia. Ero a Tunisi con un gruppetto di turisti e la guida che ci accompagnava, sul pullman  ci aveva fatto un lungo elenco delle innumerevoli innovazioni apportate sia in campo giuridico che economico dal governo presieduto da Ben Ali, ad esempio l’abolizione della poligamia, la libertà religiosa,  i libri gratuiti agli studenti, le sovvenzioni statali, e così anche per l’assistenza sanitaria. Così sono rimasto di “stucco” ricordando quell’esperienza, guardando in TV  le scene della rivolta di questi giorni.

Certo lo sappiamo Ben Alì è un uomo che ci si è arricchito utilizzando  la sua posizione, ma la rivolta non è scoppiata per questo .
Essa è stata determinata dalla disperazione della popolazione, la cui condizione è arrivata allo stremo , per l’impennata vertiginosa dei generi alimentari e per  la cancellazione del welfare, indispensabile per una grande fetta della popolazione. Quindi  la rivolta non è partita contro  “il dittatore” Ben Alì , ma contro l’uomo che è ritenuto responsabile della recessione , della vita resa insostenibile.

Quindi se il  problema scatenante non è stata la dittatura:  perchè è scoppiata la rivolta ed il caos?

Su Global Reserch, che è un sito che parla degli effetti della globalizzazione (Michel Chossudovsky che ne è il realizzatore è professore di economia emerito presso l’Università di Ottawa – direttore del Centro di Ricerca sulla Globalizzazione- collaboratore dell’Enciclopedia Britannica- ha scritto numerosi libri tradotti in 20 lingue) si contesta che Ben Alì fosse “un dittatore”, che è lui cioè additabile come responsabili dele decisioni macroeconomiche che hanno portato il suo paese alla fame. Perchè  Ben Alì ha fatto esattamente quello che gli interessi economici occidentali chiedevano.

Noi che possiamo fare? Non basarci delle notizie dei mass media che danno giudizi superficiali sui fatti ed a volte apertamente non vere.  Tenera alta l’attenzione e la comprensione delle forze che ci governano, perchè è il giudizio che ci rende liberi, un giudizio che tenga conto di tutti i fattori in gioco nella realtà.

l’ articolo segnalato  di Michel Chossudovsky che al di là della intonazione generale anti-americana che prevale in tutti i giudizi di Global Reserch , a mio avviso dice verità innegabili e fà un’analisi convincente della abnorme importanza dei mercati e dei fattori macroeconomici sulle singole economie. La speculazione finanziaria sui cereali e sui principali alimenti è cosa risaputa, la tendenza dei grandi organismi internazionali a sostenere la moneta al posto dei popoli è cosa purtroppo conosciuta.

segue articolo di Michel Chossudovsky  – Global Reserch, che al di là della intonazione generale anti-americana , a mio avviso dice verità innegabili. La speculazione finanziaria sui cereali e sui principali alimenti è cosa risaputa, la tendenza dei grandi organismi internazionali a sostenere la monete al posto dei popoli è cosa purtroppo conosciuta:

Il Generale  Zine el Abidine Ben Ali, il presidente  deposto  della Tunisia è definito in coro,  dai media occidentali ,  come un dittatore.

Il movimento di protesta tunisino viene non correttamente  descritto come la conseguenza di un regime antidemocratico e autoritario, che sfida le norme della “comunità internazionale”.

Ma Ben Ali non era un “dittatore”. Dittatori decidono e dettano le leggi. Ben Ali era un servo degli interessi economici occidentali, un  politico burattino fedele  che obbedisce agli ordini, per avere il sostegno attivo della comunità internazionale.

L’ ingerenza straniera negli affari interni della Tunisia non è menzionata nelle relazioni dei media. Gli aumenti dei prezzi dei generi alimentari (che hanno causato la rivolta) non sono state “dettate” da parte del governo di Ben Ali. Esse sono state imposte da Wall Street e dal  FMI (Fondo Mondiale Internazionale).

Il ruolo del governo di Ben Ali è stato quello di far rispettare la mortale  medicina  economica del FMI, che in un periodo di oltre venti anni è servita a destabilizzare l’economia nazionale e impoverire la popolazione tunisina.

Ben Ali come capo di Stato non ha deciso su nulla di sostanza. La sovranità nazionale è stata scontata. Nel 1987, al culmine della crisi del debito, il governo nazionalista di sinistra di Habib Bourguiba è stato sostituito da un nuovo regime, fermamente intenzionata a “libero mercato” riforme.

La gestione macroeconomica sotto la guida del FMI era nelle mani dei creditori esteri della Tunisia. Nel corso degli ultimi 23 anni, la politica economica e sociale della Tunisia è stata dettata dal “Consenso di Washington.

Ben Ali rimase al potere, perché il suo governo rispettasse e attuasse in maniera efficace i diktat del FMI, mentre era al servizio degli interessi di entrambi gli Stati Uniti e l’Unione europea.

Questo modello si è verificato in numerosi paesi.

La continuità delle mortali riforme  del FMI richiede “la sostituzione di regime”. L’installazione di un burattino politico assicura l’esecuzione del programma neoliberale, creando nel contempo le condizioni per la eventuale scomparsa di un governo corrotto e impopolare che è stata attingere ad impoverire un’intera popolazione.


La protesta del movimento

Non  sono  Wall Street e le basi del potere finabziario  internazionali di Washinton , che sono il bersaglio diretto del movimento di protesta. L’implosione sociale era diretta contro il  governo piuttosto che contro l’ingerenza delle potenze straniere nella conduzione della politica del governo .

In via preliminare, le proteste non erano il risultato di un movimento politico organizzato, contro l’istituzione delle riforme neoliberiste.

Inoltre, vi sono indicazioni che il movimento di protesta è stata manipolata al fine di creare il caos sociale, nonché garantire la continuità politica. Ci sono rapporti non confermati di milizie armate conducendo atti di repressione e di intimidazione nelle principali aree urbane.

La questione importante è come si evolverà la crisi? Come sarà il più ampio problema di ingerenza straniera essere affrontate dal popolo tunisino?

Dal punto di vista di Washington e Bruxelles, un regime autoritario impopolare è previsto per essere sostituito da un nuovo governo fantoccio. Le elezioni sono previste, sotto la supervisione della cosiddetta comunità internazionale, in cui i candidati caso sarebbe pre-selezionati e approvati.

Se questo processo di cambiamento di regime da effettuare per conto di interessi stranieri, il governo nuovo potrà continuare  senza dubbio , garantire la continuità della politica neoliberista, che è servita a impoverire la popolazione tunisina.

Il governo ad interim guidato dal presidente facente funzione Fouad Mebazza è attualmente in una situazione di stallo, con la feroce opposizione provenienti dal movimento sindacale (UGTT). Mebazza ha promesso di “rompere con il passato”, senza peraltro precisare se ciò significa l’abrogazione delle riforme economiche neoliberiste.

Cenni storici

I media in coro hanno presentato la crisi in Tunisia come una questione di politica interna, senza una visione storica. La presunzione è che con la rimozione del “dittatore” e l’insediamento di un governo regolarmente eletto, la crisi sociale finirà per essere risolta.

La prima “rivolta del pane” in data Tunisia nel 1984. Il movimento di protesta gennaio del 1984  fù motivata da un aumento 100 per cento del prezzo del pane. Questa escursione era stata chiesta dal FMI nel quadro della Tunisia programma di aggiustamento strutturale (SAP). L’eliminazione dei sussidi alimentari è una condizione di fatto del contratto di prestito con il FMI.

Il  Presidente Habib Bourguiba, che svolse un ruolo storico per liberare il suo paese dal colonialismo francese, dichiarò lo stato di emergenza in risposta ai disordini:

Mentre gli spari risuonavano , le truppe della polizia e dell’esercito in jeep e blindati si aprivano a ventaglio per la città per sedare la “rivolta del pane”. Il ricorso alla forza  riportò  una calma inquieta, ma  più di 50 manifestanti e passanti furono uccisi. Poi, in drammatico comunicato via radio e trasmissioni televisive di cinque minuti, Bourguiba annunciò che stava invertendo l’aumento dei prezzi. (Tunisia: Bourguiba permette loro di mangiare il pane – TEMPO, gennaio 1984)

A seguito dell’elezione del presidente Bourguiba, l’escursione del prezzo del pane fù invertita. Bourguiba licenziò il suo ministro degli Interni e ha rifiutò di rispettare le esigenze del consenso di Washington.

L’agenda neoliberista era comunque stata insediata, portando un’inflazione rampante e una disoccupazione di massa. Tre anni dopo, Bourguiba e il suo governo furono rimossi in un colpo di stato incruento d’Etat “, per motivi di incompetenza”, portando alla instatement del generale Zine el Abidine Ben Ali a presidente nel novembre 1987. Questo colpo di Stato non era diretto contro Bourguiba, fu in gran parte destinato a smantellare in modo permanente la struttura politica nazionalista inizialmente istituita a metà degli anni 1950, ma anche di privatizzare beni dello Stato.

Il colpo di stato militare, non solo segnò la fine del nazionalismo post-coloniale che era stata guidata da Bourguiba, ma ha anche contribuito a indebolire il ruolo della Francia. Il governo di Ben Ali divenne ben allineata con Washington piuttosto che a Parigi.

Appena un paio di mesi dopo Ben Ali novembre 1987 instatement come presidente del paese, un importante accordo è stato firmato con il FMI. Un accordo era stato raggiunto anche con Bruxelles riguardanti l’istituzione di un regime di libero scambio con l’UE. Un massiccio programma di privatizzazioni, sotto la supervisione della Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale è stato lanciato. Con salari orari dell’ordine di 0,75 euro l’ora, la Tunisia era diventato un rifugio manodopera a basso costo per l’Unione europea.

Chi è il dittatore?

Una rassegna di documenti FMI suggerisce che dall’inaugurazione di Ben Ali nel 1987, ad oggi, il suo governo ha fedelmente rispettatole condizioni del Fondo mondiale  FMI, incluso il lancio di lavoratori del settore pubblico, l’eliminazione del controllo dei prezzi sui beni di consumo primari e l’attuazione di un programma di privatizzazione radicale. L’abolizione delle barriere commerciali ordinato dalla Banca Mondiale è stato favorevole all’innescarsi di  un’ondata di fallimenti.

A seguito di queste dislocazioni dell’economia nazionale, le rimesse di cassa da lavoratori tunisini in Unione Europea è diventata una fonte sempre più importante delle entrate in valuta estera.

Ci sono circa 650.000 tunisini che vivono all’estero. il totale dell rimesse dei lavoratori , nel 2010 furono di  US $ 1,960 miliardi, in aumento del 57 per cento rispetto al 2003. Una parte cospicua di queste rimesse in valuta estera saranno utilizzati per il servizio del debito estero del paese.
–  Il movimento di protesta tunisino viene non correttamente  descritto come la conseguenza di un regime antidemocratico e autoritario, che sfida le norme della “comunità internazionale”.
Gli aumenti dei prezzi dei generi alimentari (che hanno causato la rivolta) non sono state “dettate” da parte del governo di Ben Ali. Esse sono state imposte da Wall Street e dal  FMI (Fondo Mondiale Internazionale). Il ruolo del governo di Ben Ali è stato quello di far rispettare la mortale  medicina  economica del FMI, che in un periodo di oltre venti anni è servita a destabilizzare l’economia nazionale e impoverire la popolazione tunisina.

Una rassegna di documenti FMI suggerisce che dall’inaugurazione di Ben Ali nel 1987, ad oggi, il suo governo ha fedelmente rispettatole condizioni del Fondo mondiale  FMI, incluso il lancio di lavoratori del settore pubblico, l’eliminazione del controllo dei prezzi sui beni di consumo primari e l’attuazione di un programma di privatizzazione radicale. L’abolizione delle barriere commerciali ordinato dalla Banca Mondiale è stato favorevole all’innescarsi di  un’ondata di fallimenti.

L’impennata speculativa dei prezzi degli alimenti Mondo

Nel settembre del 2010, un accordo fù raggiunto tra Tunisi e l’FMI, che ha raccomandato l’abolizione delle sovvenzioni come mezzo per raggiungere l’equilibrio di bilancio:

La  prudenza fiscale rimaneva una priorità assoluta per l’ autorità tunisina, che decise di mantenere una politica fiscale dura nel 2010 dato l’attuale contesto di crisi internazionale. Gli sforzi negli ultimi dieci anni per far cadere il rapporto tra debito pubblico in modo significativo non doveva essere messa a repentaglio da una politica fiscale  troppo lassista. Le autorità erano impegnate a controllare saldamente le spese correnti, comprese le sovvenzioni alla gente (nota: welfare), … (FMI Tunisia: 2010 Articolo IV di consultazione – Rapporto informativo; Pubblica Informazione Comunicazione relativa al Comitato esecutivo di discussione, e la dichiarazione del direttore esecutivo per la Tunisia http://www.imf.org/external/pubs/ft/scr/2010/cr10282. pdf )

Vale la pena notare che l’insistenza dell’FMI sull’ austerità fiscale e l’eliminazione dei sussidi ha coinciso cronologicamente con una recrudescenza dei prezzi dei generi alimentari di base sulla Londra, New York e alle borse merci di Chicago. Questi rincari sono in larga parte il risultato degli scambi speculativi da grandi interessi dell’agrobusiness finanziario e aziendale.

Questi aumenti dei prezzi dei prodotti alimentari, che sono il risultato di una APERTA MANIPOLAZIONE  (invece della scarsità) sono servite a impoverire la gente in tutto il mondo. L’impennata dei prezzi dei prodotti alimentari costituisce una nuova fase del processo di impoverimento globale.

“I media hanno  fuorviato l’opinione pubblica sulle cause di questi aumenti dei prezzi, concentrandosi quasi esclusivamente su questioni di costi di produzione, il clima e altri fattori che comportano la riduzione delle forniture e che potrebbe contribuire a incrementare il prezzo degli alimenti di prima. Sebbene questi fattori possono entrare in gioco, sono di scarsa rilevanza per spiegare l’aumento impressionante e spettacolare dei prezzi delle materie prime.

La spirale di aumento dei prezzi dei prodotti alimentari sono in gran parte il risultato di una manipolazione del mercato. Essi sono in gran parte attribuibili al commercio speculativo sui mercati delle materie prime (nota vietato parlare ..es: “future”). I prezzi del grano sono potenziati artificialmente da grandi operazioni speculative su scala di New York e Chicago gli scambi mercantili del  traffico speculativo di frumento, riso o mais, può avvenire senza il verificarsi di operazioni su commodity reali. Le istituzioni speculando sul mercato del grano non sono necessariamente coinvolte nella vendita effettiva o di consegna di grano.

Le operazioni possono utilizzare i fondi indice delle materie prime per scommettere  sul movimento generale verso l’alto o verso il basso dei prezzi delle commodity. Una “put option” è una scommessa che il prezzo scenderà, una “call option” è una scommessa che il prezzo salirà. Attraverso la manipolazione concertata, operatori istituzionali e le istituzioni finanziarie fanno in modo che il prezzo salga per  poi effettuare le scommesse per un movimento al rialzo del prezzo di un bene particolare.

La speculazione genera volatilità del mercato. A sua volta, l’instabilità risultante incoraggia ulteriori attività speculative.

I profitti sono fatti quando il prezzo sale. Viceversa, se lo speculatore è un “venditore a breve ”  del mercato, si otterrà guadagno quando ci sarà un crollo dei  dei prezzi.

Questo recente aumento speculativo dei prezzi del cibo ha favorito un processo mondiale di formazione di carestie su vasta scala. “(Michel Chossudovsky, carestia globale, Global Research, 2 maggio 2008, http://www.globalresearch.ca/index. php? aiuto context = va & = 8877)

Dal 2006 al 2008, c’è stato un notevole aumento dei prezzi dei prodotti alimentari di tutte le più importanti tra cui il riso, il grano e il mais. Il prezzo del riso è triplicato nel corso di un periodo di cinque anni, da circa 600 $ a tonnellata nel 2003 a più di 1800 $ a tonnellata nel maggio 2008.

(Michel Chossudovsky, http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=9191, per maggiori dettagli, si veda Michel Chossudovsky, capitolo 7, la povertà globale e la crisi economica in Michel Chossudovsky e Andrew Gavin Marshall, editori, Il Global crisi economica, la Grande Depressione del XXI secolo, Global Research, Montreal 2010, http://globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=20425)

La recente impennata del prezzo del grano graffette è caratterizzata da un salto del 32 per cento dell’indice di alimentari composte della FAO prezzo registrato nella seconda metà del 2010.

“L’impennata del prezzo dello zucchero, grano e semi oleosi ha guidato i prezzi alimentari a livello mondiale a un record nel mese di dicembre, superando i livelli del 2008, quando il costo del cibo ha scatenato rivolte in tutto il Mondo, e inducendo avvertimenti dei prezzi di essere in” territorio pericolo “.

Un indice mensile compilato dalle Nazioni Unite, dice che  che l’indice dei costi ha superato il suo precedente più alto rivelamento mensile  – Giugno 2008 – nel mese di dicembre per raggiungere il livello più alto dall’inizio delle rilevazioni dal 1990. , L’indice tracce dei prezzi di un paniere (pubblicato dalla FAO di cereali), semi oleosi, latte, carne e zucchero, è aumentato per sei mesi consecutivi. “(Jill Treanor, prezzi alimentari mondiali  stanno per entrare in zona di pericolo e  raggiungere livelli record, The Guardian, 5 gennaio 2011)

amara ironia: In un contesto di rialzo vertiginoso dei prezzi alimentari, l’ FMI raccomanda la soppressione delle sovvenzioni al fine di raggiungere l’obiettivo di austerità fiscale.

Manipolazione dei dati sulla povertà e la disoccupazione

Mentre, il movimento di protesta in Tunisia è visibilmente il diretto risultato di un processo di impoverimento di massa, la Banca Mondiale sostiene che i livelli di povertà sono stati ridotti a causa delle riforme di libero mercato adottate dal governo di Ben Ali.

Secondo rapporto nazionale della Banca Mondiale, il governo tunisino (“con il supporto delle istituzioni”  Bretton Woods) è stato determinante nel ridurre i livelli di povertà al 7 per cento (sostanzialmente inferiore a quello registrato negli Stati Uniti e l’UE).

La Tunisia ha compiuto notevoli progressi sulla crescita equa, la lotta contro la povertà e raggiungere buoni indicatori sociali. Ha sostenuto una crescita media del 5 per cento tasso negli ultimi 20 anni, con un costante aumento del reddito pro capite e un corrispondente aumento del benessere della sua popolazione, che è sottolineata da un livello di povertà del 7% che è tra i più bassi della regione .

Il costante aumento del reddito pro capite è stato il motore principale per la riduzione della povertà. … la costruzione di strade rurali sono state particolarmenti  importante per aiutare la campagna e i mercati poveri a connettersi con i centri urbani e i servizi. I programmi di edilizia abitativa hanno migliorato le condizioni di vita dei poveri e il reddito ha creato ricchezza da  spendere in cibo e generi non alimentari, con conseguenti effetti positivi sulla riduzione della povertà. sussidi alimentari, che sono state destinate ai poveri, anche se non ottimale, hanno anche aiutato i poveri delle aree urbane. (Banca Mondiale sulla  Tunisia – Breve Nazione)

Queste cifre della povertà, per non parlare della conseguente analisi  economica e sociale, sono APERTAMENTE INVENZIONI Il libero mercato si presenta come il  motore per alleviare la povertà. Questo  quadro analitico della Banca Mondiale è stata  usato in realtà  per giustificare un processo di “repressione economica”, che è stata applicato a livello mondiale in oltre 150 paesi in via di sviluppo.

Con solo il 7 per cento della popolazione vive in condizioni di povertà (come suggerito dalla “stima” della Banca Mondiale ) e con il 93 per cento della popolazione che soddisfare i bisogni fondamentali in termini di cibo, alloggio, sanità e istruzione, non ci sarebbe crisi sociale in Tunisia .

La Banca mondiale è coinvolta attivamente nel fornire  i dati , distorcendo la condizione sociale della popolazione tunisina. Il tasso ufficiale di disoccupazione è del 14 per cento, il livello reale di disoccupazione è molto più elevato. disoccupazione giovanile  è dell’ordine del 30 per cento. I servizi sociali, compresa la salute e l’istruzione sono collassate sotto il peso delle misure di austerità del FMI-Banca Mondiale economica.


Tunisia e il Mondo

Quello che sta accadendo in Tunisia è parte di un processo economico globale che distrugge la vita delle persone attraverso la deliberata manipolazione delle forze di mercato.

Più in generale, “la conseguenza  economica e sociale  dell’intervento del FMI sono all’impennata dei prezzi alimentari, carestie a livello locale, massicci licenziamenti di lavoratori urbani e funzionari pubblici e la distruzione dei programmi sociali. Potere d’acquisto interno è crollato, cliniche e scuole sono state chiuse, centinaia di milioni di bambini è stato negato il diritto all’istruzione primaria “. (Michel Chossudovsky, carestia globale, op cit.)

(…)

Pubblicità