Ayman al Zawahiri mette in guardia contro l’agenda ‘nazionalista’ in Siria

Ayman al Zawahiri mette in guardia contro l'agenda 'nazionalista' in Siria 1

Il braccio della propaganda di Al Qaeda, Al-Sahab, ha pubblicato un messaggio audio diffuso da Ayman al Zawahiri. Il file audio, che è stato divulgato insieme con le immagini propagandistiche della jihad sunnita in Siria, è lungo poco più di sei minuti. E ‘stato rilasciato attraverso i social media, tra cui il canale telegram di Al-Sahab.

Nel contributo mediale, Zawahiri avverte che la guerra siriana non deve essere considerata uno sforzo esclusivamente “nazionalista”, perché questo è ciò che i nemici dei jihadisti sunniti vogliono. Invece – secondo l’emiro di al Qaeda – il conflitto siriano deve essere considerato come la “causa di tutta l’Ummah”, la comunità mondiale dei musulmani.

I suoi commenti sono potenzialmente interessanti alla luce del rebranding dell’anno scorso  del gruppo Al Nusrah  , seguito poi dalla fusione del gruppo con molti altri per formare Hay’at Tahrir al Sham ( “Assemblea per la Liberazione del Levante”) nel mese di gennaio. Vari attori di al Qaeda e altri jihadisti all’interno della Siria hanno discusso come fare per ritrarre sé stessi nel migliore dei modi, al mondo. Il rilancio  di Al Nusrah in luglio  è stata benedetto in precedenza dal vice di Zawahiri; tuttavia alcune figure di spicco di al Qaeda lo hanno respinto.

Zawahiri non menziona esplicitamente Hay’at Tahrir al Sham o qualsiasi altro gruppo in Siria, in modo che possiamo solo speculare se stava commentando un certo dibattito specifico all’interno di ambienti jihadisti. Ma la cosa appare come probabile.

Zawahiri non approva esplicitamente la rivolta in Siria e afferma che i jihadisti non dovrebbero concentrarsi sulla tenuta territorio in questo momento. Invece, dice Zawahiri,  “devono concentrarsi nell’ indebolire i loro nemici”.

(…)

Zawahiri loda il popolo per aver “preso la via della jihad nella causa di Allah per alzare la bandiera dell’Islam e della Jihad nella terra di Sham, e liberarla dall’oppressione, la tirannia e la corruzione”. “Quindi non bisogna fare marcia indietro, ” – lui dice, ed aggiunge: “Non bisogna conoscere esitazioni o compromessi. Meglio morire onorevolmente ma mai accettare una vita di umiliazione “.

Quindi, il capo di al Qaeda ribadisce il suo invito di organizzarsi per l’unità all’interno della insurrezione. Dall’inizio della guerra, con poche eccezioni, gli uomini di al Qaeda hanno cercato di rimanere alleati con gli altri gruppi ribelli ogni volta che è stato possibile. Questa strategia è stata sconvolta dalla nascita dello Stato islamico di Abu Bakr al Baghdadi nel 2013 e 2014, ma il braccio di al Qaeda ha continuato a cooperare con altri gruppi islamisti, jihadisti e con le milizie siriane del Free Syrian Army.

“Unire e chiudere i ranghi con i vostri fratelli musulmani e mujaheddin, non solo nel Levante, ma nel mondo intero, perché questa è una singola campagna dei crociati che si combatte contro i musulmani di tutto il mondo”, dice Zawahiri.

E’ chiaro quindi che queste parole sconfessano chi  pensa alla guerra siriana come separata dalla jihad che si svolge altrove in tutto il mondo.

Rivolgendosi agli jihadisti in Siria, Zawahiri afferma che “se si cambiasse la jihad con una lotta siriana esclusivamente nazionalistica, [allora] i principali criminali internazionali sarebbe contenti del vostro operato”.

(…)
“A mio modesto parere,” – dice il capo di al Qaeda – “la strategia per la jihad in Sham (Levante) deve concentrarsi in una guerriglia volta a logorare il nemico e insanguinarlo a morte.” Questo “è stata l’arma scelta degli oppressi contro gli trasgressori arroganti di ogni tempo “, dice Zawahiri, e prosegue:  “Non occupate voi stessi tenendovi aggrappati al territorio, invece dovete concentrarvi a distruggere il morale del vostro nemico. Prendere il nemico fino al punto della disperazione profonda infliggendogli colpi inesorabili e procurandogli perdite insopportabili .”

Per la seconda volta nel suo breve messaggio, Zawahiri mette in guardia contro il trattare il conflitto siriano come una lotta “nazionalista”. La “causa di Sham è la causa di tutta l’Ummah,” dice. “Non dobbiamo presentare la guerra come una mera causa del popolo di Sham, e poi ulteriormente restringere il campo ad una causa solo di siriani, perchè questo è precisamente il piano che il nemico intende realizzare.”

“Il nemico cerca di trasformare la jihad in Sham da una causa della Ummah musulmana ad una causa siriana esclusivamente nazionalista, per quindi ruotare la causa nazionalista in una questione di regioni e località specifiche, e, infine, ridurre questo a un problema di alcune città, villaggi e quartieri “, afferma Zawahiri, ed aggiunge: “E’  nostro dovere affrontare questa strategia di male dichiarando che la jihad in Sham è la jihad della Ummah musulmana volta a stabilire la regola di Allah nella terra di Allah. Questo deve coincidere con l’incoraggiamento dell’intera Ummah a partecipare alla jihad di Sham con i suoi figli, la sua ricchezza, tutti gli sforzi e le energie.”

Zawahiri fornisce un breve elenco di musulmani che hanno “difeso Sham in precedenza nella storia”, tra cui Saladino e i turchi ottomani. Egli sottolinea che “nessuno” della gente sulla sua lista “erano siriani, ma erano musulmani e mujaheddin prima di ogni altra cosa.” Questo è probabilmente un promemoria per i jihadisti nel trattare i molti combattenti stranieri in Siria che hanno aderito alla lotta semplicemente come una insurrezione contro Assad.

Il leader di al Qaeda chiude il suo intervento dicendo che i jihadisti non dovrebbero cercare di placare l’Occidente, o tutti gli altri. “Non dobbiamo sottostare ai dettati dei criminali, che cercano di intimidirci con le accuse di ‘terrorismo’ e ‘di ”estremismo’”, dice Zawahiri.  Egli avverte che questo porterebbe alla stessa sorte  subita da Mohamed Morsi, leader dei Fratelli Musulmani che ha servito un breve periodo come presidente dell’Egitto: “Queste sono le stesse forze che non ha risparmiato nemmeno Mohamed Morsi, nonostante il fatto che egli aveva fatto tutto quello che gli avevano chiesto di fare”, dice Zawahiri. E aggiunge: “Chiedo ad Allah di dare il nostro popolo la forza. Che Allah li benedica con la vittoria e il suo supporto, e li guidi a prendere una posizione comune al fianco dei loro fratelli mujaheddin in tutto il mondo contro il nemico comune “.

fonte: Long War Journal – di Thomas Joscelyn ( senior fellow presso la Fondazione per la Difesa delle Democrazie e il Senior Editor per FDD di Long War Journal)

Exit mobile version