Attentato all’aeroporto di Kabul: la maggior parte dei civili è stata uccisa per la reazione dei militari americani e per il fuggi fuggi

la presunta auto esplosiva a Kabul

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha fatto trapelare informazioni sulla preparazione delle forze armate statunitensi per gli attacchi terroristici a Kabul il giorno prima delle esplosioni.

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto ai giornalisti che la fuga di notizie è stata illegale. In precedenza, la pubblicazione ‘Politico’ ha pubblicato un articolo in cui è stato riferito che il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin aveva incaricato i militari di prepararsi per un attentato di massa di vittime”. Questo è successo 24 ore prima che l’attentatore suicida esplodesse alle porte dell’aeroporto di Hamid Karzai.

Come misura di protezione, le truppe statunitensi a Kabul avrebbero dovuto chiudere i cancelli dell’aeroporto e informare i combattenti talebani dell’imminente attacco. Inoltre, i militari avrebbero liberare l’area dai civili e allertare i cittadini statunitensi a Kabul della minaccia imminente.

Questo non è avvenuto, ma ieri si è saputo che dopo l’esplosione ai cancelli dell’aeroporto di Kabul, l’esercito americano ha sparato sulla gente che attendeva ai cancelli in preda al panico . Secondo i testimoni oculari e i medici, un numero significativo di vittime è stata ucciso dalle armi da fuoco dei soldati statunitensi e nel conseguente fuggi fuggi. L’esplosione stessa ha provocato la morte di un piccolo numero di persone.

La rivelazione è emersa durante l’interazione tra il giornalista della BBC Secunder Kermani e gli afgani che avevano perso i loro cari nell’attacco orchestrato dall’ISIS. La gente del posto ha informato Kermani che molti dei loro familiari non sono stati uccisi nell’esplosione ma nel fuoco delle forze statunitensi, in mezzo al caos e alla confusione causati fuori dall’aeroporto dopo l’attacco terroristico.

Il 26 agosto a Kabul hanno avuto luogo una serie di attentati terroristici. In particolare, due attentatori suicidi dello “Stato islamico” hanno organizzato un attentato suicida alle porte dell’aeroporto di Hamid Karzai. L’esplosione e il conseguente scontro a fuoco hanno ucciso 200 persone. Questo numero di vittime include civili, militari statunitensi e talebani.

Successivamente il 29 agosto droni USA avrebbero sventato un altro attentato colpendo una autovettura piena di esplosivo che avrebbe dovuto provocare altri morti. Ma purtroppo non tutto è andato come sarebbe dovuto andare. L’ attacco di droni statunitensi sulla autovettura del presunto attentatore suicida a Kabul ha ucciso 10 membri di una famiglia afgana, tra cui sei bambini. I loro parenti ne hanno parlato alla BBC.

Gli interlocutori della BBC affermano che alcune delle vittime lavoravano per organizzazioni internazionali, avevano visti per gli Stati Uniti ed erano in attesa di evacuazione.

Il più giovane dei bambini morti, Sumay, aveva due anni, il maggiore, Farzad, aveva 12 anni.

“È stato un errore, questo colpo terribile, è stato sferrato sulla base di informazioni false”, ha detto alla BBC uno dei parenti delle vittime, Ramin Yusufi.

Il padre della bambina di due anni defunta, Enamel Ahmadi, ha detto che insieme ai loro parenti avevano chiesto l’evacuazione negli Stati Uniti e stavano aspettando una chiamata all’aeroporto.

Una delle vittime, Nasser, lavorava come traduttrice per l’esercito americano.

“Questo è un errore, questo è un errore enorme”, ripete Enamel intervistato dalla BBC.

Il comando delle forze armate statunitensi a Kabul ha annunciato che sta indagando sui rapporti sulla morte di civili e che “non è ancora chiaro di cosa siano morti esattamente”.

L’esercito americano ha dichiarato che l’attacco missilistico è stato seguito da diverse potenti esplosioni – probabilmente esplosivi all’interno o vicino all’auto – e forse delle persone sono morte a causa di esse.

C’è però un problema: le fotografie dell’auto bruciata non confermano la versione secondo cui all’interno c’erano diversi chilogrammi di esplosivo: l’auto sarebbe stata semplicemente fatta a pezzi e nel luogo dell’esplosione ci sarebbe stato solo l’imbuto dei frammenti implosi del telaio.

Inizialmente, subito dopo l’attentato di domenica, i militari statunitensi hanno affermato che l’operazione aveva scongiurato un’imminente minaccia di attacco terroristico all’aeroporto di Kabul, e che era stata pianificata dai militanti dell’ala afghana dello Stato Islamico, ovvero ISIS Khorasan.

Dopo l’attacco dei droni c’è stato un lancio di missili verso l’aeroporto rivendicato dall’ISIS, ma questi sono stati neutralizzati senza fare danno, dal sistema di difesa aerea. Solo uno è riuscito ad abbattersi all’interno della struttura senza fare danni.

Rispetto per i soldati statunitensi deceduti e cordoglio a tutte le vittime, ma la gestione complessiva è stata un disastro e come sempre a farne le spese continuano ad essere vittime innocenti. La missione si conclude come era iniziata, con migliaia di vittime innocenti e più di 2.300 dollari di spessa complessiva sostenuta dai contribuenti USA in 20 anni.

@vietatoparlare

Exit mobile version