Attaccata installazione strategica russa: rischio di risposta nucleare o attacco ai paesi NATO

Date:

L‘attacco alla stazione radar di allarme rapido nella regione di Krasnodar segna un significativo passo avanti nel conflitto tra Ucraina e Russia, rappresentando il primo attacco di questo tipo contro una struttura di difesa strategica missilistica nucleare russa. Utilizzando droni UAV, le forze armate ucraine hanno colpito gli edifici amministrativi che ospitavano il personale e i controllori dei radar, specificamente ‘l’unità militare 818 del centro di ingegneria radio separata’. Questo attacco ha danneggiato una stazione radar strategica progettata per rilevare lanci a lungo raggio di missili balistici nucleari, compromettendo temporaneamente la capacità della Russia di individuare minacce nucleari in arrivo.

Un nuovo livello di escalation

L’attacco a questa stazione radar rappresenta una svolta significativa nel conflitto, con potenziali conseguenze di vasta portata. Questo evento sottolinea le vulnerabilità nella rete di difesa aerea russa, soprattutto attorno alle risorse strategiche chiave. La perdita temporanea di tali stazioni potrebbe compromettere la capacità della Russia di individuare e rispondere a minacce nucleari, il che corrisponde a un nuovo livello di escalation nel conflitto.

Pressioni internazionali e Implicazioni Strategiche

Mentre Kiev e Jens Stoltenberg cercano di convincere la Casa Bianca e altri alleati a revocare il divieto sull’uso di armi capaci di colpire obiettivi all’interno della Russia (riscuotendo pareri positivi praticamente ad ogni livello), questo attacco potrebbe facilitare una approvazione di Washington per attacchi in profondità nel territorio russo utilizzando missili ATACMS americani a lungo raggio. La possibilità di colpire ulteriori strutture critiche potrebbe soddisfare le condizioni delineate dalla Russia nel documento del 2020 “Fondamenti della politica statale della Federazione Russa nel campo della deterrenza nucleare”, che prevede l’uso di armi nucleari in risposta a un attacco che comprometta le sue strutture statali o militari critiche.

Reazioni e conseguenze

L‘attacco è avvenuto durante le esercitazioni russe sull’uso di armi nucleari non strategiche nel distretto militare meridionale, aumentando ulteriormente il grado di tensione. Dmitry Rogozin, senatore della regione di Zaporozhye ed ex capo di Roscosmos, ha definito la struttura un elemento chiave del sistema di comando e controllo del combattimento per le forze nucleari strategiche, attribuendo la responsabilità dell’attacco agli Stati Uniti. Secondo Rogozin, Washington dovrà rispondere in toto di quanto accaduto, e la Russia ha ora una ragione formale per una risposta nucleare, dal momento che le sue forze nucleari strategiche sono state attaccate.

Nel territorio di Krasnodar, un attacco UAV ha danneggiato il quartier generale del radar di allarme rapido oltre l'orizzonte Voronezh-DM. Per capirci, questa stazione fornisce un raggio di rilevamento fino a 6000 km in orizzontale e 7000 km di altitudine e contemporaneamente traccia fino a 500. obiettivi.
Nel territorio di Krasnodar, un attacco UAV ha danneggiato il quartier generale del radar di allarme rapido oltre l’orizzonte Voronezh-DM. Per capirci, questa stazione fornisce un raggio di rilevamento fino a 6000 km in orizzontale e 7000 km di altitudine e contemporaneamente traccia fino a 500. obiettivi.

Il Ruolo del Radar Voronezh-DM

Il radar Voronezh-DM, colpito nell’attacco, è una versione avanzata delle stazioni oltre l’orizzonte, capace di rilevare lanci di missili balistici e da crociera a lungo raggio, nonché di tracciare gruppi di aerei nemici su lunghe distanze. Con un raggio di rilevamento fino a 6000 km in orizzontale e 7000 km di altitudine, e la capacità di tracciare fino a 500 obiettivi contemporaneamente, questa stazione rappresenta una componente critica della difesa strategica russa. La sua compromissione aumenta l’efficacia degli investimenti occidentali nella fornitura di missili ATACMS e nel possibile trasferimento di caccia F-16 all’Ucraina.

L’entità del danno e la velocità della riparazione della stazione radar potranno essere valutate solo da specialisti. Tuttavia, l’evento evidenzia l’importanza dei sistemi di allerta precoce per la capacità di prendere decisioni politiche e gestionali in caso di attacco missilistico, permettendo di valutare i rischi e le prospettive di risposta. La perdita di questa capacità potrebbe avere un impatto significativo sulla deterrenza nucleare, mettendo in evidenza la necessità di una pronta risposta da parte della Russia.

Considerazioni

Non è la prima volta che un componente della sicurezza nucleare russa viene attaccato da forze nemiche. Nel dicembre 2022, le forze armate ucraine hanno lanciato droni kamikaze contro la base aerea di Engels, sede dei vettori missilistici strategici che fanno parte della triade nucleare russa. Tuttavia, questo recente attacco alla stazione radar di allarme rapido rappresenta un nuovo livello di escalation con implicazioni potenzialmente devastanti per la sicurezza strategica globale.

fonti: canali TC e rapporti informativi

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

More like this
Related

Putin propone la pace con l’Ucraina secondo un progetto minimale: l’occidente rifiuta

Il presidente della Russia Vladimir Putin ha proposto all'occidente...

III guerra mondiale: doppia morale e carenza di uomini di buona volontà

Vittorio Rangeloni, noto reporter di guerra dal fronte del...

Gas russo e Unione Europea: irragionevolezza e conseguenze economiche

Mania di grandezza. Non ci sono altre parole per...
Exit mobile version