Assiri che rinascono dalle ceneri nel nord dell’Iraq

Una mattina presto, la famiglia di Joumana è stata svegliata da una forte esplosione che ha devastato la loro città di Qaraqosh, in Iraq.

Sebbene molte altre famiglie avessero già lasciato Qaraqosh, Joumana e sua madre, Jandark, avevano scelto di rimanere nella loro casa. Ma la violenza era arrivata. La loro città era sotto attacco e l’ISIS sarebbe  presto arrivato sulla loro porta di casa.

Così Joumana e Jandark raccolsero rapidamente le loro cose e si augurarono che avrebbero trovato ancora una casa in cui tornare.

“Ho preparato la mia borsa, ma non mi aspettavo di andare via più di una settimana”, spiega Jandark. “Quando me ne sono andato, ho lasciato la porta sbloccata in modo che l’ISIS non la rompesse: avevo una croce e pregavo: ‘Gesù, perché questo sta succedendo a noi?'”

Ripristinare la speranza nella terra in cui il cristianesimo ha avuto inizio

Abbiamo lanciato la nostra campagna Hope for the Middle East nel 2016 come risposta agli orrori inflitti da ISIS, così come i rapporti che abbiamo ricevuto dai partner in tutta la regione.

Durante gli attacchi ISIS, i cristiani sono stati uccisi, brutalizzati, ridotti in schiavitù e costretti a lasciare le loro case. Case e chiese furono bruciate a terra. Molti cristiani, come Joumana e Jandark, che erano fuggiti dalle loro città si chiedevano:

C’è qualcosa per cui vale la pena tornare?

Dopo molti lunghi mesi, Joumana e Jandark tornarono a casa loro a Qaraqosh.

La croce di Jandark, che lei aveva lasciato, era stata divisa in quattro pezzi. Il resto della casa era stato saccheggiato o distrutto.

Joumana aggiunge: “Era un disastro, tutte le nostre cose sono state rubate e alcune parti della casa sono state bruciate”.

Grazie ai partner di Open Doors sul terreno, Joumana e Jandark hanno ricevuto cibo, petrolio e aiuto in affitto quando sono stati sfollati, e ora stanno ottenendo aiuto per ricostruire la loro casa a Qaraqosh. In tutto il Medio Oriente, il lavoro di ricostruzione è ancora in corso, ma c’è speranza.

Aina.org

Pubblicità