Assange: negli USA piani per rapirlo o assassinarlo

Alti funzionari della CIA sotto l’amministrazione Trump, discussero del rapimento e persino dell’assassinio di Julian Assange, secondo un nuovo rapporto che prende come riferimento ex agenti informati dell’accaduto.

Le discussioni sul rapimento del fondatore australiano di WikiLeaks si sono svolte nel 2017 quando era rifugiato all’interno dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, riporta Yahoo News . L’evento aveva “suscitato un acceso dibattito tra i funzionari dell’amministrazione Trump sulla legalità e la praticità di tale operazione”.

“Alcuni alti funzionari all’interno della CIA e dell’amministrazione Trump avevano persino discusso dell’uccisione di Assange, arrivando al punto di richiedere ‘piani’ o ‘opzioni’ su come assassinarlo”, hanno scritto Zach Dorfman, Sean D Naylor e Michael Isikoff nella lunga indagine. .

Le discussioni sul rapimento o sull’uccisione di Assange si sono verificate “ai più alti livelli” dell’amministrazione di Donald Trump, ha detto alla pubblicazione un ex alto funzionario del controspionaggio.

“Sembrava che non ci fossero confini” [per mettere in atto il piano di farlo uscire dall’ambasciata], hanno aggiunto.

Le conversazioni sono state portati avanti dalla furia dell’allora direttore della CIA Mike Pompeo e di altri alti funzionari per la pubblicazione di WikiLeaks di “Vault 7” – un insieme di strumenti di hacking della CIA e una violazione che l’agenzia ha ritenuto essere la più grande perdita di dati nella sua storia.

Pompeo e la dirigenza della CIA “erano completamente distaccati dalla realtà perché erano così imbarazzati per il Vault 7”, ha detto a Yahoo un ex funzionario della sicurezza nazionale di Trump , aggiungendo che “stavano vedendo del sangue”.

A pochi mesi dalla pubblicazione del Vault 7, le spie statunitensi stavano monitorando le comunicazioni e i movimenti di numerosi membri del personale di WikiLeaks, inclusa la sorveglianza audio e visiva dello stesso Assange, hanno detto ex funzionari.

Il complotto per rapire e uccidere Assange è stato “capeggiato da Pompeo che ha piegato importanti restrizioni legali, ha potenzialmente messo a repentaglio il lavoro del Dipartimento di Giustizia per perseguire Assange e ha rischiato un episodio dannoso [per i rapporti] per il Regno Unito, il più stretto alleato degli Stati Uniti”.

Sebbene non vi sia alcuna indicazione che le misure “più estreme” contro il signor Assange siano mai state approvate, alcuni funzionari dell’amministrazione erano così preoccupati che hanno contattato lo staff e i membri del Congresso nelle commissioni di intelligence della Camera e del Senato. (…)

tutto l’articolo (in inglese) su: https://www.news.com.au/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.