Assange è prigioniero politico, trattamento non degno di paesi che si definiscono democratici

Immagini esclusive dall’interno della corte britannica mostrano il trattamento non democratico a cui Assange è sottoposto e il conseguente deterioramento fisico

Le fotografie scattate furtivamente all’interno di un’aula di tribunale britannica e fornite a The Grayzone mostrano una Julian Assange visibilmente disorientato confinato in una gabbia di vetro e incapace di comunicare con i suoi avvocati.[su_spacer]

Di Max Blumenthal – fonte Greyzone

Le fotografie scattate all’interno del Woolwich Crown Court di Londra e fornite in esclusiva a The Grayzone evidenziano le misure non democratiche imposte dallo stato di sicurezza britannico ad Julian Assange, editore di Wikileaks .

Catturate durante l’udienza di estradizione di Assange, che si è svolta tra il 24 e il 28 febbraio, le immagini evidenziano il confinamento a cui è stato sottoposto Assange, nonché il deterioramento fisico che ha subito da quando è stato arrestato nell’aprile 2019 e imprigionato in un carcere di massima sicurezza.

Il 26 febbraio, il giudice Vanessa Baraitser ha promesso di far arrestare chiunque avrebbe fatto fotografie etichettando il fotografare come disprezzo alla corte. Tuttavia, un osservatore aveva scattato diverse foto il giorno prima dell’avvertimento del giudice.

Anonymous Scandinavia, un gruppo di sostenitori di Wikileaks con sede in Svezia, ha fornito le foto a The Grayzone al fine di esporre quella che consideravano la repressione statale di un giornalista investigativo.

Le immagini mostrano Assange confinato in una gabbia di vetro, separato fisicamente dal suo team legale e incapace di seguire il suo processo.

Durante l’udienza, Assange ha protestato per il suo isolamento, lamentandosi con il giudice Baraitser: “Sono un partecipante al procedimento tanto quanto lo sono a Wimbledon. Non posso comunicare con i miei avvocati o chiedere loro chiarimenti. ” Ha detto ai membri del suo team legale che non era in grado di sentire dall’interno della gabbia di vetro.

Sotto, un Assange apparentemente abbattuto è guardato da due dei suoi avvocati, Stella Morris e Baltazar Garzon.

Julian1

In un sentito video testimonial rilasciato questo aprile, Morris ha rivelato di essere la madre di due figli piccoli con Assange.

Per tutto il 2017, Morris è stato spiato da una società di sicurezza spagnola apparentemente assunta dalla CIA attraverso il magnate repubblicano Sheldon Adelson’s. Ad un certo punto, il direttore della ditta ordinò a un impiegato di rubare un pannolino di uno dei figli di Morris nel tentativo di abbinare il suo DNA a quello di Assange.

“Ho capito che i poteri che erano contro Julian erano spietati e non c’erano alcun limite a quello che potevano fare”, ha commentato Morris dopo aver appreso della campagna di sorveglianza. “Ed è per questo che sento di dover [rivelarmi come la madre dei figli di Assange]. Perché ho fatto così tanti passi per così tanti anni e sento che la vita di Julian potrebbe finire. ”

“L’esposizione prolungata alla tortura psicologica” continua in tribunale

Sin dalla sua fondazione nel 2010, Wikileaks ha pubblicato numerosi documenti che espongono crimini di guerra americani, ingerenze e corruzione in tutto il mondo. In seguito alla pubblicazione di migliaia di messaggi classificati provenienti dal Dipartimento di Stato e forniti dall’informatore militare Chelsea Manning. A seguito di questi fatti, il vicepresidente Joseph Biden ha denunciato Assange come un “terrorista che usa l’alta tecnologia”.

Quel dicembre, i pubblici ministeri federali statunitensi hanno presentato un’accusa segreta accusando Assange con 17 accuse di violazione della legge sullo spionaggio. Ora rischia una pena di 175 anni da scontare in una prigione degli Stati Uniti.

Nils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, ha avvertito che, se estradato, “Assange sarebbe esposto a un rischio reale di gravi violazioni dei suoi diritti umani, inclusa la sua libertà di espressione, il suo diritto a un processo equo e la possibilità di essere torturato e di subire altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti. “

Melzer è stato impresionato dai tratti osservati dopo l’incontro con Assange nel maggio 2019. In un rapporto pubblicato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, l’esperto ha osservato che “oltre ai disturbi fisici, Assange ha mostrato tutti i sintomi tipici di esposizione prolungata alla tortura psicologica, tra cui stress estremo, ansia cronica e intenso trauma psicologico. “

La foto sotto mostra un Assange visibilmente disorientato con un pallore cupo e uno sguardo inespressivo.

Julian2

Le gabbie dei tribunali attraverso la storia

Sebbene Assange non sia mai stato condannato per un crimine e non abbia precedenti di comportamenti violenti, la sua gabbia era più restrittiva del recinto riservato ad Adolph Eichmann quando il capo nazista di alto livello fu processato a Gerusalemme nel 1961. A differenza di Assange, Eichmann era in grado di comunicare liberamente con il suo avvocato e ascoltare una traduzione dal vivo del suo processo.

adolf eichmann on trial 1

Durante il suo processo per corruzione a Mosca nel 2005, l’oligarca russo Mikhail Khodorkovsky fu similmente tenuto in una gabbia. A seguito di una protesta formaleda parte del suo socio in affari e co-imputato, Platon Lebedev, che ha affermato che la gabbia rappresentava una violazione del diritto a una presunzione di innocenza, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che i due erano stati  soggetti a ” condizioni disumane e degradanti. “

Khodorkovsky

Quando il primo leader egiziano eletto democraticamente, Mohamed Morsi, crollò e morì in una gabbia insonorizzata in un’aula di tribunale, sei anni dopo essere stato deposto in un colpo di stato militare del 2013, i media occidentali e le organizzazioni per i diritti umani come Human Rights Watch e Amnesty International scoppiarono in un coro di condanna.

Morsi

Questi stessi gruppi per i diritti hanno parlato poco delle restrizioni draconiane imposte dallo stato di sicurezza britannico ad Assange durante la sua udienza di estradizione. Ma la loro reticenza potrebbe essere giustificata dal fatto che fino a ora non erano disponibili pubblicamente immagini chiare del suo ingiustificato isolamento in aula.

L’udienza di Assange è stata rinviata, il suo isolamento esteso

La prigione di supermax di Belmarsh dove è stato detenuto Assange è considerata la versione britannica della struttura americana di Guantanamo. A parte Assange, la prigione ospita scagnozzi mafiosi, membri di al-Qaeda e agenti neofascisti come Tommy Robinson. Circa il 20 percento dei prigionieri di Belmarsh sono assassini e due terzi hanno commesso un crimine violento.

117 professionisti medici autorizzati da tutto il mondo hanno scritto ai governi britannico e australiano per condannare “la tortura di Assange”, “la negazione del suo diritto fondamentale ad un’adeguata assistenza sanitaria”, il clima di paura che circonda la fornitura di assistenza sanitaria a lui “E” le violazioni del suo diritto alla riservatezza medico-paziente “.

Dalla lettera aperta dei medici, Belmarsh è diventato un sito di infezione da Covid-19. Come ha riferito il giornalista Matt Kennard, un rapporto del 2007 dell’ispettore capo delle carceri del Regno Unito ha rilevato che “il controllo delle infezioni era inadeguato” nella struttura di detenzione.

Invece di consentire un congedo medico temporaneo per Assange, tuttavia, il giudice Baraitser ha rinviato il suo processo di estradizione per quattro mesi, scomparendolo di nuovo alla vista del pubblico.

“In 20 anni di lavoro con le vittime della guerra, della violenza e delle persecuzioni politiche”, ha detto Melzer delle Nazioni Unite sul trattamento del fondatore di Wikileaks, “non ho mai visto un gruppo di stati democratici riunirsi per isolare, demonizzare e abusare deliberatamente un singolo individuo per così tanto tempo e con così poco rispetto per la dignità umana e lo stato di diritto. “

Quando Assange tornerà in tribunale a settembre, lo attenderà nuovamente la gabbia di vetro.

GZ headshot
Max Blumenthal

[L’autore dell’articolo] Max Blumenthal è un giornalista pluripremiato e autore di numerosi libri, tra cui il best seller repubblicano Gomorra, Golia, The Fifty One Day War e The Management of Savagery. Ha prodotto articoli di stampa per una serie di pubblicazioni, numerosi reportage video e numerosi documentari, tra cui Killing Gaza. Blumenthal ha fondato The Grayzone nel 2015 per illuminare la luce giornalistica sullo stato di guerra perpetua d’America e le sue pericolose ripercussioni domestiche.

thegrayzone.com: https://thegrayzone.com/2020/05/29/british-court-assanges-physical-deterioration/#more-24990 .

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.