Assad: Trump è il miglior presidente americano nella storia…

Le autorità siriane approveranno qualsiasi decisione presa in seguito alle riunioni del comitato costituzionale, che ha iniziato i lavori a Ginevra. Lo ha annunciato il presidente Bashar al-Assad in un’intervista con i canali televisivi satellitari nazionali Al-Ihbariya e Suria e pubblicata sul canale televisivo siriano SANA.

Tra gli altri punti toccati, nell’intervista il leader siriano ha usato parole di apprezzamento per il presidente americano Trump: “Donald Trump può essere considerato il miglior presidente degli Stati Uniti per la sua onestà”, ha affermato il presidente siriano Bashar Assad.

In realtà Assad ha detto che gli Stati Uniti continuano a occupare illegalmente parte del territorio siriano e che il ritiro delle truppe americane è un fattore necessario per ripristinare la vita pacifica nel paese. Inoltre, ha sottolineato come la presenza illegale di truppe americane in Siria rimane un fattore critico che impedisce una conclusione rapida del conflitto e aumenta la sofferenza dei siriani.

Nello stesso tempo per Assad, Trump è il miglior presidente americano nella storia del paese. Questo non è in contraddizione con la pessima idea che ha degli Stati Uniti. Infatti, il presidente siriano  ha precisato che non la pensa così perché ritiene che le iniziative di Trump siano buone, ma perché l’attuale capo della Casa Bianca dichiara apertamente i suoi obiettivi, per esempio dice “Abbiamo bisogno del petrolio” [e se lo è preso…*], “Vogliamo sbarazzarci di …” [e se ne sbarazza], “Siamo pronti a fornire servizi in cambio di denaro… ” [e si è comprato i curdi].

“Questa è la politica degli Stati Uniti”. Cosa potrebbe esserci di meglio di un vero nemico? – ha detto il il presidente siriano.

ASSAD: Per quanto riguarda Trump, potresti farmi una domanda e ti do una risposta che potrebbe sembrare strana. Dico che è il miglior presidente americano, non perché le sue politiche siano buone, ma perché è il presidente più trasparente. Tutti i presidenti americani commettono tutti i tipi di atrocità politiche e tutti i crimini e ancora vincono il Premio Nobel e si proiettano come difensori dei diritti umani e dei nobili e unici valori americani, o dei valori occidentali in generale. La realtà è che sono un gruppo di criminali che rappresentano gli interessi delle lobby americane, cioè le grandi compagnie petrolifere e di armi, e altri. Trump parla in modo trasparente, dicendo “ciò che vogliamo è il petrolio”. Questa è la realtà della politica americana, almeno dalla seconda guerra mondiale. “Vogliamo sbarazzarci di tale persona” o “vogliamo offrire un servizio in cambio di denaro”. Questa è la realtà della politica americana. Cosa serve di più di un avversario trasparente? Ecco perché la differenza è solo nella forma, mentre la realtà è la stessa.

Il testo integrale dell’intervista, è disponibile  sul sito web di SANA  in inglese. Qui alcuni importanti punti trattati:

… I principi russi sono chiari durante questa guerra. Si basano sul diritto internazionale, sulla sovranità della Siria e sull’integrità territoriale della Siria. Questo argomento non è cambiato né prima né dopo, né le circostanze sono cambiate.

L’accordo russo-turco è temporaneo e non permanente. È un passo positivo che non raggiunge tutto, ma riduce il danno e apre la strada alla liberazione di questa regione nel prossimo che speriamo possa essere presto .. e prima.
L’accordo russo non faceva parte dell’accordo USA-Turchia e gli accordi russi sono sempre pubblici e non ci sono cose nascoste nella politica russa e questo è molto conveniente per noi.

L’aggressione turca riflette le cattive ambizioni della Turchia, così come il desiderio degli Stati Uniti. La Russia ha fatto questo accordo per frenare la Turchia. E ha tagliato  la strada agli americani e alla chiamata all’internazionalizzazione avanzata dai tedeschi.

Se gli uomini armati di Idlib non vanno in Turchia, avranno due opzioni, o tornare in seno allo stato e sistemare la loro situazione, o la guerra. Non c’è altra opzione né per noi né per loro, queste sono le uniche due opzioni.

Il presidente Bashar al Assad sul caso di Baghdadi:

… Lo scopo di mettere un certo numero di paesi e attori coinvolti in questo processo è di dare credibilità al processo, in modo che questi paesi non si sentano imbarazzati, e al contrario hanno il desiderio di far parte del “grande “processo dell’uccisione di Baghdadi mentre cercavano di rappresentarlo .. E così verrà dato un qualche tipo di credito per la loro presunta lotta contro il terrorismo. Noi non abbiamo bisogno di questo equilibrio. Stiamo combattendo il terrorismo.

Non avevamo nulla a che fare con la liquidazione di Baghdadi, e non c’è comunicazione tra noi e le istituzioni statunitensi, e soprattutto non sappiamo se l’uccisione sia realmente avvenuta o meno.
Baghdadi sarà riprodotto in un altro nome e in un’altra persona, e forse tutto l’ISIS sarà riprodotto con un altro titolo, ma lo stesso pensiero rimarrà.

Tutto ciò che riguarda il tema della liquidazione di Baghdadi è un trucco … La politica degli Stati Uniti non è diversa da Hollywood e dipende dall’immaginazione.

nota: *= Il petrolio siriano viene rubato dagli USA. Colonne di camion autocisterna vengono regolarmente osservate tra Al Omar e la base militare americana nei pressi di Al-Shaddadi. Le entrate di petrolio di contrabbando sono state divise tra gli Stati Uniti, i curdi e persino le bande dell’ISIS (usate per ‘corrompere’ i militanti).