American Conservative auspica la smobilitazione immediata delle forze USA dall’Afghanistan

American Conservative auspica la smobilitazione delle truppe USA in Afghanistan, prima della fine della presidenza Trump. Questo allo scopo di finire una di quelle campagne militari di occupazione che il popolo americano non capisce. Peccato che non vi sia invece neanche un accenno  tendente ad ipotizzare-  o almeno auspicare – la smobilitazione delle forze statunitensi in Siria. Anzi, dopo le elezioni sono state implementate ulteriori sanzioni.

@vietatoparlare


Trump dovrebbe lasciare L’Afghanistan prima del Giorno dell’insediamento

È ora di porre fine alla guerra più lunga d’America. Ciò gioverebbe all’eredità di Trump

10 novembre 2020 – The American Conservative – di Dan Caldwell

Tra oggi e il giorno dell’inaugurazione del 2021, ci sarà senza dubbio uno sforzo da parte dell’amministrazione Trump di conseguire quante più vittorie politiche possibili attraverso l’atti esecutiveiprima che il presidente eletto Joe Biden si insedi. Per quanto riguarda la politica estera in particolare, il presidente Donald Trump ha l’opportunità di utilizzare il suo tempo residuo in cui è ancora in carica, per avere un impatto positivo e duraturo sul nostro paese [Stati Uniti] chiudendo la porta alla  guerra in Afghanistan durata due decenni.

In particolare, Trump dovrebbe emettere ordini esecutivi per condurre un ritiro completo delle forze militari statunitensi dall’Afghanistan entro il 20 gennaio. Ciò porrebbe fine alla presenza militare non necessaria all’America e consoliderebbe la sua eredità come l’uomo che ha posto fine alla guerra più lunga della nostra nazione.

Molto prima di essere candidato alla presidenza, Donald Trump ha fortemente criticato la guerra e ha sostenuto il ritiro. Come candidato nel 2016, ci sono prove credibili che le sue critiche alla guerra in Afghanistan e ad altre infinite guerre in Medio Oriente hanno svolto un ruolo chiave nella sua vittoria su Hillary Clinton.

All’inizio della sua presidenza, il desiderio di Trump di districarsi dall’Afghanistan è stato contrastato da consiglieri falchi come il generale HR McMaster e il segretario alla Difesa James Mattis. Trump ha accolto le loro richieste di mantenere la rotta e aumentare i livelli delle truppe. Non sorprende che questa “nuova” strategia – proprio come tutte prima – non abbia alterato la realtà che la guerra contro i talebani non poteva essere vinta esclusivamente con mezzi militari.

Invece di arrancare come i suoi predecessori, Trump ha deciso di seguire una strada diversa. Nel 2018, Trump ha nominato l’ambasciatore Zalmay Khalizaid come suo rappresentante speciale per la riconciliazione afgana e lo ha incaricato di avviare un processo di pace intra-afghano.

Nel febbraio 2020, gli sforzi di Khalizaid hanno prodotto un accordo storico tra Stati Uniti e talebani firmato a Doha, in Qatar. L’accordo di Doha ha creato le condizioni per i colloqui di pace tra il governo afghano ei talebani, mentre imponeva un ritiro completo delle forze militari statunitensi dall’Afghanistan entro maggio 2021. Da allora, i livelli delle forze statunitensi in Afghanistan sono scesi a circa 4.500, il livello più basso da allora 2001 – e sono attualmente sulla buona strada per arrivare a 2.500 entro gennaio 2021. Inoltre, i talebani hanno generalmente impedito alle loro forze di attaccare il personale statunitense e non ci sono stati morti americani per fuoco ostile dalla firma dell’accordo di Doha.

Sfortunatamente, Biden ha indicato durante la campagna che intende lasciare le forze in Afghanistan. Inoltre, Biden sembra pronto a nominare persone come Susan Rice, che è stata critica nei confronti dell’accordo di Doha, ai ruoli chiave della sicurezza nazionale o diplomatici nella sua amministrazione.

Lasciare anche una piccola forza militare in Afghanistan oltre la scadenza del maggio 2021 porterà quasi sicuramente alla perdita di più vite americane a causa dell’elevata probabilità che i talebani riprenderanno gli attacchi contro le forze americane se gli Stati Uniti non riusciranno a seguire la tempistica dell’accordo di Doha . Negherà anche il duro lavoro dei diplomatici e del personale militare che lavorano sotto Trump per garantire un’uscita militare dall’Afghanistan che metta il futuro di quel paese nelle mani degli afgani.

Ecco perché Trump dovrebbe ordinare ai militari di completare un ritiro completo dall’Afghanistan entro il 20 gennaio 2021. Durante il suo tempo rimanente in carica, dovrebbe monitorare da vicino il processo di ritiro per assicurarsi che non sia minato da coloro che fanno parte dell’establishment della sicurezza nazionale che favorire una presenza permanente in Afghanistan.

Questa mossa avrebbe il sostegno schiacciante del popolo americano. Recenti sondaggi mostrano che oltre due terzi del pubblico americano – comprese le famiglie di militari e i veterani – sostiene un ritiro completo dall’Afghanistan. Un ritiro completo renderebbe anche difficile per Biden reintrodurre una presenza militare ampia e permanente nel paese. Tentare di farlo sarebbe logisticamente impegnativo e politicamente difficile a causa della probabile opposizione dei progressisti che condividono la diffidenza del movimento Trump nei confronti delle nostre infinite guerre all’estero.

Molto tempo fa abbiamo realizzato ciò di cui avevamo bisogno in Afghanistan. Trump ha giustamente riconosciuto che lasciare le nostre truppe sul posto invita solo a ulteriori perdite di vite inutili e non aumenta la nostra sicurezza. Liberare completamente le nostre forze armate dall’Afghanistan entro il 20 gennaio 2021 impedirebbe all’amministrazione entrante di minare uno dei principali risultati di Trump e consolidare la sua eredità di presidente che ha posto fine alla guerra più lunga del nostro paese.

 


FONTE:https://www.theamericanconservative.com/articles/trump-should-get-out-of-afghanistan-before-inauguration-day/

Dan Caldwell è un consigliere senior di Concerned Veterans for America e il responsabile della campagna di politica estera per Stand Together. È un veterano della guerra in Iraq.

 

neretto VP News blog

Exit mobile version