Amazzonia: la foresta è così umida che non può prendere fuoco, ma allora cosa brucia?

Ogni anno la foresta amazzonica è in fiamme. Queste migliaia di incendi sono principalmente dovuti alla massiccia deforestazione iniziata negli anni ’70.

Ciò che sta attualmente bruciando in Amazzonia corrisponde ad aree artificiali che sono create per l’agroindustria, in particolare per sviluppare aree più grandi di coltivazione di soia, olio di palma, per intensificare l’allevamento del bestiame e creare nuove aree di pascolo, ma anche per il traffico di legname.

Così ogni anno vengono abbattuti migliaia di alberi, i tronchi vengono portati via e il resto della vegetazione inutile viene lasciato sul posto (foglie, piccoli rami, piante, ecc.).

Alla fine della stagione delle piogge, durante la stagione secca che dura da luglio a novembre, i rami, i rifiuti non utilizzati vengono accesi e, quindi, le foreste si trasformano in spazio coltivabile.

È quindi un errore credere che nell’Amazzonia brucino le foreste,  è semplicemente preda delle fiamme lo spreco lasciato durante l’abbattimento degli alberi.

Una foresta tropicale non è normalmente infiammabile a causa della sua umidità.

Quando il fuoco raggiunge ed entra nella foresta primaria, le fiamme raramente raggiungono la cima degli alberi (30 metri), brucia solo la parte inferiore degli alberi. Tuttavia, anche se gli incendi non distruggono immediatamente gli alberi, gli alberi, indeboliti, alla fine muoiono.

Non possiamo confrontare gli incendi che si verificano in Amazzonia con gli incendi boschivi che stiamo vivendo in Europa.

Gli incendi che si scatenano attualmente in Amazzonia rendono semplicemente visibile la deforestazione:  con questi incendi e questa emissione di fumi, scopriamo solo la fase finale del processo di deforestazione. Pertanto, sfortunatamente  l’accentuazione degli incendi illustra soprattutto l’accelerazione della massiccia deforestazione.

La siccità ha inoltre accelerato, oltre alla massiccia deforestazione, alcuni incendi. Anche se fino ad oggi non ci sono prove scientifiche, ma con alta probabilità, possiamo dire che questa siccità è dovuta al riscaldamento globale.

Questa massiccia deforestazione ha un impatto immediato sull’ambiente e avrà un impatto su tutto il pianeta.

L’impatto sul sito si sostanzia nella distruzione di una biodiversità unica e preziosa, sia vegetale che animale: oltre 40.000 specie di piante, 2,5 milioni di specie di insetti, ecc.

Allo stesso tempo, i nativi vengono allontanati dai loro territori, i villaggi vengono distrutti.

pubblicità

La maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che l’Amazzonia produce tra il 5 e il 10% del nostro ossigeno. Incendi e deforestazione hanno un impatto sul clima globale. Formando una trappola di CO2, l’Amazzonia potrebbe rilasciare gas a effetto serra. Ad esempio, 1 tonnellata di alberi in fiamme farà evaporare 2 tonnellate di CO2 .

Ecco cosa fare se  vogliamo veramente diminuire questi incendi .

I governi che importano prodotti agroalimentari (soia, manzo, legno, ecc.) Dall’Amazzonia devono rifiutare sistematicamente di importare questi prodotti fino a quando non avranno la garanzia che i prodotti non provengono dalla massiccia deforestazione.

Dobbiamo anche lavorare a monte per spiegare i rischi per i governi che incoraggiano la deforestazione. In effetti la foresta amazzonica mantiene l’umidità; producendo vapore acqueo, regola in particolare il clima del Sud America. Un’ulteriore deforestazione porterà a problemi di siccità e avrà un impatto inevitabile sull’agricoltura e sulla produzione di bestiame.

I recenti dibattiti nel G7, in particolare sugli incendi, così come le dichiarazioni,  non avranno alcun impatto se i paesi ricchi non cambieranno il loro modo di consumo e rimarranno ciechi sul loro modo di importare prodotti che per la loro produzione utilizzano questi sistemi.

Il tumulto e l’agitazione al G7 sono stati causati semplicemente per la copertura mediatica degli incendi, che, come ho spiegato a monte, sono solo la parte visibile della massiccia deforestazione.

Senza questi incendi boschivi visibili, non avremmo mai sentito parlare della deforestazione in atto.

Per concludere, tenendo conto che almeno la metà del nostro ossigeno proviene dagli oceani: dovremmo accendere fuochi in modo di sensibilizzare i potenti per far smettere di inquinarli?

Speriamo che questa ipocrisia dei governi che accendono i fuochi – facendoci credere che possiamo estinguerli soffiando su di essi – si fermerà prima che la nostra estinzione sia generata dalla nostra stessa stupidità.

Thierry VELU

Presidente-Fondatore della GSCF

Per la ONG dei pompieri umanitari della GSCF

Fonte: GSCF

Foto: Iubasi