Aiuti degli Stati Uniti ai cristiani iracheni, gli yazidi fuggiti da ISIS

WASHINGTON, DC – L’Agenzia per lo sviluppo internazionale degli Stati Uniti ha annunciato ha deciso di investire 10 milioni di dollari per finanziare progetti con Catholic Relief Services e Heartland Alliance per aiutare a ricostruire comunità cristiane e di altre minoranze in Iraq che hanno subito un tentativo di genocidio sotto lo Stato islamico.

“In Iraq, sebbene la coalizione abbia in gran parte cacciato l’ISIS, gran parte del Nord Iraq ora affronta l’arduo compito di riparare le infrastrutture didtrutte e ricostruire un tessuto sociale in frantumi”, ha detto l’amministratore di USAID Mark Green mentre annunciava i finanziamenti al Forum Interaction a Washington, DC, il 14 giugno.

L’annuncio è arrivato una settimana dopo che il vicepresidente Mike Pence era “irritato” per i “ritardi burocratici” nel fornire aiuti promessi alle comunità cristiane e yazide in Iraq.

Il governo degli Stati Uniti smetterà di usare “lenti, inefficaci e dispendiosi programmi delle Nazioni Unite per distribuire invece assistenza attraverso USAID per fornire aiuti più rapidi e diretti alle comunità cristiane e yazide in Iraq”, ha detto il segretario stampa del vicepresidente.

Pence ha ordinato ad un suo assistente di recarsi a Baghdad e Erbil nelle prossime settimane per “fare una relazione completa e immediata che affronti qualsiasi problema che possa ritardare il processo di distribuzione degli aiuti”.

Kevin Hartigan, direttore regionale di Catholic Relief Services per l’Europa e il Medio Oriente, ha detto alla Cna : “Siamo grati per questo nuovo finanziamento che fornirà maggiore assistenza ai cristiani e alle altre minoranze religiose che ritornano nel nord dell’Iraq”.

Il provvedimento “permetterà ai Catholic Relief Services di continuare ed espandere i progetti che abbiamo iniziato nel 2014, lavorando con Caritas Iraq per fornire assistenza di emergenza a cristiani, yazidi e molti altri iracheni di varie fedi  sfollati a causa della violenza e che ora stanno  tornando alle loro case “.

CRS utilizzerà i fondi più recenti per “aiutare la Chiesa cattolica irachena ad aiutare tutte le famiglie colpite dalla guerra con la fornitura di ripari, assistenza di emergenza e istruzione e la cura dei traumi per i bambini”, ha detto Hartigan.

Secondo Defense of Christians la  popolazione cristiana irachena è stata devastata dallo Stato islamico nel 2014. Due terzi dei circa 1,5 milioni di cristiani che erano residenti in Iraq sono fuggiti o sono stati espulsi a causa della violenza.

“I combattenti dell’ISIS hanno usato la maggior parte delle 45 chiese della città vecchia come riparo, per esercitarsi al tiro a segno e come sale per le torture  e, nel caso della chiesa domenicana, come luogo in cui appendere le proprie vittime all’interno del campanile”, ha scritto padre Benedict Kiely che ha visitato Mosul il mese scorso.

Le forze militari irachene hanno ripreso  il controllo di Mosul dopo aver cacciato lo Stato islamico nel luglio 2017; tuttavia, solo dieci famiglie cristiane sono tornate nella città vecchia di Mosul, che nel 2014 contava più di 3.000 famiglie cristiane, secondo Kiely.

“Nella pianura di Ninive, dove i cristiani affondano le loro radici nel tempo degli Apostoli, molti cristiani sono tornati comunque”, ha osservato Kiely.

L’arcivescovo Bashar Warda, arcivescovo caldeo di Erbil, ha detto  che  all’inizio di quest’anno che i cristiani sono stati “flagellati, feriti, ma sono ancora lì”.

Crux

Print Friendly, PDF & Email