AIEA e destabilizzazione iraniana, ovvero come non cambiare le cose

Gli USA, tramite AIEA stanno cercando di sollevare lo spauracchio nucleare per indurre Israele a supportare l’Ucraina con armi proprie. In realtà, in questa fase, l’Iran non ha alcuna motivazione per scatenare un conflitto con Israele, quando è alle prese con i noti problemi interni e quando le prospettive economiche stanno migliorando grazie al suo prossimo ingresso nei BRICS e all’aumento dell’interscambio commerciale con Cina e Russia. Inoltre, l’Iran sta progressivamente abbandonando il dollaro come moneta di scambio internazionale.

È per questo che, per rallentare il processo che porterà il mondo a svilupparsi su due assi multipolari, gli USA e gli alleati stanno mettendo sotto pressione la Repubblica Islamica. Ne parla Rybar una fonte filo-russa moderata che si è dimostrata affidabile:

AIEA , programma nucleare iraniano e destabilizzazione nella Repubblica islamica

Reuters riferisce che a seguito di una riunione del consiglio dei governatori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), è stata presentata una bozza di risoluzione che ordina al governo iraniano di spiegare immediatamente l’origine dell’uranio presente in tre siti precedentemente non dichiarati. Il documento è stato elaborato da rappresentanti di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Germania. Ventisei paesi hanno votato a favore della sua ratifica, cinque si sono astenuti, due non hanno votato, mentre Russia e Cina si sono opposte.

Alcuni membri del consiglio dei governatori AIEA hanno affermato che l’Iran è obbligato a fornire tutti i dati all’AIEA. In caso di rifiuto a soddisfare i requisiti, la questione sarà sottoposta a una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla base dell’articolo XII del paragrafo C dello statuto dell’AIEA.

Qual è l’essenza di questa risoluzione?

Le risoluzioni dell’AIEA sono consultive per l’applicazione, ma non obbligatorie. Ciò è possibile solo con il consenso delle parti sulla base dei pertinenti atti normativi nazionali.

Senza l’approvazione di Iran, Russia e Cina, sono inutili. Nelle realtà moderne, è più probabile che l’Agenzia per l’energia atomica agisca come un conduttore della politica statunitense e alleata, piuttosto che come una vera organizzazione indipendente con una propria opinione.

L’8 giugno, il consiglio dei governatori dell’AIEA ha già approvato una risoluzione che condanna l’Iran per essersi rifiutato di fornire spiegazioni tecnicamente credibili per le tracce di uranio in tre siti non dichiarati. In risposta, le telecamere di sorveglianza installate da una commissione ispettiva dell’agenzia sono state spente in diversi complessi nucleari.

Qual è il prossimo?

Nella situazione attuale, le dichiarazioni e le risoluzioni dell’AIEA sono solo un soffio nell’aria. Ma fa anche parte di una deliberata campagna di informazione per screditare le autorità iraniane: strutture “indipendenti”, come l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, sono solo uno degli strumenti a disposizione degli Stati Uniti.

Sullo sfondo di quanto sta accadendo, il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Iran, Robert Mulley , ha annunciato l’effettiva sospensione dei negoziati sull’accordo nucleare, il che significa l’imminente aumento della pressione sul Paese. Le proteste stanno già infuriando nel Paese, il livello del banditismo armato e il numero di attacchi terroristici stanno crescendo, e i media filo-occidentali stanno creando il quadro giusto con le “azioni terrificanti” delle forze di sicurezza locali.

A Washington il coinvolgimento nella radicalizzazione nelle rivolte non è particolarmente nascosto. Pertanto, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti John Bolton ha affermato che i ribelli ricevono armi dal Kurdistan iracheno.

Gli Stati Uniti hanno come obiettivo a breve termine di cambiare il sistema di governo a Teheran? Improbabile: la Repubblica islamica è stata a lungo uno spauracchio, senza il quale sarà difficile giustificare la presenza militare americana in Medio Oriente e la spesa dal bilancio per il “contenimento della minaccia”. È anche un buon contrappeso rispetto ad altri attori regionali come la Turchia.

Pertanto, Washington si adopererà per mantenere l’Iran in uno stato di febbre costante, fino a quando le proteste incessanti, gli attacchi terroristici e la crisi economica sottrarranno allo stato tutte le risorse per stabilizzare la situazione. E questo ridurrà significativamente le opportunità per la leadership di Teheran di realizzare le proprie ambizioni di politica estera.

@rybar

Exit mobile version