Aggiornamento situazione in Siria – crisi turca

1. La mattina del 28 febbraio, la Turchia ha riconosciuto ufficialmente 33 morti e 36 feriti in un attacco aereo contro l’esercito turco a Idlib. Secondo un certo numero di fonti turche, il bilancio delle vittime può raggiungere le cifre di 65-85 persone e il numero totale di morti e feriti ha superato le 100 persone.
Tutti i feriti sono già stati portati in Turchia. Ieri a Hatay si potevano vedere camion con le bare.
L’agenzia pro-iraniana IWN dichiara 67 morti. Le perdite in generale sono più che significative, ma questo è stato nascosto dai media turchi. In risposta, i turchi hanno sparato contro i territori siriani e curdi. Nella regione di Latakia, la difesa aerea russa ha abbattuto 2 missili, la base aerea di Kuweyris è stata attaccata e così pure base aerea di Menazh. Le aree della Turchia sudoccidentale fino al 13 marzo hanno dichiarato aree di pattugliamento di aerei da combattimento. Da ieri alcuni social network sono stati tagliati fuori dalla rete internet Turchia.

2. Nonostante le accuse contro la Russia e le proteste presso l’ambasciata russa (che la polizia turca ha rafforzato il proprio dispositivo a protezione dell’ambasciata durante la notte), i principali media e le dichiarazioni ufficiali turchi si concentrano sulla colpa del regime terroristico di Assad per questa “terribile atrocità”. La versione principale diffusa dalla Turchia è che un aereo siriano ha bombardato i soldati turchi invadendo pacificamente la Siria, mentre la Turchia è venuta lì per “proteggere i civili”. La posizione di Damasco è semplice: la Siria continuerà a liberare il suo paese dai terroristi e i turchi dovrebbero uscire dalla Siria.

3. La Russia ha dichiarato ufficialmente di non aver bombardato i turchi e che i turchi erano in realtà responsabili, dal momento che i loro militari erano mescolati con i militanti [ovvero la Russia non ha mirato i turchi ma essi erano mescolati con i miliziani] . Nello stesso tempo, una parte significativa di forze aerospaziali russe e l’aeronautica siriana erano ieri congiuntamente nell’area di Nairab, Sarmin, Kminas e Sarakib, a complemento del fuoco d’artiglieria siriano. Ma nelle accuse Ankara ha evitato di far alcun cenno di accusa verso la Russia mentre le evidenze sono che sia stata l’aeronautica russa ad aver effettuato il bombardamento]. Oggi, due fregate armate con missili  “Kalibr” sono passate attraverso lo stretto sulla costa siriana tra le minacce della Turchia di limitare il funzionamento della Convenzione di Montreux, come previsto in caso di guerra [in caso la Russia si frapponesse alla rappresaglia contro le forze siriane].

4. Questa mattina, i funzionari turchi hanno annunciato: “il potente discorso di Erdogan”, l’introduzione della legge marziale, una riunione parlamentare chiusa e la dichiarazione di guerra alla Siria. Lungo la strada, la prontezza al combattimento delle forze armate e delle strutture di potere interne, così come le strutture controllate contro dal ‘terrorismo’ in Siria, è stata aumentata. Inoltre, è stato annunciato che la Turchia non sta più ostacolando il flusso di rifugiati in Europa, il che è ovviamente è fatto con l’obiettivo di ricattare l’Europa in modo che possa adattarsi più strettamente agli affari siriani. La Turchia chiede inoltre alla comunità internazionale di introdurre una zona di non volo su Idlib (ieri il senatore Lindsay Graham lo ha richiesto a Trump).

5. La Turchia (dopo i negoziati con il segretario generale della NATO e il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti) ha formalmente richiesto consultazioni con la NATO per discutere il punto 4. La NATO e il Dipartimento di Stato, anche se hanno accusato la Russia e la Siria di ciò che sta accadendo a Idlib e hanno chiesto la fine dell’offensiva dell’esercito siriano, alla fine chiedono la de-escalation. Parte dei media americani prende in giro Erdogan, indicando che lui stesso ha comprato l’S-400 dai russi, e ora sta fuggendo a Washington, quando i suoi soldati vengono uccisi a dozzine in Siria.

Sullo sfondo di eventi notturni, l’esercito siriano (SAA) dopo l’occupazione di South Idlib ha formato un fronte più stretto e continuato l’offensiva. Il contrattacco SAA di ieri nell’area di Saraqib non ha portato a risultati significativi.
Ovviamente, la crisi si svilupperà. Erdogan si impegnò a proteggere maggiormente Al-Nusra [al Qaeda] in Idlib, ma gli era già stato chiaramente dimostrato che sarebbe costato molto sangue alla Turchia.

Intanto SAA ieri ha completamente liberato la pianura di Al-Gab e le regioni montuose di Zawiya. South Idlib è praticamente completamente sotto il controllo delle forze siriane.
I siriani continuano ad avanzare verso nord in direzione dell’autostrada M-4.

La Turchia stamattina ha affermato di aver ucciso 1.709 soldati siriani durante la campagna di Idlib.

Erdogan, a seguito dei risultati di gravi perdite, ieri ha convocato una riunione urgente del Consiglio di sicurezza. Un incontro urgente è stato convocato anche dal principale partito di opposizione in Turchia, che critica fortemente la scommessa di Erdogan a Idlib, che è già stata pagata dal sangue di diverse decine di soldati turchi.

L’ambasciatore russo Nebenzya oggi alle Nazioni Unite ha confermato che la distruzione dei terroristi è l’unica soluzione. Putin ha rifiutato di anticipare l’incontro con Erdogan.
La Russia ha anche chiarito che non vede molto il bisogno di un vertice con la partecipazione di Merkel e Macron. In generale, Mosca prende una posizione molto dura e non soccombe alla pressioni di Erdogan di aumentare le offerte.

Lindsay Graham chiede a Trump di introdurre una zona di non volo in Siria.
A Tripoli, altri 10 soldati turchi sono stati uccisi mentre colpivano una manifestazione all’aeroporto.
L’UE ha imposto sanzioni contro i funzionari della campagna petrolifera turca.

source link: canale telegram boris_rozhin