Agenzia britannica per la sicurezza sanitaria (UKHSA): l’efficacia dei booster diminuisce ancora più rapidamente rispetto alle varianti precedenti

Uno studio recente mostra che la protezione contro Omicron diminuisce del 25% dopo soli 2 mesi

Di Tyler Durden Per Zero Hedge ,

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito giovedì ha pubblicato il terzo di una serie di studi pubblicati questa settimana da ricercatori in Sud Africa, Scozia e in altri paesi che stanno cercando di quantificare come la variante dell’omicron sia meno minacciosa per il pubblico internazionale, specialmente nelle società con alta vaccinazione (o precedenti infezioni).

I due studi precedenti, di cui abbiamo parlato all’inizio di questa settimana, affermavano di dimostrare che la nuova variante ha fino a 2/3 di probabilità in meno di mandare un paziente in ospedale, sostenendo che la variante è intrinsecamente meno dannosa dei ceppi precedenti. tenendo conto dell’aumento dei livelli di immunità nella popolazione.

Inoltre, l’ultimo studio (fornito, come abbiamo detto, dall’UKHSA) ha fornito anche una migliore comprensione dei limiti dei vaccini e dei booster nel caso dell’omicron e, come ci si aspetterebbe tenendo conto di tutte le mutazioni nel ceppo , ha rivelato che l’efficacia dei booster contro la nuova variante inizia a diminuire ancora più rapidamente rispetto alle varianti precedenti come delta.

Infatti, solo 10 settimane dopo l’ultimo richiamo dei pazienti, l’immunità è già diminuita dal 15 al 25%.

Non saremmo sorpresi di vedere questi dati, che supportano l’idea di un rapido indebolimento dell’immunità, eventualmente riutilizzati dal governo del Regno Unito, così come dai governi degli Stati Uniti, di Israele e altrove, per giustificare lo spiegamento del secondo (quindi la terza, poi la quarta) dose di richiamo al pubblico – che sarà poi costretto ad ottenerla attraverso obblighi vaccinali e “passaporti” come i green pass divenuti popolari in Europa.

Naturalmente, ciò contraddirebbe direttamente le esortazioni dell’OMS ai paesi sviluppati a diffondere la disponibilità dei vaccini rinunciando ai booster e consentendo a più vaccini di raggiungere i paesi in via di sviluppo e le centinaia di paesi in cui i tassi di vaccinazione rimangono bassi. . Sono questi paesi (compresi alcuni degli otto paesi dell’Africa meridionale) che dovrebbero essere vaccinati in via prioritaria prima che il mondo sviluppato si offra un altro giro di colpi di richiamo, ha avvertito il dottor Tedros, direttore dell’OMS, dopo la pubblicazione di un rapporto dell’OMS Comitato consultivo.

L’UKHSA ha anche scoperto che i pazienti hanno tra il 31% e il 45% in meno di probabilità di andare al pronto soccorso rispetto a quelli con delta e dal 50 al 70% in meno di probabilità di dover essere ricoverati in ospedale.

Questi risultati sono stati ottenuti dai dati raccolti da 132 persone ricoverate o trasferite ai dipartimenti di emergenza degli ospedali inglesi. Di queste persone, 17 avevano ricevuto il richiamo, 74 erano doppiamente vaccinati e 27 non erano vaccinati. Otto persone avevano ricevuto una sola iniezione e lo stato di vaccinazione era sconosciuto per 6 persone. Quasi la metà dei ricoverati si trovava nella sola città di Londra .

Lo studio ha anche scoperto che 14 persone sono morte entro 28 giorni dalla diagnosi di omicron, di età compresa tra 52 e 96 anni.

I commenti degli alti funzionari sullo studio sono stati rilasciati dall’UKHSA insieme a  una sintesi dei dati dello studio per l’uso dei media .

Il direttore esecutivo dell’UKHSA, la dott.ssa Jenny Harries, ha dichiarato:

  1. “La nostra ultima analisi mostra un primo segnale incoraggiante che le persone che contraggono la variante Omicron possono avere un rischio di ospedalizzazione relativamente inferiore rispetto a coloro che contraggono altre varianti. Tuttavia, va notato che si tratta di dati precoci e che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati. “
  2. ‘I casi sono attualmente molto alti nel Regno Unito e anche una percentuale relativamente piccola che richiede il ricovero in ospedale potrebbe causare un numero significativo di persone gravemente malate. Il modo migliore per proteggersi è presentarsi per le prime due dosi di vaccino o di richiamo e fare tutto il possibile per prevenire la diffusione dell’infezione. “

Il segretario di Stato per la salute e gli affari sociali Sajid Javid ha dichiarato:

  1. “Questi nuovi dati UKHSA su Omicron sono promettenti: sebbene 2 dosi del vaccino non siano sufficienti, sappiamo che i booster offrono una protezione significativa contro la variante e i primi dati suggeriscono che questo ceppo potrebbe essere meno grave di Delta. “
  2. “Tuttavia, i casi della variante continuano ad aumentare a un ritmo straordinario, superando già il numero record giornaliero della pandemia. I ricoveri ospedalieri sono in aumento e non possiamo rischiare che il SSN venga travolto. “

“Questa è un’analisi in fase iniziale e continuiamo a monitorare i dati ora per ora. È ancora troppo presto per determinare i prossimi passi, quindi stai al sicuro questo Natale e fai il tuo promemoria il prima possibile per proteggere te stesso e i tuoi cari.

“Conclusione: mentre è meno probabile che l’omicron causi gravi danni, è anche più probabile che infetti più persone. “Anche se una percentuale minore di queste persone deve essere ricoverata in ospedale, c’è ancora un gran numero di persone che necessitano di cure ospedaliere e le pressioni sul SSN aumenteranno. È quindi fondamentale che le persone continuino a esercitare cautela per limitare la trasmissione del virus. ”

Sfortunatamente, non è possibile somministrare una nuova dose di richiamo ogni dieci settimane. Quindi, questi dati rendono le persone più inclini ai richiami? O sono più inclini a farne a meno, dal momento che i vaccini potrebbero essere meglio utilizzati altrove e a causa della loro protezione limitata?

https://www.aubedigitale.com/une-recente-etude-montre-que-la-protection-contre-omicron-chute-de-25-apres-seulement-10-semaines/

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.