Agenda del “primo giorno” di Biden: bagni transgender, finanziamento della genitorialità pianificata, aborto, accordi sul clima di Parigi , viaggi e immigrazione

Il presidente eletto Joe Biden ha intenzione di portare avanti 10 priorità che tramuterà in ordini esecutivi nei suoi primi 100 giorni di mandato.

In proposito, PBS riferisce che il capo gabinetto di Biden, in riferimento ai primi ordini esecutivi, ha detto:  “Queste azioni esecutive forniranno sollievo ai milioni di americani che stanno lottando di fronte a queste crisi”, ha detto Klain nel promemoria. “Il presidente eletto Biden agirà – non solo per invertire i danni più gravi dell’amministrazione Trump – ma anche per iniziare a far avanzare il nostro paese”.

Tra queste priorità, c’è la cancellazione di molti ordini esecutivi di Trump.
Ecco, secondo il sito  ‘Focus on the Family’ alcune delle “azioni più importanti che il presidente dovrebbe intraprendere” già da oggi:

Ripristino della regola del bagno transgender del presidente Obama per le scuole

Il presidente eletto Biden ripristinerà il governo del presidente Obama ( Dear Colleague Letter on Transgender Students ) secondo cui il titolo IX degli emendamenti sull’istruzione del 1972 protegge il diritto degli studenti delle scuole pubbliche di utilizzare il bagno di loro scelta in base alla loro identità di genere.

Il titolo IX “comprende la discriminazione basata sull’identità di genere di uno studente, inclusa la discriminazione basata sullo status di transgender di uno studente”, afferma la lettera .

Gli studenti transgender potranno utilizzare il bagno o gli spogliatoi di loro scelta, il che significa che i maschi possono utilizzare il bagno delle donne e viceversa.

La lettera ha respinto le preoccupazioni che i genitori o le ragazze adolescenti potrebbero aver avuto con ragazzi che credono di essere ragazze che decidono di usare il bagno o lo spogliatoio della ragazza. Ha affermato che la deferenza deve essere pagata allo studente transgender ” anche in circostanze in cui altri studenti, genitori o membri della comunità sollevano obiezioni o preoccupazioni … il desiderio di accogliere il disagio degli altri non può giustificare una politica che individua e svantaggi una particolare classe di studenti . ”

Il presidente Trump ha annullato l’ordine all’inizio del 2017, citando il diritto che ogni stato federale di prendere la decisione da solo. “Il presidente ha chiarito durante tutta la campagna che crede fermamente nei diritti degli Stati e che alcune questioni come questa, non è possibile affrontarle al meglio a livello federale“, ha detto la Casa Bianca all’epoca.

Quando la lettera originale è stata scritta nel maggio 2016, l’amministrazione Obama ha avvertito che “le scuole che hanno sfidato la raccomandazione potrebbero essere a rischio di perdere i fondi federali”.

Ripristino dei fondi federali a favore delle organizzazione abortiste

Per quando riguarda il finanziamento all’estero di Planned Parenthood (la nota organizzazione abortista), è plausibile che Biden abroghi la legge che proibisce i finanziamenti delle organizzazioni che sostengono gli aborti all’estero, e che rispristini il loro supporto con fondi federali.

Sempre sullo stesso tema, in un articolo della televisione NBC del 18 gennaio, un membro dello staff presidenziale, dice:

“Abbiamo un sacco di lavoro da fare per riparare i danni fatti negli ultimi quattro anni, ma sapere di avere campioni lì che capiscono cosa deve accadere nei primi 100 giorni è tremendamente eccitante”, ha detto Alexis McGill Johnson, presidente e CEO di Genitorialità pianificata.

Gli oppositori del diritto all’aborto sono preoccupati per la nuova amministrazione e avvertono che continueranno a respingere.

“È certamente scoraggiante, ma non ci arrenderemo e faremo tutto il possibile per impedire che l’aborto venga promosso”, ha detto Carol Tobias, presidente del Comitato nazionale per il diritto alla vita, che ha detto di aspettarsi un’ondata di restrizioni all’aborto a livello statale quest’anno.

Eliminazione di alcune restrizioni all’immigrazione ed ai viaggi da paesi musulmani

Di positivo – almeno con riferimento alle decisioni già preannunciate – c’è il ripristino dei viaggi da e per i paesi musulmani che Trump aveva vietato.  Quindi saranno eliminate le restrizioni all’immigrazione negli Stati Uniti dai 9 paesi a maggioranza musulmana che Trump aveva proibito.  Come forse ricorderete i paesi da cui è vietato l’arrivo di cittadini di sette paesi musulmani sono Iraq, Iran, Yemen, Libia, Siria, Somalia e Siria. Ovviamente, queste restrizioni non c’entravano con il terrorismo, giacché Trump però aveva escluso Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Libano, da cui arrivarono i terroristi dell’11 settembre 2001.

Per gli immigrati il nuovo presidente cercherà di facilitare la loro regolarizzazione, ovvero  gli immigrati verranno messi su un percorso di otto anni. Ci sarebbe un percorso più veloce per coloro che partecipano al programma Deferred Action for Childhood Arrivals, che protegge le persone dalla deportazione che sono arrivate negli Stati Uniti da bambini e per coloro che provengono da paesi in conflitto con uno status temporaneo”.

Rientro nell’accordo di Parigi per il clima (ma da rivedere)

Sempre secondo PBS, un altro provvedimento riguarderà il rientro degli Stati Uniti nell’accordo sul clima di Parigi ma non senza condizioni, con un occhio alla Cina: “Il rispetto dei termini dell’Accordo di Parigi e delle onerose restrizioni energetiche che ha imposto agli Stati Uniti potrebbe costare all’America fino a 2,7 milioni di posti di lavoro persi entro il 2025… Ciò include 440.000 posti di lavoro in meno nella produzione.

In buona coscienza non posso sostenere un accordo che punisca gli Stati Uniti … senza imporre obblighi significativi ai principali inquinatori del mondo … La Cina sarà in grado di aumentare queste emissioni di un numero impressionante di anni – (13 anni). Possono fare quello che vogliono per 13 anni… La linea di fondo è che l’Accordo di Parigi è molto ingiusto, ai massimi livelli, nei confronti degli Stati Uniti ”, ha detto il presidente .

Mascherine a gogo…

Infine, l’ultimo ordine esecutivo in cantiere di cui ci occupiamo, è abbastanza propagandistico e farà esultare coloro che con la pandemia hanno fatto una religione: POTUS legifererà per l’obbligo di  indossare la mascherina su proprietà federali e durante i viaggi interstatali.

patrizioricci by @vietatoparlare

Exit mobile version