Afghanistan – La guerra senza fine è servita all’apparato militare industriale degli Stati Uniti

I trilioni di dollari spesi dagli Stati Uniti durante i 20 anni di occupazione dell’Afghanistan, sono spesso oggetto di critiche. A questo c’è da aggiungere che hanno speso di meno…

In effetti, tutto dipende da ciò che conti. Oltre al denaro seppellito nel suolo afghano, molto di più è stato speso/pagato per una serie di progetti negli stessi Stati Uniti, ove la guerra in Afghanistan è stato solo un espediente per il relativo finanziamento. Quindi molte  spese di bilancio sono state giustificate dalla guerra in Afghanistan ma non è così.

Il think tank indipendente americano Security Policy Reform Institute (SPRI) ha pubblicato un elenco dei principali beneficiari della guerra in Afghanistan, che hanno mangiucchiato la maggior parte del denaro gettato dagli Stati Uniti nella fornace della guerra in Afghanistan.

Queste sono le cinque corporazioni militari Lockheed Martin, Raytheon, General Dynamics, Boeing, Northrop Grumman.

vpa2708011

In totale, secondo il Watson Institute della Brown University (Providence, USA), dal 2001 al 2021, gli Stati Uniti hanno speso 2,313 trilioni di dollari per la guerra in Afghanistan. Gli esperti di SPRI ritengono che queste cifre, tratte dai siti web del governo, siano sottostimate.

Ci sono serie ragioni per tale scetticismo: nel 2015-2019, gli stipendi degli amministratori delegati dei cinque leader del complesso militare-industriale americano hanno superato il mezzo miliardo di dollari.

Il rapporto SPRI cita Julian Assange che nel 2011 disse che la guerra in Afghanistan “consiste nell’usare l’Afghanistan per prelevare denaro dalle basi imponibili statunitensi ed europee e restituirlo nelle mani dell’élite dell’intelligence transnazionale. L’obiettivo è una guerra senza fine, non una guerra di successo”.

Da una pubblicazione del quotidiano svizzero Neue Zürcher Zeitung, si evince che la ricostruzione dell’Afghanistan non è mai stata il vero obiettivo per gli Stati Uniti. “Trilioni di dollari dalle tasche dei contribuenti americani sono stati spesi per la guerra, ma solo una frazione del denaro è stat spesa per ricostruire il paese. Nello stesso tempo, a causa dello spreco e dell’uso improprio dei fondi, Washington non ha avuto successo in Afghanistan “, scrive la Neue Zürcher Zeitung.

vpa2708021

Secondo l’Ufficio dell’Ispettore Generale Speciale per la Ricostruzione dell’Afghanistan (SIGAR) del Congresso degli Stati Uniti, solo 133 miliardi di dollari (meno del 7% dei due trilioni spesi per la guerra in Afghanistan) sono stati dichiarati dagli Stati Uniti come spesa per la ricostruzione del Paese . Inoltre, la parte del leone di questi fondi è stata spesa “per la sicurezza”. Quasi 90 miliardi di dollari sono stati stanziati per addestrare soldati afgani, combattere il traffico di droga e “mantenere la pace” (operazioni di controinsurrezione). Circa 37 miliardi di dollari sono stati spesi in progetti infrastrutturali, programmi sociali e sistema sanitario. Parte di questi soldi è andata anche alla “lotta al narcotraffico”, che però non è minimamente diminuita, anzi è aumentata.

L’Afghanistan continua ad essere il più grande produttore mondiale di oppio. Il business del succo di papavero, da cui si ricava l’eroina, è considerato il secondo ramo più importante dell’economia afghana dopo la sfera militare, scrive la Neue Zürcher Zeitung. Se i talebani – prima della presa del potere – controllava oltre il 60% della produzione di oppio, ora, che guiderà l’intero Paese, controllerà l’intera produzione di papavero da oppio e l’85% di la produzione mondiale di oppio.

Anche altri costosi progetti statunitensi sono crollati. $ 2 miliardi sono stati investiti nella costruzione di strade che gli afgani non sono riusciti a mantenere in buone condizioni a causa della mancanza di fondi e capacità tecniche. 660 milioni di dollari sono stati spesi per l’acquisto e la fornitura di veicoli corazzati per l’esercito afghano, ma l’esercito afghano era scarsamente addestrato nella manutenzione e riparazione di complesse attrezzature militari.

I profitti astronomici della guerra in Afghanistan sono solo una piccola parte di ciò che le corporazioni militari americane hanno guadagnato in 20 anni. Secondo l’American Brown University, tutte le operazioni militari dopo gli attentati dell’11 settembre, compresa la guerra in Iraq e le missioni antiterrorismo in altri paesi, sono costate ai contribuenti americani 6,4 trilioni di dollari, che hanno rifornito i bilanci dei cinque mostri militari guidati da Lockheed. Martin.

L’arricchimento inaudito dei leader del complesso militare-industriale americano non ha giovato alle forze armate statunitensi. Enormi fondi sono stati spesi per lo sviluppo e la creazione di modelli presumibilmente promettenti di armi e equipaggiamento militare, che, di fatto, si sono rivelati inadatti alla partecipazione a ostilità ad alta intensità.

Uno dei progetti più disastrosi del Pentagono è stato, come abbiamo scritto, la costruzione dei cacciatorpediniere giganti Zumwalt. L’idea di costruire navi di questa classe è apparsa dopo gli eventi dell’11 settembre 2001. Queste navi avevano lo scopo di sconfiggere le basi e i campi di addestramento dei militanti, nonché di supportare lo sbarco del Corpo dei Marines. La loro arma principale è costituita da 80 missili Tomahawk. Inizialmente, gli americani pianificarono di costruire 32 navi di questa classe. Poi 24. Poi 7. Infine, ci siamo fermati a tre.

Ma questo non solo a causa del loro alto costo (il costo di una di queste navi è praticamente uguale al costo di una portaerei) e degli errori nei sistemi d’arma. Quando fu lanciato il primo “Zumwalt”, divenne chiaro che queste navi avevano perso la loro nicchia di combattimento, poiché la missione di supporto alle operazioni di terra aveva perso la sua precedente rilevanza.

800px Uss Zumwalt1

Di conseguenza, tre cacciatorpediniere Zumwalt divennero degli “elefanti bianchi” . La progettazione e la costruzione degli “elefanti bianchi” è stata effettuata dalla “squadra d’oro” composta da Northrop Grumman, Raytheon Systems, General Dinamics, Lockheed Martin e Boeing.

М1 : Secondo i dati ufficiali, il costo totale delle tre navi, insieme al design, ha superato i 22,5 miliardi di dollari. e altri 4 miliardi saranno spesi per la loro manutenzione durante il funzionamento.

Inoltre, lo squadrone di navi costiere (costiere) costruite dalle società Lockheed Martin e General Dinamics, nel numero di circa 20 esemplari, ha già iniziato a essere gradualmente dismesso. Un difetto irreparabile è stato trovato nei loro sistemi di propulsione, a causa del quale le navi una dopo l’altra perdono velocità.

E la cosa più sorprendente è che Lockheed e General Dynamics continuano a costruire missili non necessari per la flotta e guadagnano $ 500 milioni su ciascun esemplare

Ebbene, dopo 16 anni di ricerca, il programma è stato chiuso per portare avanti il progetto di un cannone elettromagnetico che spara un proiettile a una velocità sei volte superiore a quella del suono.

BAE Systems e General Atomics hanno guadagnato $ 500 milioni dallo sviluppo di questo supercannone, ma non sono riusciti a far fronte al compito.

E’ evidente che finché la missione in Afghanistan era in atto, era possibile aumentare le spese militari in maniera apparentemente giustificata.

Tuttavia, molte di quelle spese non hanno avuto una strategia per emancipare e stabilizzare l’Afghanistan in previsione di una partenza.

Inoltre , come abbiamo visto ci si è concentrati sulla guerra, spesso utilizzando ingenti fondi inutilmente, con il fine stesso di alimentare o foraggiare personaggi e aziende statunitensi.

Questo può sembrare uno spreco ma non lo è perchè essendo il dollaro diventata moneta di scambio mondiale con gli accordi di Bretton Woods, per far fronte a inflazione e crisi finanziarie, gli Stati Uniti scaricano periodicamente all’esterno i propri problemi economici, affinché siano assorbiti dalle crisi create nel mondo.

Questo è il motivo straordinario per incoraggiare focolai di instabilità, ove gli stessi aiuti prolungati per decenni, alimentano l’economia propria e legano i beneficiati, anche per sempre.

@vietatoparlare

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.