Afghanistan – I talebani avanzano (per mezzo di conquiste militari ma soprattutto tramite accordi)

La fuga degli Stati Uniti dall’Afghanistan è dovuta alle vittorie militari dei talebani sugli americani e ai membri della NATO che si unirono a loro. I talebani come combattenti sono semplicemente più fighi di qualsiasi marine americano. Sono anche superiori alle forze armate statunitensi a livello tattico e persino operativo.

Questa è una spiegazione. Tuttavia, le vittorie militari dei talebani sui loro compagni di tribù dell’esercito, della polizia e di altre unità ancora fedeli a Kabul hanno anche un’altra spiegazione.

Quindi, andiamo in ordine.

Situazione militare in Afghanistan

Secondo i dati operativi, i talebani ora controllano 174 distretti dell’Afghanistan (più dell’85% del territorio del Paese). I combattimenti continuano. Il portavoce talebano Zabihullah Mujahid ha detto che le forze militari del gruppo non attaccheranno i capoluoghi di provincia fino all’11 settembre (data del ritiro completo degli americani prevista dall’accordo di Doha).

Zabihullah Mujahid ha confermato che la maggior parte dei distretti delle province di Kunduz, Sari-Pul, Takhar, Ghazni, Kandahar e Helmand sono stati presi dai talebani e le basi dell’esercito afghano sono state bloccate e sotto assedio.

Sullo sfondo della crescente attività militare dei talebani, i negoziati intra-afghani sono stati chiusi.

Un viaggio del presidente Ashraf Ghani e del suo ministro degli Esteri, Abdullah Abdullah, negli Stati Uniti in cerca dell’aiuto di Joe Biden, non ha avuto successo.

Altre ragioni per la rapida avanzata dei talebani includono la debolezza finanziaria del governo centrale di Kabul, la sua incapacità di risolvere i problemi economici, il morale basso dell’esercito afghano, la mancanza di unità tra le tribù fedeli a Kabul, il malcontento generale della gente e la fuga delle forze di occupazione straniere.

Sulla base di ciò, posso concludere con sicurezza che i talebani continueranno la loro avanzata in diverse province fino a quando gli americani non lasceranno completamente l’Afghanistan; e durante questo periodo costringeranno sia il governo di Kabul che altri gruppi e movimenti tribali in Afghanistan ad accettare le loro condizioni.

 

afga

Le radici della guerra in Afghanistan sono per lo più etniche e talvolta religiose.

L’etnia condivisa (pashtun) delle tribù favorevoli ai talebani ha aumentato l’influenza dei talebani in Afghanistan negli ultimi anni. Ciò è particolarmente evidente se si considera il conflitto tra i talebani e le tribù afghane hazara e tagike, alcune delle quali sono considerate sciite.

Sebbene i talebani non siano impegnati nel wahhabismo, gli hazara, i tagiki e altre tribù alleate e gruppi etno-religiosi non sono sciiti.

In passato, i mullah che costituivano l’attuale nucleo dirigente dei talebani hanno dichiarato il loro impegno nei confronti del madhhab Hanafi . (L’ hanafismo, ossia la scuola hanafita, fu storicamente il primo dei quattro madhahib dell’islam sunnita ad essere costituito verso la fine dell’VIII secolo d.C., come frutto dell’elaborazione dottrinale del suo fondatore, Abū Ḥanīfa al-Nuʿmān b. Thābit, 699-767, e dei suoi allievi Abū Yūsuf e Muḥammad al-Shaybānī. Wikipedia)

Quando i talebani governarono l’ Emirato Islamico dell’Afghanistan , seguirono i principi Hanafi dell’Islam. Ma come ogni movimento religioso, i talebani non sono omogenei. Lo spettro è ampio, il che ha portato all’emergere di una varietà di alleati tra i talebani: Al-Qaeda (non più), la rete Haqqani , Lashkar-Taiba , ecc.

La combinazione di questi fatti ha rafforzato osservatori e analisti nell’idea che i talebani stiano conducendo una guerra di religione in Afghanistan. Ed è tanto più sorprendente che sulla base di una tale “analisi” gli americani 20 anni fa abbiano scelto una soluzione completamente inadeguata: un’invasione militare e la formazione di un governo fantoccio sotto il patrocinio di una potenza straniera.

– Talib o non Talib? – questa è la domanda.

Qui è necessario chiarire per il rapporto tra gli sciiti afghani e i talebani:

I talebani guardano agli sciiti afghani con un atteggiamento più contenuto rispetto, ad esempio, all’ISIS, al Sipah-e-Sahaba, al Fronte Al-Nusra e ad altre reti militanti e cellule dell’ala sunnita. Le differenze talebano-sciiti sono principalmente etniche, poi politiche e poi religiose.

Le principali divisioni politiche tra talebani e sciiti dell’Afghanistan negli ultimi anni sono state associate a due correnti politiche sciite, il Partito dell’Unità (Hezbeh Vahdat) e il Movimento islamico dell’Afghanistan . Inizialmente erano basati sull’opposizione politica di queste correnti ai talebani e sulle differenze etniche con i talebani.

Gli scontri tra i talebani afghani e gli sciiti afghani sono di natura etno-politica e vorrei sottolineare che i talebani non hanno ancora mostrato brillanti successi nella lotta contro gli sciiti afgani. Ciò è dimostrato dalla situazione di stallo sul campo militare a Balkh, Maidanshahr (Wardak), Ghazni e Bamyan, nonché nel distretto di Kajran nella provincia di Daikundi, ecc. Tuttavia, la situazione generale con l’avanzata dei talebani rende nervosi gli sciiti afghani.

Come al solito in guerra, le parti si scambiano accuse reciproche. Anche i talebani hanno qualcosa da biasimare sugli sciiti, e non esitano a incolpare gli hazara ei tagiki per le differenze. Alludendo allo stesso tempo che la resistenza degli sciiti aggrava la situazione generale. Tuttavia, sono stati i talebani ad avere un’influenza chiave sulla radicalizzazione delle contraddizioni interislamiche nell’Afghanistan moderno.

Alcuni influenti analisti islamici sciiti sottolineano che senza l’alleanza dei talebani con al-Qaeda e senza il fascino dei comandanti talebani per il wahhabismo, i talebani avrebbero potuto mantenere il potere in Afghanistan e persino impedire l’invasione americana del 2001.

Tuttavia, non si può dire che i talebani “non abbiano capito niente e non abbiano imparato niente”. L’analisi delle tendenze nella tattica politica e spirituale dei talebani mostra che stanno cercando di destreggiarsi tra i vari movimenti islamici presenti in Afghanistan. Il risultato è chiaro: la maggior parte dell’Afghanistan è stata conquistata dai talebani attraverso negoziati e alleanze temporanee con gli anziani delle tribù e le autorità provinciali. E le contraddizioni etno-religiose in tutti i casi non sono diventate un ostacolo.

Questa è la loro posizione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.