una delle più grandi riserve d'oro al mondo e la maggioranza della gente non losa

 

fonte: http://www.blitzquotidiano.it/economia/banca-ditalia-riserve-auree-superano-i-100-mld-di-euro-1045326/

di VietatoParlare.it

Stasera in macchina  ho ascoltato alcuni pasaggi di una trasmissione su radioradicale (che sento spesso perchè si interessa a divulgare cosa succede in Parlamento), si trasmetteva una seduta della Commissione Bilancio del 9 Dicembre  i membri della Commissione facevano domande al governatore della Banca d’Italia, in particolare mi ha colpito una : sono stati chiesti chiarimenti sul fatto che dato che il deposito aureo costituisce una riserva in oro tra le più grandi del mondo, occupa infatti il 3% posto tra tutti i paesi del mondo per le tonnellate di oro custodite ( .. si, noi disponiamo di una riserva d’oro presso il caveau della Banca d’Italia di 100 miliardi di euro). Bene la domanda  è semplice:   giacché non esiste più la conversione la convertibilità della moneta in oro , cosa se ne fa di una così ingente quantità di oro la Banca d’Italia? (e l’oro è di proprietà dello Stato) E’ giusto che ai cittadini si chieda “lacrime e sangue ” e ci sia una disponibilità così grande inutilizzata? In effetti è paradossale : è come se un miliardario vada  a fare l’elemosina per non intaccare la riserva in oro…  si domandava se non fosse possibile e opportuno venderne una parte per migliorare la situazione economica italiana e sopratutto rilanciare l’economia. Ma come? si vendono immobili, si svendono le imprese per far cassa, ed abbiamo tutta quella ricchezza, 2.500 tonnellate di oro che si rivaluta sempre di più? E ci indebitiamo a chiedere soldi ad altri?

E su questa questione mi ha molto sconcertato la risposta data dal governatore della Banca d’Italia anzitutto il suo tono aveva un “retrogusto” amaro, derisorio, verso le questioni poste, tant’è che su molte questioni ha detto “è colpa dei politici se le cose stanno così”, inoltre  sottolineava  le inesattezze tecniche contenute nella formulazione di alcune domande (ma che comunque non avrebbero cambiato di una virgola il senso dei quesiti)   mentre ad altre dava risposte sempre  ideologiche , cioè difensive allo “status quo”, è emblematico come ha esordito appena ha cominciato a rispondere:

siamo al 3° posto al mondo per riserva d'oro

ha detto (voi avete ragione)  è semplice, va così ed “è perchè così va il mondo” insomma che “vi piaccia o non vi piaccia” o qualcosa di molto molto simile. Comprensibile tanta baldanzosità con la guida dell’Italia e dell’Europa da parte delle banche.  E’ andato avanti così finchè  non è arrivato finalmente a rispondere alla domanda postagli. La risposta è stata sconcertante:  ha detto che l’oro serve a  garanzia “per sicurezza” perchè non si sa mai…   non ha precisato perché cosa , e in che misura, ma come gli altri stati hanno una riserva minore come fanno? L’Italia è il paese più sicuro al mondo? Non è scandaloso non usare almeno un 15 20 per cento delle riserve per rilanciare l’economia’ Tenendo conto anche del fatto che a unificazione perfezionato è probabile che le nostre riserve se le prenderà la BCE?  O forse non si utilizze per questo? Sarebbe doppiamente scandaloso.

E’ ridicolo quello che sta succedendo nel nostro paese circa la presunta complessità di introdursi in questioni economiche e per contro a questo si oppone la facilità di chiedere  sacrifici a tutti (per colpe di altri). Allora due sono le cose : o loro quelle cose “complicatissime” non le hanno capito neanche loro e vanno a tentoni (inquietante) o hanno capito e preferiscono tenere all’oscuro la pubblica opinione (che non esiste). Tengono in entrambi i casi sù un sistema moralmente illecito. Infatti se qualcuno osa obiettare, rispondono ” per guadagnare troppe regole storpiano”, “così va il mondo”.

Non ci vuole un grande esercizio mentale per capire che tutto cio non nasconda affatto  invece la volontà di lasciare le cose così come stanno imponendoci la solita retorica europea,  in realtà un modello di Europa povero e destinato a fallire,  perchè privo di cio che ha fatto grande l’Europa, le sue radici cristiane. Quello che si sta completando, e lo vediamo anche in questo caso, è il primato del danaro su ogni altra cosa.

Exit mobile version