A New York i prodotti di consumo per la cura personale sono la maggior fonte di distruzione dell’ozono

Un team di scienziati ha prelevato campioni d’aria a New York nel 2018, dimostrando che i prodotti per la cura personale aromatizzati forniscono quasi la metà del 78% dei composti organici volatili (COV) generati dagli esseri umani (vedi qui).

Questo è l’approccio corretto. Ciò dimostra che l’umanità non è in grado di influenzare i processi globali.

Lo scienziato e coautore dello studio Georgios Gkatselis era inizialmente scettico sull’idea che i prodotti di consumo potessero svolgere un ruolo così importante nell’inquinamento da ozono. “Ho guidato la mia bicicletta per lavorare a Boulder, in Colorado, ho guardato tutte queste macchine ed ero convinto che dovessero essere la principale fonte di composti organici volatili – ha detto Gkatelis. – Ma dopo aver guidato il nostro furgone attraverso New York e aver guardato il nostro display dello strumento, Matt Coggon, un altro autore principale dello studio, e io spesso abbiamo urlato di stupore per ciò che abbiamo visto. “

Il nuovo studio, pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, utilizza la situazione di New York per studiare ambienti in altre città come Los Angeles e Las Vegas.

Di cosa soffre New York

Un team di scienziati ha visitato le città degli Stati Uniti sud-occidentali, effettuando misurazioni a terra e mobili per determinare la quantità di COV nei prodotti per la cura personale. I composti organici volatili (COV) sono l’ingrediente principale dell’ozono troposferico e si trovano principalmente nelle sostanze chimiche prodotte dall’uomo utilizzate nelle vernici, nei prodotti farmaceutici e nei prodotti personali. Vengono rilasciati come gas, che possono causare problemi di salute a persone di tutte le età con malattie polmonari come l’asma.

Le grandi città non sono l’unico problema

Un aspetto importante è quanto aumentano le emissioni di COV dai prodotti di consumo con l’aumento della densità urbana e quanto queste sostanze chimiche svolgono effettivamente un ruolo nella formazione dell’ozono. Vernici, prodotti per la pulizia e prodotti per la cura della persona rappresentano il 78% dei COV di Manhattan, rispetto al 22% dei COV prodotti dai trasporti.

Misure simili sono state effettuate anche a Boulder, in Colorado, per vedere se gli stessi risultati sarebbero stati osservati in una città meno densa: 329.316 persone vivono a Boulder e 1,63 milioni di persone a Manhattan. I ricercatori hanno scoperto che i prodotti di consumo con COV rappresentano ancora il 42% dei COV artificiali, ma il trasporto è il maggior contributore con il 58%.

L’attuale generazione di modelli di qualità dell’aria non rappresenta accuratamente sia le emissioni che le reazioni chimiche nell’atmosfera di questi prodotti di consumo, ha affermato Coggon, e devono essere aggiornati per riflettere pienamente il loro impatto sulla qualità dell’aria urbana. Nelle aree in cui l’inquinamento da ozono è un problema, ha affermato, potrebbe essere necessario sviluppare nuove strategie per controllare le fonti di COV.

Un altro gruppo di scienziati ha pubblicato uno studio nel febbraio 2021 che è andato più in dettaglio sugli effetti dell’inquinamento atmosferico e ha affermato che potrebbe aumentare il rischio di malattie cardiache e polmonari.

Un gruppo di scienziati dell’Università di Harvard ha stimato l’esposizione di 63 milioni di adulti statunitensi di età pari o superiore a 65 anni al particolato, al biossido di azoto e all’ozono. L’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico è stata associata ad un aumento del rischio di ospedalizzazione per malattie cardiovascolari e respiratorie su scala additiva tra gli anziani negli Stati Uniti.

Negli stessi Stati Uniti hanno più volte dimostrato che questo Paese consuma più volte di altri, e che il 10% dei più ricchi del mondo è responsabile del consumo (e delle emissioni) della maggior parte dei beni e servizi prodotti dalla settore reale dell’economia.

Forse si dovrebbe guardare in questa direzione per ipotizzare soluzioni riguardo a queste problematiche ambientali. Invece, la soluzione che si sta prospettando in fondo non cambia le politiche globali ma tende solo a diminuirne gli effetti. Peraltro scaricando il maggior costo sempre sulla parte più debole della popolazione e sugli stati in via di sviluppo.


@vietatoparlare

RIFERIMENTO Come mostra uno studio della British University effettuato in 86 paesi, il decimo della popolazione con i redditi più alti consuma circa 20 volte più energia del decimo della popolazione con i redditi più bassi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.