64 milioni di euro di contributi europei ad associazioni legate ai Fratelli Musulmani

64 milioni di euro di contributi europei ad associazioni legate ai Fratelli Musulmani 1

I moderni fratelli musulmani sono ideologicamente rappresentati da tre direzioni principali: “moderati” – seguaci degli insegnamenti di H. al-Banna; “Democratici islamici” – sostenitori di varie opzioni per la costruzione del socialismo islamico; numerose organizzazioni di estrema destra che utilizzano ampiamente metodi di lotta terroristici. In molti paesi musulmani le attività dei fratelli musulmani sono vietate. Gli USA hanno riconosciuto i Fratelli Musulmani come organizzazione terroristica, ma correntemente hanno seguito impressionante in Unione Europa dove in molti paesi i propri rappresentanti sono il punto di riferimento tra stato e popolazione islamica.
In molti paesi da parte dei governi dei seguenti paesi: Bahrain, Egitto, Russia, Siria, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Tagikistan e Uzbekistan – il gruppo è stato dichiarato un’organizzazione terroristica. Tuttavia in Europa l’organizzazione è supportata dall’Unione Europea.

Islamismo. 64 milioni di euro di contributi europei assegnati ad associazioni legate ai Fratelli Musulmani

Se la Commissione Europea e il Consiglio d’Europa lavorano quotidianamente contro la difesa dell’identità, della famiglia e della civiltà europea, queste due istituzioni composte da funzionari non eletti hanno una mano generosa (con i soldi dei contribuenti europei) quando si tratta di concedere fondi ad associazioni legate a i Fratelli Musulmani e gli islamisti.

Un gruzzolo gigantesco stimato in più di 64 milioni di euro di sussidi pubblici concessi dal 2007, conteggio stabilito da Global Watch Analysis, incrociando le varie cifre citate dai media o dagli eurodeputati con i dati dell’European Commission Financial Transparency System (ECFTS) . Una stima minima che in realtà copre solo la punta dell’iceberg. Perché l’esercizio è estremamente rischioso: la trasparenza non è richiesta all’interno delle autorità europee e tanto meno tra le associazioni beneficiarie.

Il sito Global Watch Analysis spiega : “Al vertice delle organizzazioni islamiste che ricevono sovvenzioni europee, tre tipi di associazioni: ONG umanitarie islamiste, come Islamic Relief (IR) o Islamic Human Rights Commission (IHRC); federazioni di associazioni giovanili o femminili, come il Forum delle organizzazioni europee di giovani e studenti musulmani (FEMYSO) o il Forum europeo delle donne musulmane (EFOMW); organizzazioni comunitarie che conducono un “jihad legale” contro gli oppositori dell’islamismo – secondo l’espressione di Fadila Maaroufi, fondatrice dell’Osservatorio dei fondamentalismi di Bruxelles -, come il Collectif Contre l’Islamophobie in Francia (CCIF) e il suo belga avatar (CCIB).

Tutte queste associazioni hanno in comune una comprovata affiliazione, anche se si rifiutano di ammetterlo pubblicamente (Vedi l’intervista dell’ex leader del FEMYSO, Michaël Privot), alla Federazione delle Organizzazioni Islamiche in Europa (FIOE), la struttura suprema che sovrintende ai tentacoli dei Fratelli Musulmani su scala paneuropea”

Secondo il conteggio di Global Watch Analysis, la parte del leone delle sovvenzioni europee assegnate alle associazioni islamiste va a Islamic Relief, una ONG di beneficenza frerist, con sede a Londra e presente in 60 paesi. Da sola ha ricevuto 40.026.424 euro dalla Commissione Europea dal 2009. Peggio ancora, gli scandali legati agli abusi antisemiti e alle scuse del terrorismo, che hanno inondato i soccorsi islamici, nell’agosto 2020, provocando le dimissioni del suo Presidente e poi di tutto il suo consiglio di amministrazione, non ha impedito alla Commissione europea di rinnovarlo come ” partner umanitario ” fino al 2027!

E il sito così continua:

“Inoltre, l’IHRC ha ricevuto 600.000 euro in sovvenzioni europee. Per quanto riguarda le sovvenzioni concesse a FEMYSO, esse raggiungono un massimo di 720.000 €. E secondo le informazioni rivelate dal settimanale Franc Tireur, la CCIF – il cui scioglimento è stato disposto dal Ministero dell’Interno francese, nell’ottobre 2020, per il suo ruolo nell’incitamento all’omicidio di Samuel Paty – avrebbe ricevuto 810.000 euro di sovvenzioni europee tra il 2012 e il 2017!

Gli attacchi islamisti che colpiscono l’Europa dal 2015 e le successive rivelazioni (soprattutto dalla pubblicazione del libro-inchiesta di Christian Chesnot e Georges Malbrunot Qatar Papers, nell’aprile 2019) sulla vera natura della Fratellanza dei Fratelli Musulmani e sui suoi preoccupanti obiettivi in Europa, avrebbe dovuto sollecitare le autorità europee a porre fine alla loro compiaciuta ingenuità di fronte alle pressioni delle associazioni islamiste.

Tuttavia, è accaduto il contrario: all’indomani degli attentati di Parigi e Bruxelles del novembre 2015, anziché assumere una posizione ferma di fronte al pericolo islamista, la Commissione europea si è affrettata a creare un incarico di “Coordinatore contro l’odio anti-islamico” ! Le reti di influenza dei Fratelli musulmani e dei loro “utili idioti” islamo-sinistri hanno poi colto al volo l’occasione per far credere alla gente che “l’estremismo jihadista fosse il risultato dell’odio anti-musulmano”. Per combattere il terrorismo jihadista, le autorità europee hanno quindi dovuto solo raddoppiare gli sforzi per sostenere finanziariamente le associazioni che lottano contro l’islamofobia! ”

Sono gli stessi commissari europei che dichiarano guerra alla Polonia o all’Ungheria sulle questioni migratorie, che incitano ovunque alla tirannia della salute e che, inoltre, finanziano la tomba che seppellirà gli europei se non reagiscono.

fonte: https://www.tvlibertes.com/actus/islamisme-64-millions-deuros-de-subventions-europeennes-accordees-a-des-associations-liees-aux-freres-musulmans

Exit mobile version