Il dominio statunitense sull’energia è mai finito?

L’industria petrolifera globale è un settore altamente redditizio, fortemente influenzato da eventi geopolitici. Nel settore attualmente sta emergendo un nuovo ordine. Gli Stati Uniti un tempo erano gli unici attori in grado di influenzare significativamente i mercati energetici di tutto il mondo. Le alleanze militari e globali del paese si sono dimostrate strumenti potenti per il monitoraggio di eventi in regioni come il turbolento Medio Oriente. Ma l’influenza degli Stati Uniti nel mondo si sta indebolendo, mentre quella della Russia e della Cina stanno crescendo.

Mosca è diventata una forza da non sottovalutare in diverse regioni attraverso una combinazione di diplomazia e politica energetica. Inoltre, gli errori di calcolo della politica estera di Washington creano un’anarchia di cui godono altre parti interessate, come errori di calcolo come il recente inatteso ritiro di truppe dalla Siria settentrionale. La Russia è ora diventata forse la forza politica più importante in Medio Oriente. Tuttavia, i piani di Mosca non sono regionali, ma globali. In questo contesto, il primissimo vertice Africa-Russia è la prova delle ambizioni globali del Cremlino.
Mosca promuove anche le relazioni con diversi paesi dell’America Latina. Sin dalla Dottrina Monroe del 1823, gli Stati Uniti hanno considerato l’America centrale e meridionale il proprio “cortile”. Tuttavia, paesi come il Venezuela resistono al potere e all’influenza di Washington. Per questo motivo, quando si è sparsa la voce sulla vendita della più grande compagnia energetica del Sud America alla russa Rosneft, a Washington questa notizia ha provocato per un altro potenziale fiasco della politica estera.

Il costo della compagnia petrolifera statale venezuelana è stimato in $ 186 miliardi; la compagnia è il motore della crescita economica del Paese. La regione di Orinoco, dove viene prodotta la maggior parte del petrolio del paese, contiene circa 300 miliardi di barili di petrolio recuperabili ed è il più grande del mondo. Nonostante le enormi riserve di petrolio, il Venezuela si sta muovendo verso un completo collasso economico e politico. L’instabilità politica nel paese dura da molti anni. L’Assemblea nazionale, il parlamento di un paese dominato dall’opposizione, è stato messo in secondo piano da Nicolas Maduro e dal suo regime.

Nonostante le sanzioni internazionali e la cattiva gestione della PDVSA, Caracas ha lottato per sopravvivere alla tempesta. Il debito del paese è attualmente del 738 percento superiore al valore delle sue esportazioni. Il futuro del Venezuela è nelle mani di un piccolo numero di paesi che detengono la maggior parte del suo debito di $ 156 miliardi. La Russia e la Cina detengono la parte del leone, poiché cercano di ottenere maggiore influenza.
La maggior parte della produzione di petrolio della PDVSA è legata al rimborso del debito. In combinazione con lo sviluppo della crisi economica e sociale, ciò ha comportato un grosso problema con gli afflussi di cassa, che è la ragione del ciclo economico chiuso. Inoltre, lo sviluppo della cintura petrolifera venezuelana dell’Orinoco richiede ingenti investimenti per mantenere la produzione a causa della sua posizione remota. Un’enorme fuga di cervelli e una cattiva gestione della PDVSA hanno ridotto la produzione di petrolio nel paese di 1,1 milioni di barili al giorno dal 2014.

In migliaia di barili al giorno / Fonte: OPEC_MOMR da dicembre 2014 a dicembre 2017

La vendita parziale di PDVSA fornirà alcuni ovvi benefici a entrambe le parti. L’enorme onere del debito venezuelano sta ostacolando qualsiasi ripresa economica. La riduzione del debito potrebbe ridurre la pressione finanziaria, dando speranza di una ripresa economica. Almeno la leadership politica lo spera. Caracas potrebbe anche contare sul sostegno russo in una regione in cui gli Stati Uniti sono ancora dominanti e in cui uno scontro militare è una minaccia a lungo termine. Mosca, a sua volta, potrebbe rafforzare la sua influenza sul mercato petrolifero globale e aggiungere alla sua lista crescente di attività le maggiori riserve di petrolio del mondo.

Tuttavia, nonostante le voci, non è chiaro se verranno venduti i beni più preziosi del Venezuela. In primo luogo, il debito di Caracas con Pechino per circa $ 60 miliardi è molto più di quello che deve a Mosca. Sarebbe più logico vendere la società ai cinesi al fine di garantire la riduzione del debito, poiché la Cina ha risorse finanziarie molto più serie. In secondo luogo, i rischi politici sono molto più elevati di quelli che la Russia potrebbe digerire se fosse coinvolta nella prolungata crisi politica del paese. La crisi venezuelana è tutt’altro che finita e il suo esito è estremamente difficile da prevedere. E infine, il Venezuela non è la Siria. Mosca farà attenzione a non provocare gli Stati Uniti, soprattutto perché si sta avvicinando l’anno delle elezioni.

Ma le società russe continueranno a investire e il Cremlino manterrà la sua presenza in questo paese sudamericano. I rischi politici creano incertezza e spaventano gli affari. Ma le società russe controllate dallo stato hanno obiettivi politici oltre a quelli finanziari. Gli investimenti inclini al rischio, se riusciranno, porteranno potenzialmente molti più rendimenti e risultati politici. Il Venezuela potrebbe benissimo essere un ragionevole investimento politico e finanziario che abbraccia il punto di vista di Mosca.

fonte: Oilprice

Exit mobile version