Venezuela: Trump riconosce con un tweet il capo dell’opposizione come presidente

Ma si rischia la guerra civile? Vediamo il contesto e chi è il premier designato con l’insolita procedura dell’auto-designazione..

In Venezuela abbiamo un presidente auto eletto, riconosciuto dall’Assemblea Nazionale, un organo non riconosciuto costituzionalmente.  Ma fulminamente riconosciuto dagli Stati Uniti con un tweet… Mi piace Maduro? La risposta è no,  non mi piace. Non mi piace la sua retorica e il suo monocolore. Ma mi piace allora il modus operandi statunitense? No, è palesemente illegittimo e prosegue in una pericolosa consuetudine (vista anche in Libia, Iraq etc..) di ingerenza, di fabbricazione di ‘rivoluzioni colorate’ e ‘regime change’ in tutto il mondo.

Gli errori di Maduro e la forte ideologizzazione sono fuori di dubbio, la situazione del paese è molto difficile , aggravata dalle sanzioni e dall’isolamento internazionale.  Ma è fuori di dubbio l’aggressività  della politica USA in sud-america negli ultimi decenni.  Al di là della propensione di ognuno di noi per l’una o l’altra parte, la legalità dovrebbe essere messa al primo posto ed il popolo dovrebbe decidere del proprio vivere, le proprie scelte rispettate, le politiche interne di paesi sovrani non indirizzate o sovvertite.

Non si può legittimare qualcuno dall’esterno a secondo del gradimento che riscuote negli Stati Uniti.  A prescindere della propria idea su Maduro, l’organo internazionale che ha autorità sui paesi membri, è l’Onu la cui indipendenza è messa sempre più a serio rischio, surclassato dall’unipolarismo.

Segue un breve approfondimento.

@vietatoparlare

Il 35enne Juan Guaydo si è dichiarato “presidente ad interim” del Venezuela e ha prestato  “giuramento”. Ciò è avvenuto durante una manifestazione di oppositori del  presidente Nicolas Maduro nella capitale Caracas – nel quartiere degli affari di Chacao, dove sono concentrate le principali banche, gli uffici di rappresentanza di società straniere, i più grandi centri commerciali e gli hotel più costosi.

Juan Gerardo Guaydo Marquez è nato nella città di La Guaira (stato di Vargas), che è il porto marittimo principale del paese. Ha conseguito una laurea in ingegneria industriale, è andato negli Stati Uniti e si è formato alla George Washington University con una laurea in pubblica amministrazione. Dopo essere stato approvato dai curatori dello stato come una struttura promettente, Guaydo tornò in patria e divenne uno dei leader del movimento studentesco anti-chavista. Nel 2009, ha co-fondato l’opposizione Narodnaya Volya Party, che unisce i sostenitori della globalizzazione, del decentramento, dell’uguaglianza di genere, dei diritti LGBT  ecc. Narodnaya Volya è incluso nella Tavola Rotonda dell’Unità Democratica (MUD) – una coalizione di 14 membri diversi gruppi di opposizione: liberali, liberali di sinistra, liberali di destra, radicali di sinistra,

Nel 2015, Guaydo è stato eletto (26,01% dei voti) come membro dell’Assemblea nazionale dello Stato di Vargas. Nel 2018, ha guidato la coalizione del MUD. Il 5 gennaio 2019, è stato eletto Presidente del Parlamento (controllato dall’opposizione radicale), sebbene la Corte Suprema del Venezuela abbia dichiarato incostituzionale l’attività dell’Assemblea Nazionale già nel 2017. L’11 gennaio, Guaydo dichiarò che la costituzione gli avrebbe permesso di svolgere i doveri del capo dello stato al posto” dell’usurpatore Maduro”.

Guaydo su Twitter ieri ha invitato l’esercito “a prendere la parte della costituzione e della gente”. La sua auto-proclamazione è stata immediatamente riconosciuta dagli Stati Uniti. Anche su Twitter. Donald Trump: “Oggi riconosco ufficialmente il capo dell’Assemblea nazionale del Venezuela, Juan Guaydo, come presidente di transizione del Venezuela, in quanto unico governo legittimamente eletto dal popolo del Venezuela, l’Assemblea nazionale, con riferimento alla costituzione del paese, ha dichiarato … Continuerò a usare tutto il peso del potere economico e diplomatico degli Stati Uniti per cercare il ripristino della democrazia in Venezuela … Invito altri governi occidentali a riconoscere la transizione di Guaido  presidente del Venezuela, e lavoreremo con lui “. Ha aggiunto che intendeva ” portare alla giustizia il regime di Maduro. “E ha osservato che Washington sta considerando” tutte le opzioni “sulla situazione in Venezuela.”

Il segretario di stato americano Mike Pompeo tramite Twitter ha chiesto che Maduro trasferisca il potere a Guaydo: “Il popolo del Venezuela ha sofferto abbastanza sotto la disastrosa dittatura di Nicholas Maduro, chiediamo a Maduro di andarsene e aprire la strada al leader legittimo che rappresenta la volontà del popolo del Venezuela. Il vicepresidente Usa Mike Pence e la figlia presidenziale Ivanka Trump,  hanno definito Maduro un “dittatore”.

Dopo lo zio Sam, è stato annunciato il riconoscimento di Juan Guaydo come capo del Venezuela – anche via Twitter, e a ruota Canada, Paraguay, Colombia, Brasile (Presidente Zhair Bolsonara: “Faremo come ha fatto Trump, il Brasile riconosce Guaydo come presidente del Venezuela”), Argentina, Ecuador, Guatemala, Costa Rica, Cile, Perù, Segretario generale dell’Organizzazione degli Stati americani Luis Almagro (“Le nostre congratulazioni a Guaydo come presidente del Venezuela”). Il capo del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha invitato “tutta l’Europa a unirsi a sostegno delle forze democratiche in Venezuela”. Facebook e Instagram non considerano più Nicolas Maduro come il presidente del Venezuela – hanno rimosso i segni di spunta blu (un segno speciale accanto al nome del titolare , che conferma l’autenticità di pagine di personaggi famosi) dai suoi account ufficiali. Radio Liberty già festeggia il rovesciamento di Maduro.

Russia, Cina, Turchia, Messico, Bolivia, Uruguay e molti altri paesi sostengono inequivocabilmente il leader legittimo Nicolas Maduro. “Tutta l’attuale politica americana nei confronti del Venezuela, comprese le ultime dichiarazioni di Trump, rappresentano un’interferenza diretta e senza cerimonie nei suoi affari interni: il mondo sa conosce le conseguenze  dal cambio di governo in Libia per l’intervento americano diretto, quali difficoltà incontra oggi l’Iraq , la Siria entrata in collisione diretta, il Venezuela è destinato come prossimo nella lista dentro questa linea “, ha detto Konstantin Kosachev, presidente della commissione per gli affari internazionali del Consiglio federale degli affari internazionali russo, a RIA Novosti. Mentre il presidente della Commissione del Consiglio della Federazione russa sulla Politica dell’Informazione, Alexei Pushkov, ha detto: “Gli Stati Uniti hanno avviato un” cambio di regime “in Venezuela, ma il fatto che Washington riconosca ancora un presidente alternativo non significa che è riconosciuto dai venezuelani e in ogni parte del mondo. Ovunque, dove gli Stati Uniti hanno fatto cambiamenti di regime – dall’Iraq alla Libia, hanno regnato devastazione e caos. Il Venezuela è la nuova vittima”.

Maduro ha parlato ai suoi sostenitori dal balcone del palazzo presidenziale: “Gli Stati Uniti hanno tentato un colpo di stato in Venezuela mercoledì, dichiaro al popolo che, in qualità di presidente costituzionale, ho deciso di tagliare le relazioni diplomatiche e politiche con il governo degli Stati Uniti.Tutti i diplomatici statunitensi saranno espulsi dal Venezuela. In questo giorno, firmo una nota diplomatica, dando 72 ore a tutto il personale diplomatico e consolare degli Stati Uniti per lasciare il paese “.

“Difenderemo il diritto alla pace del popolo, chiamo il popolo per la massima comprensione, abbiamo attraversato molte prove e ho chiesto a Dio di benedirci per superare questo test, così che il Venezuela uscirà vittorioso. Il Venezuela ha il diritto alla pace e alla prosperità.Il Venezuela ha il diritto di governarsi sovranamente, liberamente e in modo indipendente.Il Venezuela ha il diritto di difendere gli interessi nazionali “, ha detto con fermezza Maduro.

L’esercito è dalla parte di Maduro. Il ministro della difesa del paese, Vladimir Padrino Lopez, ha dichiarato che le forze armate non riconosceranno mai il burattino americano di Guaydo: “Noi, soldati della Patria, non accettiamo il presidente, imposto all’ombra di oscuri interessi e fuorilegge autoproclamato.

source: Zvtra