Voltairenet: “La Francia chiede all’Arabia Saudita di liberare il primo ministro libanese”

Il sito Voltairenet.org, notoriamente ben informato, afferma che il governo francese in queste ore sta facendo passi per ottenere la liberazione del primo ministro libanese Hariri. Saad Hariri protagonista di anomale dimissioni in diretta sulla televisione saudita dalla capitale saudita, aveva suscitato più di qualche perplessità nei giorni scorsi,  a ragione del suo discorso nel quale attaccava con particolare veemenza Hezbollah. Anche lo stile era inconsueto, tanto da far sospettare che il discorso fosse stato scritto dai sauditi. Ora l’articolo di Voltairenet, conferma che il primo ministro sarebbe trattenuto agli arresti domiciliari presso l’albergo Ritz a Ryad e che Parigi sta intervenendo diplomaticamente a favore della sua liberazione. Già ieri la situazione era stata  fatta trasparire dal movimento libanese Hezbollah.

Vietatoparlare

Il governo francese è intervenuto presso il principe ereditario saudita Mohammad bin Salman per far liberare il primo ministro libanese, Saad Hariri, attualmente agli arresti all’hotel Ritz di Riad, insieme a diverse personalità arrestate durate la purga di palazzo.

Hariri ha annunciato le proprie dimissioni dall’hotel Ritz. Tuttavia, secondo la costituzione libanese, deve rimane in carica per l’ordinaria amministrazione fino alla nomina del suo successore. Hariri ha informato per telefono direttamente il presidente Michel Aoun delle proprie dimissioni, senza però motivarle.

In un discorso televisivo, il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha preso le difese di Saad Hariri, leader della coalizione opposta al proprio partito, denunciando un’ingerenza saudita negli affari libanesi.

Il presidente Michel Aoun ha riunito lunedì mattina al palazzo di Babda un Consiglio di Difesa per decidere come reagire alla sparizione inattesa del primo ministro. Sembra che Aoun non ritenga valide le dimissioni telefoniche e che ne terrà conto solo quando Hariri tornerà in Libano ad annunciargliele personalmente.

La classe dirigente libanese si mostra cauta, eccezion fatta per l’ex capo della polizia, Achraf Rifi, rientrato dall’esilio per succedere a Saad Hariri. Secondo Rifi il presidente Aoun deve assumersi le proprie responsabilità e scegliere con urgenza un nuovo primo ministro.

Saad Hariri, che ha doppia cittadinanza, saudita e libanese, in Arabia Saudita non può beneficiare dell’immunità diplomatica.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista 

Source link

nora a margine:

Che cosa é la Rete Voltaire?

Reseau Voltaire è una rete internazionale della stampa non allineata specializzata in relazioni internazionali, istituita nel 2005 su iniziativa dell’intellettuale francese Thierry Meyssan. Gestisce articoli editi sul sito multilingue voltairenet.org e i database 911investigations.net e gulf investigations.net.

I membri della Rete Voltaire si adoperano per la realizzazione dei dieci principi dalla Conferenza di Bandung del 1955:

1) Rispetto dei diritti umani fondamentali, in conformità con le finalità e i principi della carta delle nazioni unite;
2) Rispetto per la sovranità e l’integrità territoriale di tutte le nazioni;
3) Riconoscimento della parità di tutte le razze e l’uguaglianza di tutte le nazioni, grandi e piccole;
4) Non-intervento e non-interferenza negli affari interni di altri stati;
5) Rispettare il diritto di ogni nazione a difendersi individualmente o collettivamente in conformità con la carta delle nazioni unite;
6) Diniego del ricorso al sistema di difesa collettiva per servire gli interessi delle grandi potenze di qualsiasi tipo; rifiuto a qualsiasi potenza d’esercitare pressioni su terzi;
7) Astensione dalle minacce, atti di aggressione o uso della forza contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di uno stato;
8) Risolvere tutte le controversie internazionali con mezzi pacifici, come la negoziazione o la conciliazione, arbitraggio o regolamento presso i tribunali, in conformità con la carta delle nazioni unite;
9) Promozione degli interessi reciproci e della cooperazione;
10) Rispetto per la giustizia e gli obblighi internazionali.

Chi compone la Rete Voltaire?

Reseau Voltaire raccoglie agenzie di stampa internazionali, periodici e sindacati dei giornalisti professionisti:

Agencia cubana de noticias – ACN (Cuba)
Agencia Informe de Prensa Internacional – IPI (Peru)
Agencia Nacional de Comunicación (Argentina)
Contralínea (Messico)
Fortuna (Messico)
Horizons et débats (Svizzera)
Opción (Ecuador)
Syria Alghad (Siria)

Print Friendly, PDF & Email