USA – Un informatore sostiene che l’FBI aveva un motivo personale per colpire il gen. Flynn

Un informatore ha detto a Rep Ron DeSantis (membro repubblicano della camera dei rappresentanti della Florida) che un alto dirigente dell’FBI gli suggeriva che l’FBI aveva un motivo personale per prendere di mira il consigliere per la sicurezza nazionale , Flynn con lo scopo di rovinargli la carriera.

Le prove di quella dichiarazione potrebbero essere usate se esistesse ancora la registrazione di una videoconferenza in cui l’alto dirigente dell’FBI in questione, commenta al pubblico (agenti FBI) di aver rovinato la carriera di Flynn.

 The Hill:

…. (Rep Ron DeSantis) Ha detto di aver anche parlato con un altro informatore che ha assistito a una video teleconferenza lo scorso febbraio tra la dirigenza dell’ufficio e i suoi agenti speciali in carica il giorno in cui il consigliere di sicurezza nazionale di Trump Michael Flynn si è dimesso per aver mentito al vicepresidente Pence sui suoi contatti con Ambasciatore russo negli Stati Uniti.

Flynn venerdì si è dichiarato colpevole per aver reso dichiarazioni false all’FBI.

DeSantis ha detto che la persona con cui ha parlato ha detto che un alto dirigente dell’FBI ha fatto un commento inappropriato suggerendo che l’ufficio aveva un motivo personale nell’indagare su Flynn e rovinare la  carriera. DeSantis vuole che l’FBI gli dica se la videocassetta è stata salvata.

“I modi estremamente divergenti con cui queste indagini sono state condotte sembrano coincidere con il pregiudizio politico che è stato scoperto”, ha affermato DeSantis.

Senza dubbio il generale Flynn è stato preso di mira.