Ucraina – Sei errori commessi dell’occidente in Ucraina (e che continua a commettere…)

lavrovkerry_pd_050714

“Riconoscendo la natura indigena dei problemi dell’Ucraina quindi questo conduce direttamente ad una strategia radicalmente diversa nei confronti della Russia, ovvero di cooperazione piuttosto che di scontro.”
Nicolai N. Petro



ODESSA, Ucraina – Se l’Occidente appare confuso dalle azioni russe in Ucraina e non in grado di trovare una risposta adeguata alla crisi, è perché fin dall’inizio, ha letto male la situazione, trasformandola da una disputa essenzialmente interna in una minaccia per l’architettura della sicurezza d’Europa.

Mentre tutte le parti hanno contribuito alla debacle attuale [Tranne la Russia, NdT], sei ipotesi ampiamente dibattute hanno svolto un ruolo eccessivo nella formazione del pensiero occidentale sull’Ucraina. Questi errori dovranno essere corretti prima di poter fare un reale progresso.

1. Gli ucraini sono un popolo, uniti nel loro sostegno del cambiamento: Questo è un ritornello familiare tra i politici occidentali, ma chiunque abbia familiarità con la storia ucraina sa che i suoi confini sono cambiati molte volte nel secolo scorso. Di conseguenza, ci sono milioni di persone senza alcun attaccamento etnico, culturale, linguistica o altro per l’Ucraina definiti dagli attuali confini.

Dal 1991, la divisione più visibile è stata tra ucraini occidentali, molti dei quali cercano una Ucraina culturalmente e politicamente distinta dalla Russia, e gli ucraini orientali, che vogliono vivere in una Ucraina, che è indipendente, ma che mantiene anche vicino spirito, cultura e legami economici con la Russia.

Il fatto che i governi occidentali abbiano identificato le aspirazioni nazionali dell’Ucraina con quelli delle regioni occidentali del paese li mette in contrasto con circa la metà del paese. Anche se le regioni occidentali prevalgono sulle regioni orientali nella lotta attuale, scegliere le parti in questo modo ha generato un sentimento anti-occidentale in Oriente che rischia di indugiare e permanere per gli anni a venire.

2. Sostenere Euromaiden e la cacciata del presidente Yanukovych: Al culmine dei disordini Euromaidan, i governi occidentali hanno avvertito il presidente Yanukovich di non usare la forza per disperdere le proteste, anche se gli eventi si sono trasformati in episodi violenti. Più tardi, durante una fase critica dei negoziati con l’opposizione, i funzionari degli Stati Uniti sono stati registrati mentre parlavano di quali leader dell’opposizione volevano rimpiazzare. Per un pubblico ucraino già nettamente diviso sulla legittimità delle proteste pubbliche sulla Maidan ( circa tre quarti della popolazione nelle città orientali dell’Ucraina hanno considerato le proteste Euromaidan come qualcosa di illegale), questo semplicemente ha dimostrato che l’Occidente stava intervenendo per contrastare le preferenze politiche di metà del paese.

3. Non riuscendo a stare dietro l’accordo del 21 febbraio : Il fallimento di Francia, Germania e Polonia nello stare dietro alla transizione negoziata del potere che avevano chiesto, è stato un duro colpo per la legittimità delle istituzioni dello Stato ucraino da cui ha avuto e continua ad avere grande difficoltà nel recuperlo. La successiva presa del potere da parte dell’opposizione non solo ha allontanato, il tanto vituperato, anche se legittimamente eletto presidente, ma ha anche portato al crollo del più grande partito politico del paese che, pur con tutti i suoi difetti, incarnava le aspirazioni politiche di circa la metà della popolazione. Ad oggi, meno di un terzo della popolazione di lingua russa in Ucraina vede presidente attuale in carica e il primo ministro come legittimi, mentre a Donetsk e Lugansk, i focolai della resistenza armata, questa cifra scende a meno del 15 per cento.

4. Ignorando l’ascesa della destra radicale: I media occidentali hanno lentamente preso coscienza del fatto che gruppi nazionalisti di destra come Svoboda e il Settore destro, abbiano giocato un ruolo decisivo nella radicalizzazione della Euromaidan, e nella drammatica presa del potere subito dopo gli accordi del 21 febbraio. Ufficialmente, però, i governi occidentali continuano ad insistere che il loro ruolo sia marginale. Eppure, ancora oggi, questi gruppi esercitano un’influenza eccessiva all’interno del parlamento e per le strade del centro di Kiev, che continuano ad occupare nonostante le suppliche da parte del presidente in carica a lasciare. Essi intimidiscono i politici, magistrati e giornalisti, anzi in generale chi parla contro le politiche del governo attuale. La loro intimidazioni dei candidati presidenziali connesse al Partito delle Regioni non suscita quasi alcun commento da parte dei governi occidentali. Molti nelle regioni orientali e meridionali dell’Ucraina vedono questo come un’ulteriore conferma della partigianeria occidentale.

5. Etichettatura i manifestanti in Oriente e nel Sud come “pro-russi” e “separatisti”. Entrambe le etichette sono fuorvianti perché l’attaccamento alla Russia in queste regioni è culturale e linguistica, non politica. Le notizie dalle regioni, le indagini e le dichiarazioni dei politici locali e nazionali, rendono evidente che vi sono notevoli rimostranze locali contro il governo ad interim di Kiev. Anche Yulia Tymoshenko ha recentemente riconosciuto tutto ciò sulla televisione nazionale. La stragrande maggioranza vuole semplicemente il loro diritto russo di essere riconosciuti come parte della loro identità ucraina. Il modo più semplice per fare questo, dicono, sarebbe quello di riconoscere la realtà del bilinguismo dell’Ucraina nella costituzione. La resistenza del governo ad interim a questa idea si aumenta solo la diffidenza nei confronti di Kiev.

Per quanto riguarda l’accusa di separatismo, vale la pena notare che in tutti i casi in cui il separatismo è diventato un problema, tra cui la Crimea, la domanda originale era di maggiori diritti regionali e autonomia all’interno dell’Ucraina. Solo quando Kiev ha risposto sostituendo funzionari locali con persone leali solo al nuovo governo, è di fatto iniziata a sorgere la questione della secessione. Questo è uno dei motivi per cui molte persone nelle regioni orientali e meridionali dell’Ucraina (62 per cento) dallo la colpa della perdita di Crimea a Kiev, piuttosto che ai separatisti della Crimea (24 per cento), o alla Russia (19 per cento). Lo stesso approccio viene ora utilizzato verso l’est e il sud dell’Ucraina, con gli stessi risultati disastrosi.

6. Incolpare Russia per i problemi dell’Ucraina: Nonostante la retorica, da minestra riscaldata, proveniente dai governi occidentali, l’obiettivo primario della Russia in Ucraina è stato effettivamente ridurre il livello di instabilità interna. Le ragioni non sono difficili da immaginare. In primo luogo, tale instabilità è un male per il business, che nel caso dell’Ucraina, coinvolge militari, industriali e investimenti energetici che sono vitali per la Russia. In secondo luogo, la continua instabilità è un male per la Russia perché aumenta la probabilità dell’Ucraina di diventare uno Stato fallito, situazione in cui la Russia si sentirà in dovere di sostenere con una massiccia assistenza umanitaria. In terzo luogo, tale instabilità è un male perché aumenta le tensioni con l’Occidente, che ha la tendenza ad incolpare la Russia per tutto ciò sta accadendo.

Alla Russia piacerebbe molto vedere l’Ucraina come un partner economico e politico stabile, in grado di fornire abbastanza crescita e occupazione ai propri cittadini per ridurre il flusso annuo di oltre 3 milioni di lavoratori migranti ucraini in Russia, contribuendo così alla prosperità di 11 milioni di russi che vivono lungo il confine con l’Ucraina. Avendo già speso fino ad oggi 300 miliardi di dollari negli ultimi due decenni, per evitare il collasso dell’economia ucraina, sembra poco probabile che la Russia cerchi ora la distruzione economica dell’ucraina. E certamente non vuole spendere decine di miliardi di dollari che ci vorrebbero per assorbire queste regioni, e aumentare il loro livello di vita fino a quello della Russia.

Che cosa deve essere fatto, invece

Se le azioni della Russia non sono la causa principale del problema dell’Ucraina, castigarla non può assolutamente risolvere la crisi attuale. In realtà, la crisi è composta da tre questioni: in primo luogo, distraendo i politici occidentali dalle divisioni reali all’interno dell’Ucraina che devono essere affrontati; secondo, rafforzando il concetto, popolare tra alcuni nel governo ad interim di Kiev, che il sostegno occidentale significa che non c’è bisogno di negoziare con le regioni orientali scontente; terzo, contrapponendosi all’attore esterno con la massima partecipazione in Ucraina.

Interpretando gli eventi in corso in Ucraina attraverso il prisma di una nuova guerra fredda con la Russia , l’amministrazione Obama ha già raggiunto una situazione pessima in termini di sottoprodotti, ovvero la manipolazione alimentata dall’esterna da parte degli attori locali che cercano i massimi vantaggi per se stessi.

Ma la Russia non è l’URSS. In una strana torsione storica, nella crisi attuale, si sta difendendo i diritti delle popolazioni locali di essere ascoltati dal loro governo, mentre l’Occidente difende la rimozione di un presidente legittimamente eletto. Significativamente, tutto questo avviene in una zona del mondo che conserva forti simpatie per la Russia.

Una vasta indagine delle zone di lingua russa nell’Aprile 2014 ha mostrato che, mentre il 70 per cento non supportano la secessione, se il referendum si fosse svolto oggi solo il 25 per cento vorrebbe aderire all’UE, mentre il 47 per cento preferirebbe aderire all’Unione doganale Russa. Solo il 15 per cento ritiene che le relazioni con la Russia e l’ucraina dovrebbe essere le stesso come con un qualsiasi altro paese, mentre i tre quarti dicono i due paesi dovrebbero avere frontiere aperte, e l’8 per cento sente che i due paesi dovrebbe essere un paese unico. Più preoccupante per le prospettive della campagna militare contro i ribelli, condotte in Oriente, i quasi tre quarti dicono di non essere favorevoli all’introduzione di truppe russe mentre solo il 10 per cento dice che sarebbero disposti a prendere le armi per difendere l’integrità territoriale dell’Ucraina.

Questo è il campo minato all’interno del quale gli Stati Uniti e l’Unione europea stanno ora cercando di manovrare nel profondo nel cuore storico dell’impero russo, dove le simpatie popolari per la Russia sono vaste e profonde, e dove l’Occidente deve ancora definire una chiara strategia e obiettivi.

Gli storici del futuro si chiederanno interrogheranno molte volte riguardo alla tolleranza che la Russia ha mostrato in una situazione che interferisce con la sua vasta influenza (la facilità con cui la Crimea è stata presa dalla Russia dovrebbe essere altamente istruttivo), in contrasto con l’audacia tendente all’incoscienza con cui gli Stati Uniti e l’UE hanno cercato di manipolare il risultato politico di Kiev.

Riconoscere la natura indigena dei problemi attuali dell’Ucraina, che spesso risalgono alle promesse lasciate incompiute da parte dei governi ucraini passati, è quindi un primo passo necessario per trattare in modo realistico. Ma è solo il primo passo. Il prossimo è quello di esercitare una pressione significativa sul governo ad interim di fare ciò che ha finora rifiutato di fare, creare un governo di unità nazionale.

Comprensibilmente, non è facile per chi è salito al potere sull’onda di entusiasmo rivoluzionario, ammettere che molti dei loro connazionali considerano quello che hanno fatto come illegittimo. Fortunatamente, però, la maggior parte delle persone in Oriente e nel Sud sono ancora desiderosi di raggiungere la pace in nome dell’unità nazionale. Ma ritengono che tale sistemazione dovrebbe essere basata su azioni concrete intraprese da Kiev che dimostrino che la legge e l’ordine sono realmente in fase di restauro, e che il governo provvisorio non sia sotto il diktat di nazionalisti radicali. Attualmente, la preoccupazione numero uno in Oriente e Sud è la paura del “banditismo dilagante,” vale a dire, cadere in preda alla violenza scatenata da Kiev nel mese di gennaio e febbraio, e l’illegalità a cui stiamo assistendo oggi.

Un secondo passo fondamentale è fare la seconda lingua ufficiale del russo in Ucraina. Questo gesto sarebbe rassicurare le regioni prevalentemente di lingua russa del paese che il loro patrimonio culturale è infatti pienamente accettata in Ucraina di oggi. Tale passo è stato promesso da molti candidati presidenziali dall’indipendenza dell’Ucraina, ma si è sempre opposta dai nazionalisti ucraini.Ecco perché i suoi sostenitori chiedono ora che venga sancito dalla Costituzione.

Un ultimo passo è il decentramento politico ed economico, che alcuni identificano come il federalismo. La differenza essenziale tra autonomia regionale e il federalismo è che quest’ultimo è un patto tra le regioni e il governo centrale come previsto dalla Costituzione. Alcuni tipi di federalismo sono molto ampi, mentre altri tipi sono strettamente circostanziati. Se l’autonomia non è costituzionalmente stabilita, i suoi avvocati dicono, che ogni nuovo gruppo di parlamentari potrebbe rescindere da ciò che è stato precedentemente concesso, come è successo con la Crimea nel 1998.

Il governo ad interim, tuttavia, non può svolgere questi compiti urgenti in proprio. E’ troppo forte il debito con i nazionalisti radicali e le forze di strada pro-rivoluzionari che li hanno portato al potere. Non dimentichiamo che questi ultimi hanno anche approvato l’attuale governo. Dal momento che qualsiasi movimento verso un vero governo di unità nazionale dovrà essere preso contro la volontà di una delle circoscrizioni fondamentali del governo ad interim, ciò richiederà copertura politica, e questo può essere fornito solo dai suo principali sostenitori: gli Stati Uniti e l’Unione europea .

Riconoscendo la natura indigena dei problemi dell’Ucraina quindi questo conduce direttamente ad una strategia radicalmente diversa nei confronti della Russia, ovvero di cooperazione piuttosto che di confronto, nella ricerca di una Ucraina forte e indipendente. Ultima cosa, ma certamente non la meno importante, tutto questo potrebbe mettere a tacere una volta per tutte le nuove dinamiche da Guerra Fredda.

fonte: frammenti di realtà

Post correlati

Giulietto Chiesa introduce l'inchiesta definitiva sul volo MH17 che precipitò sui territori della attuale Repubblica Popolare di Donetsk nell'estate del 2014. Un lavoro dettagliatissimo, che toglie ogni dubbio su cosa accadde il 17 luglio 2014 nei cieli europei e che…

Video in italiano sulla guerra tra le repubbliche popolari del Donbass e l'esercito ucraino nel 2016. Questo video ripercorre i momenti più significativi dell'anno che sta per finire e vuole porre ancora una volta l'attenzione su un conflitto taciuto dai…