Tripoli: La battaglia principale per il controllo della capitale della Libia può essere all’orizzonte

Le tre parti di potere nel paese hanno tutti gli occhi puntati sulla capitale, con ogni supporto godendo da potenze esterne.

( MEE ) – Il caos regna in Libia, con le autorità in continua competizione per il potere, la battaglia per Tripoli sembra essere iniziata di nuovo.

Gli scontri sono scoppiati all’inizio di questa settimana, nella parte orientale della capitale, tra le forze fedeli al governo sostenuto dalle Nazioni Unite di Accordo Nazionale (GNA) e quelli fedeli alla guardia nazionale del governo Salvezza (SG).

La capitale è un obiettivo importante per la guerra tra le parti della regione, l’obiettivo ambito è il controllo sulle risorse strategiche come la Banca libica Centrale, i porti e aeroporti della città, così come tutte le altre istituzioni.

Il quartiere Garabulli, dove gli scontri hanno avuto luogo, è considerato un punto strategico in città, e la lotta non può essere stato destinata che ad essere l’inizio di una battaglia più ampia.

“Gli scontri a Garabulli sono la dimostrazione che le forze che si coagulano attorno al governo di salvezza nazionale … non rinunceranno facilmente, nonostante le sconfitte militari ripetute che hanno subito,” – ha detto Mattia Toaldo a MEE- ,  senior fellow del Consiglio europeo per le relazioni estere .

Gli scontri  hanno lasciato almeno quattro morti e oltre 20 feriti , secondo il Ministero della salute del governo sostenuto dalle Nazioni Unite, con le forze SG che si sono spinte più lontano dalla città.

Il Consiglio delle Nazioni Unite-che appoggia il Presidente (PC), il quale presiede alla GNA, è diretto da Fayaz al-Sarraj, una figura rimasta controversa fin dal suo ingresso in Libia nel marzo 2016.

Il governo di Accordo Nazionale ha incontrato resistenza da molti gruppi, tra cui alcuni di quelli coinvolti in questi ultimi scontri.

Entrambe le parti hanno accusato l’altra di aver iniziato la battaglia; la parte pro-GNA accusa le forze SG-linked, che erano state posizionate nella regione Garabulli, di intraprendere un tentativo di avanzare nella capitale, mentre le forze SG dicono che è la GNA che messo in atto le provocazioni.

La Guardia  del Governo di Salvezza Nazionale riceve la maggior parte del suo sostegno dalle milizie dalla città di Misurata, circa 200 km ad est di Tripoli che sono state accusate di sostenere i Fratelli Musulmani,  ma ha negato tali accuse . 

Le tre parti  di potere della Libia

Mentre la comunità internazionale riconosce il governo del PC del National Accord in quanto organo rappresentativo del paese, il paese è diviso in tre parti.

Il PC, basato nella capitale occidentale del paese Tripoli, è stato accolto da gran parte della popolazione con grande ottimismo, perché ha preso il potere nel corso di un periodo di grande crisi economica e instabilità.

Tuttavia, nel corso dell’ anno e quattro mesi in cui è stato in qualche modo al potere, l’opinione pubblica di al-Sarraj e il suo governo è crollata.

Il secondo soggetto (nella partizione del paese) è il governo di salvezza nazionale, che presiede presso il Congresso generale nazionale eletto nel 2012, e che è anche a Tripoli.

Infine, v’è il terzo raggruppamento nella parte orientale del paese, che comprende varie autorità, tra cui le forze militari fedeli al generale rinnegato Khalifa Belqasim Haftar e della Camera dei Rappresentanti.

Tutti e tre sono riusciti a impegnarsi in sforzi di pace di successo per fini di  lucro, mentre Haftar ha  più volte lanciato minacce che le sue forze avrebbero preso Tripoli molto presto , l’ultima volta che ha lanciato questo messaggio è a maggio.

È la battaglia per Tripoli una guerra per procura?

I tre soggetti di potere nel paese hanno avuto tutti gli occhi puntati sulla capitale, con profittando del sostegno di potenze esterne.

La GNA sostenuto dalle Nazioni Unite ha il sostegno degli Stati Uniti e la maggior parte della comunità internazionale, ed è riconosciuto come l’unico governo rappresentativo, ma Tripoli è stata piena di scontri e instabilità fin da quando la GNA ha preso il potere in città lo scorso anno.

Il governo ad est ha il sostegno degli Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita ed Egitto, con l’  UAE rompendo un embargo sulle armi, fornendo forze di Haftar con forniture militari, secondo le Nazioni Unite.

Tutti questi partiti vogliono controllare la capitale, dicono gli osservatori, e tutte le attività al suo interno e che lo circonda, compresi i porti di petrolio; sostenendo Tripoli sarebbe il primo passo per il controllo del resto del paese.

Le accuse sono state fatte, dalla Emirati Arabi Uniti e altri, contro la SG che essi sono supportati da Qatar e Turchia.

Un analista politico libico che preferisce rimanere anonimo ha detto a MEE che “ciascuna delle parti è  guidata dai governi esterni. Essi sono supportate ciascuna da paesi diversi e la guerra che stanno combattendo non è solo una guerra tra libici. E ‘una guerra per il beneficio di questi corpi esterni “.

implicazioni

Il Ministero della Salute ha annunciato in un comunicato di domenica scorsa che tutti gli ospedali pubblici nella capitale ed intorno alla capitale erano in uno stato di emergenza, registrando un picco di pazienti a causa degli scontri negli ultimi quattro giorni.

Inoltre, gli esami scolastici sono stati disturbati,  il vice ministro dell’Istruzione Adel Jumoa ha annunciato la sospensione degli esami nelle scuole della regione Garabulli, aggiungendo che la sospensione sarebbe rimasta in vigore fino a che la stabilità e la sicurezza nel distretto venissero ripristinate.

Gli studenti di anni 9 e 12 sono attualmente sono impegnati in esami decisivi, i cui risultati determinano se  si muoveranno verso le prossime tappe nella loro educazione, rispettivamente liceo e l’università, .

Questa perturbazione ha causato gravi disagi per molti studenti.

Uno studente, Amirah, che vive nella zona descritta riferisce la sensazione di instabilità e violenza .

“ho 12 esami che iniziano da domenica, e io non sono ancora sicuro se si faranno o  se essi saranno spostati. Spero davvero di andare avanti come previsto. Voglio studiare medicina e l’entrata in università si basa su questi esami “.

A seguito di un black-out che colpisce la maggior parte della regione occidentale del paese la settimana scorsa, che ha lasciato molti senza elettricità e in alcuni casi senza acqua corrente per giorni, questi scontri potrebbe tradursi in una “ arresto completo della rete elettrica”, secondo la General Electricity Company of Lybia (GECOL).

GECOL afferma che gli scontri hann causato danni alle linee elettriche che collegano le centrali principali, aggiungendo che il danno aveva portato a una perdita di potenza in entrambi gli impianti.

Le interruzioni di corrente nel paese, in combinazione con le alte temperature, hanno portato a incidenti mortali. La scorsa settimana, le temperature hanno raggiunto 47 gradi nella capitale,  avendo un effetto devastante su anziani e malati, oltre a causare   inflazione ai prezzi alimentari.

“In definitiva, per le milizie SG ci sono solo due alternative: o la lotta fino a quando non sono fisicamente eliminati in battaglia o negoziare un posto a tavola per la gestione della capitale”, ha detto Toaldo.

Ma, ha aggiunto, la battaglia era qualcosa di più che solo la Capitale.

“La battaglia è su Tripoli, ma non solo su Tripoli: è essenzialmente per la sopravvivenza delle milizie SG che sono escluse dal sindacato che gestisce la capitale”, ha detto Toaldo, riferendosi alle milizie GNA-backed.


Con  il personale MEE  / Ripubblicato con autorizzazione /  Medio Oriente Eye  /  Rapporto un errore di battitura

Questo articolo è stato scelto per la ripubblicazione sulla base degli interessi dei nostri lettori. Anti-Media ripubblica storie da un certo numero di altre fonti di notizie indipendenti. Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore proprio e non riflettono la politica editoriale anti-Media.

Fonte