Tregua ma gli USA mandano gruppo navale nel mediterraneo e la Russia rafforza la disponibilità aerea in zona

La tregua ad Idlib sembra abbia scatenato l’occidente visto che non sa dove appigliarsi per continuare l’escalation in Siria. Infatti Il gruppo di portaerei della US Navy, guidato dalla portaerei Harry Truman, è appena entrato nel Mar Mediterraneo . Questo è stato riportato dal servizio stampa della US Navy.

Il comando dell’US Navy comunica che le operazioni sono condotte “per continuare a sostenere gli alleati della NATO, i paesi partner europei e africani, i partner della coalizione e gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti in Europa e in Africa”.

Contemporaneamente si apprende che la  Russia ieri ha chiesto all’Iran di fornire l’accesso alla base militare Noyeh (Base aerea militare di Noyeh) nell’Iran nord-occidentale.
Si presume che la base aerea sarà utilizzata come un campo di aviazione per il passaggio per la Siria, dove gli aerei militari e  di trasporto russi saranno riforniti.
Fonti siriane dicono che stiamo parlando di diversi aerei da combattimento e di 4 aerei cisterna IL-78.

La Base iranian di Neue è già stata utilizzata dall’aeronautica della Federazione russa nel mese di aprile di quest’anno da bombardieri a lungo raggio russi che hanno volato per bombardare le posizioni militanti in Siria orientale.
Nel 2015, invece è stata utilizzata la base aerea situata nel distretto di Hamadan che ha avuto una elevata attività da parte delle forze aerospaziali russe, ma i piani per l’uso continuo di questa base sono state accantonate nel 2016, perchè l’Iran ha espresso insoddisfazione per il fatto che questi piani erano trapelate alla stampa alla fine del 2016. Perciò l’uso della base era stata sospesa.
Non è escluso che sia stato deciso di ritornare ad usare basi iraniane  nel quadro dello sviluppo della cooperazione con l’Iran.

Dal lato del Ministero della Difesa della Federazione Russa, finora non sono stati ricevuti commenti formali.
Non si può escludere che la dispersione di queste informazioni alla stampa possa essere finalizzata a interrompere questo accordo, dal momento che l’Iran è abbastanza sensibile negativamente al trapelare alla stampa di elementi di accordi chiusi.

fonti: Col Cassad e FRN