#Siria – Intervista al Gran Mufti di Siria Hassoun

di Eva Bartlett – Mintpress

DAMASCO, SIRIA – Il 2 ottobre 2018, ho incontrato il Gran Mufti della Siria, il dott. Ahmad Badr Al-Din Hassoun, uno studioso e il più alto funzionario della legge islamica in Siria, che ha assunto la posizione di Grand muftì nel 2005.

Il sito web (archiviato) del Dr. Hassoun rileva che oltre al suo titolo di gran muftì, le sue altre posizioni includono: “Presidente del Comitato Media del Consiglio consultivo superiore per il riavvicinamento tra scuole islamiche di pensiero, educazione islamica, scienza e cultura Organizzazione “. Essenzialmente, il mufti si concentra sul dialogo interreligioso e inter-settario.

I suoi discorsi si concentrano abitualmente sul tema del riavvicinamento o, più in generale, della convivenza e dell’amore. Prende una posizione fermamente anti-settaria e sostiene la rimozione delle barriere tra le sette, al fine di raggiungere l’unità nazionale.

Eppure i detrattori del Dr. Hassoun – il più delle volte allineati con gli interessi della NATO, del Golfo, della Turchia o di Israele – lo accusano di sostenere il terrorismo. Queste affermazioni derivano da una versione mal tradotta di un discorso pronunciato da Hassoun nel 2011 in seguito all’assassinio di suo figlio Saria pochi giorni prima. La traduzione è stata fornita da MEMRI, un’organizzazione fondata da ex funzionari dell’intelligence israeliana che traduce discorsi politici dall’arabo all’inglese.

Il Dr. Hassoun ha da tempo affrontato l’accusa e nel novembre 2011 in una intervista con Der Spiegel ,  ha chiarito:

Non ho minacciato di inviare attentatori suicidi. Ho semplicemente descritto uno scenario in cui potrebbe facilmente emergere dalla situazione, e ho messo in guardia contro ciò che potrebbe accadere. Le frasi sono state prese fuori dal contesto e hanno dato una colorazione diversa. Inoltre, il contesto al quale la mia osservazione ha applicato è stata una situazione di autodifesa: un possibile attacco della NATO alla Siria “.

Come ho scritto in precedenza , il Dr. Hassoun ha parlato dell’omicidio di suo figlio Saria, “‘… che non aveva mai portato un’arma in vita sua” ed è stato ucciso mentre stava lasciando la sua università:

Il giorno dopo, durante un funerale al funerale, il Mufti Hassoun, mentre piangeva, perdonò gli uomini armati e li invitò a deporre le armi e ad unirsi nuovamente alla Siria. Il giorno seguente, ha ricevuto un messaggio di testo che diceva che gli assassini lo avrebbero ucciso mentre avevano ucciso suo figlio.

Un anno dopo, quando due degli uomini armati furono catturati, il Mufti andò a parlare con loro. Ancora una volta concedendo il suo perdono e chiedendo solo di sapere perché avevano assassinato Saria, il Mufti Hassoun venne a sapere che gli assassini stavano semplicemente seguendo gli ordini dalla Turchia e dall’Arabia Saudita, e furono pagati per il loro lavoro sporco, mille dollari a persona. Incarnando il perdono che predica, il Mufti chiede il loro perdono e il loro rilascio “.

La mia conversazione con il Dr. Hassoun ha toccato il ricco mosaico di culture e fedi della Siria; La storia della pluralità e della convivenza della Siria; il ruolo dei media nel plasmare le narrazioni sulla Siria e la questione delle sanzioni occidentali sulla Siria, le sanzioni che feriscono specificamente il popolo siriano – privando i siriani dell’accesso a medicinali, trattamenti contro il cancro, attrezzature mediche, persino ambulanze.

Il Mufti Hassoun è descritto nei media occidentali come una delle figure più potenti in Siria. Nelle mie esperienze, è una delle figure più umili, disponibili e compassionevoli, amate dai siriani di tutte le fedi.

Di seguito una trascrizione tradotta della mia intervista con Mufti Hassoun.

Eva Bartlett (EB): Prima di tutto, vorrei ringraziarvi, Mufti Hassoun per il vostro tempo che oggi dedicate all’incontro con me.

Mufti Hassoun (MH): Vorrei ringraziarvi io, perché siete stata in grado di penetrare attraverso le menzogne ​​dei media e venire in Siria più volte per riferire un’immagine autentica di ciò che sta accadendo.

Perché i media, come dice il presidente Trump, al giorno d’oggi possono essere comprati . I media scrivono quello che vogliono, non la verità.

Mentre tu, Eva, hai continuato a venire in Siria per vedere la verità e per riferire ciò che sta accadendo in Siria, come a Gaza e in luoghi in cui infuria il fuoco delle guerre.

Hai rifiutato di dare in affitto la tua mente. Volevi vedere la verità, ed è quello che desidero da tutti i giornalisti del mondo. [Mi auguro] che i giornalisti non siano mai commercianti di valori e principi, la cui dignità e valori possono essere acquistati. Altrimenti scrivono quello che viene detto loro, e riferiscono quello che viene detto loro, non la verità.

Ma la verità sarà nota alle persone attraverso la storia. E Dio ci riterrà responsabili per essa [la verità], se crediamo in Dio. E la storia riterrà anche noi responsabili.

Quindi Eva, ti ho molto rispettato dal primo giorno che sei venuta. Non è stato sufficiente per te ascoltare ciò che ho detto e le mie parole. Sei andata per le strade, mescolata con la gente, sei andata ad Aleppo, sei andata a Latakia, hai visitato le persone nelle loro case.

Hai ascoltato e ripreso le parole dai sostenitori del governo e dall’opposizione, hai ascoltato entrambe le parti e hai scritto la verità, che la Siria è oppressa e che la Siria ha persone meravigliose. E che in Siria non c’è conflitto tra il popolo e il governo.

Il conflitto è tra i valori e la civiltà che la Siria gode [da un lato], e coloro che vogliono spingere le persone indietro [dall’altra parte] verso una versione dell’Islam che non è l’Islam, e ai valori che non sono valori. Vogliono schiavizzare la gente.

Grazie, Eva. Spero che diventerai un modello per il giornalismo libero, e per media nobili e imparziali, che raccontino il dolore e le speranze delle persone. Grazie a te, a tuo padre e tua madre che ti hanno cresciuta per diventare cercatore di verità, e non uno che segue gli altri.

EB: Come può la Siria combattere il settarismo che viene spinto da canali televisivi sauditi e del Golfo, e dai loro sceicchi (leader religiosi) e dai loro mufti?

MH: La Siria è un paese civile, abbraccia tutte le civiltà del mondo perché è la porta verso l’Oriente. Quindi [storicamente] quelli che volevano andare in Cina dall’Europa passarono attraverso la Siria. E quelli che vogliono tornare in Europa passano attraverso la Siria. La Siria cento anni fa era molto più grande della Siria oggi. In Siria nel 1900, 118 anni fa, Palestina, Libano, Giordania e Siria erano un paese. Una banca, una valuta, un presidente e una nazione. Non c’erano minoranze religiose al suo interno. La ragione è che è la terra di Abramo, e Abramo era l’antenato di tutti i profeti. Era l’antenato di Mosè, e di Gesù, e l’antenato di Muhammad, che le preghiere e la pace siano su di loro.

Pertanto, la Siria ha abbracciato quei messaggi divini. Quindi, in una famiglia, puoi trovare un cristiano, puoi trovare un musulmano, puoi trovare un laicista, puoi trovare un capitalista e puoi trovare un socialista.

La Siria ha abbracciato tutti. E abbracciò anche etnie come gli arabi, i curdi, i siriaci, gli assiri e gli aramei. Si potevano sentire molte lingue: arabo, armeno, caldeo e aramaico. Si potrebbero trovare persone da tutto il mondo. Se andavi nelle sue chiese in Palestina, che allora facevano parte della Siria, in queste chiese potevi trovare un monaco greco, un vescovo francese, un vescovo arameo, un caldeo, un arabo, tutti nelle chiese che pregavano insieme .

E se tu fossi andata alla moschea di Aqsa, avresti visto gli arabi, i curdi, altri da tutte le etnie o regioni, come egiziani e libici, all’interno della moschea di Aqsa. Non c’erano “minoranze” in Siria. La Siria è una nazione in cui sono riunite tutte le etnie. Pertanto, quando [i paesi colonialisti] la divisero nel 1900 in quattro paesi, volevano creare le condizioni per stabilire paesi su base etnica, religiosa e razzista, che si combattono l’un l’altro.

Dopo la divisione, non abbiamo combattuto con il Libano, né abbiamo combattuto con l’Iraq, né abbiamo combattuto con la Giordania, né abbiamo combattuto con la Palestina.

Andarono al mondo e dissero loro che il Tempio di Salomone era in Palestina. Vieni al Tempio di Salomone … Sono molto sorpreso da queste parole, che il Tempio di Salomone, o la Chiesa del Santo Sepolcro, o la Moschea di Aqsa, o la Kaaba, radunino tutto il popolo di questa religione in questo paese!

Ciò significa che ogni ebreo dovrebbe essere in Palestina, ogni cristiano dovrebbe essere a Betlemme, e ogni musulmano dovrebbe trovarsi ad al-Aqsa. Questo non è vero! Dio esaltato è nel mio cuore e nel cuore di quell’ebreo e di quel cristiano. Dio è nei nostri cuori. Non è nella chiesa, né nel tempio, né nella Kaaba. Iniziò così questa ideologia religiosa ed estremista, facendo sì che i paesi si combattessero l’un l’altro per centinaia di anni e si uccidessero a vicenda nel nome di Dio.

La differenza tra la guerra nel nome della religione e la guerra per soldi o petrolio è che con la guerra per il petrolio, quando si mette la mano sui pozzi petroliferi, la guerra finisce. Quando controlli la politica, la guerra è finita. Ma quando si tratta di religione, ecco il problema: la lotta andrà avanti per centinaia di anni.

La ragione è che le guerre diventano “sante”. Questo è ciò che accadde 500 anni fa quando l’Europa venne a fare la guerra in Siria e in Palestina. Se avresti chiesto a quei combattenti che venivano dalla Norvegia, dall’Italia, dalla Francia e dalla Gran Bretagna, “Perché siete venuti in Siria?”, Avrebbero detto: “Siamo venuti per salvare la tomba del Messia”. Per salvare la tomba del Messia. E potremmo chiedere loro: “Gesù è seppellito nella terra? Gesù è nei cieli. Allora, perché stai combattendo per una tomba vuota? “

Ma i clerici servivano ad alimentare queste guerre per trarne profitto, e i politici lavoravano con loro, così potevano essere leader e re.

La guerra in Siria, che è andata avanti negli ultimi otto anni, è iniziata per ragioni simili. È una guerra dividere la Siria in etnie e sette e indebolirla.

Come quello che hanno fatto in Libano. In Libano nel 1960 e prima del 1960, il presidente era maronita, il primo ministro era sunnita, il presidente del parlamento era sciita e non combattevano. Erano una famiglia.

Ma, dopo la guerra in Libano, il Libano era diviso in quattro divisioni: c’era uno stato sunnita, uno stato di Drusi, uno stato sciita e uno stato maronita. Era una grande bugia. La Siria entrò in Libano, eliminò i confini e si ritirò.  

Siamo rimasti sorpresi dalla guerra in Iraq. Da molto tempo l’Iraq ha avuto sunniti, sciiti, curdi, assiri, caldei e siriaci. Sono lì in Iraq. L’Iraq è un paese che ospita le nazioni. Hanno sempre integrato e coesistito.

[Paul] Bremer venne e stabilì la loro costituzione. Quella costituzione è una costituzione settaria e razzista. Questa costituzione afferma che il presidente della repubblica dovrebbe essere un curdo, il primo ministro dovrebbe essere sciita e il presidente del parlamento dovrebbe essere un sunnita.

Sto eleggendo un vescovo per una chiesa o un imam per una moschea a seconda del fatto che sia un curdo, un sunnita o uno sciita? Sto eleggendo una persona per governare lo stato e servire il popolo. Quindi quando dico che il presidente del parlamento deve essere uno sciita, e il primo ministro dovrebbe essere un sunnita … perché sunnita o sciita?

Deve essere un cittadino iracheno. Deve essere un cittadino siriano, sia cristiano che musulmano.

Oggi il presidente del parlamento in Siria è cristiano. Dov’è il problema? Ottant’anni fa, il primo ministro era un cristiano, Faris Al-Khouri. Dov’è il problema?

La Siria ha tenuto fede a questa nozione umanitaria secondo cui i bambini di questo paese non sono minoranze. Ci sono decine di villaggi yazidi, sono in origine zoroastriani. Ci sono cristiani di tutte le sette. Ci sono sunniti di tutte le dottrine. Ci sono sciiti di tutte le dottrine. Ci sono sette di tutte le etnie.

Sono tutti una popolazione di 23 milioni di cittadini. Hanno il diritto di votare. Hanno il diritto di occupare qualsiasi posizione nel governo, come il Ministero della Difesa. Non viene mai chiesto se è musulmano, cristiano o ebreo, sunnita, sciita o arabo, o curdo o assiro. Finché è un cittadino siriano.

Per questo motivo, la guerra è iniziata in Siria. Perché è uno stato civile e laico, ma non religioso. La Siria rispetta le religioni e riconosce la religione di tutti, e ha una legge che protegge i diritti religiosi ed etnici di tutti.

Gli armeni, venuti dall’Armenia dopo le guerre che vi sono state condotte, non hanno detto a nessuno di loro: “abbandonate la vostra lingua”. Ci sono scuole armene. Ci sono scuole siriache. Insieme all’arabo studiano armeno e siriaco. Non hanno perso la loro identità.

Tutto questo odio verso la Siria è dovuto al fatto che non si è sottomesso alla divisione europea o americana che è stata imposta a Iraq e Libano. La Francia ha imposto questa divisione etnica e religiosa in Libano.

Per quanto riguarda l’Arabia Saudita, il Qatar, il Bahrein e il Kuwait, non hanno la stessa diversità che esiste in Siria. Sono stati basati su clan. Prendiamo al-Hijaz, lo stato di Hijaz. Al-Hijaz, dal tempo del profeta Muhammad (preghiere e pace siano su di lui) fino a cento anni fa, era la casa per tutte le tribù arabe, da Najran a Dammam, ad Abha, a Khamis Mishait, a Ma’an. Tutte le tribù arabe vivevano lì e tutte quelle tribù erano musulmane.

Quando i sauditi arrivarono al potere, sostituirono il nome del paese al-Hijaz con il nome della famiglia. Il regno dell’Arabia Saudita. Pertanto, il paese non era più per la nazione ma per una famiglia.

La Siria è una nazione e non appartiene alla famiglia Assad. La Siria è per la nazione e non appartiene alla famiglia al-Quwatli. La Siria è per la nazione e non appartiene ad Amin al-Hafiz. (Al-Quwatli e al-Hafiz erano presidenti della Siria). La Siria è una nazione.

L’Arabia Saudita – una parte della quale era chiamata Hijaz – era un paese per tutte le tribù arabe, prima che venisse loro imposto un solo nome tribale.

Questo è il motivo per cui questi paesi non conoscono il significato della diversità settaria ed etnica che conosciamo in Siria. La diversità ti dà potere, ti dà ricchezza. Quando ci sono curdi, armeni, cristiani, musulmani, ebrei e laici, ognuno di loro pensa a modo suo.

Quindi, quando si siedono insieme producono una ricchezza di idee e cultura. Lì, non accettano un parere diverso. Ad esempio, andavo ad al-Hijaz per eseguire l’Hajj [pellegrinaggio] con un gruppo di siriani. Volevo consegnare loro un discorso; è proibito: ‘Non dovresti parlare. L’oratore deve essere un saudita. “

Mentre in Siria abbiamo accolto i sauditi, gli egiziani, gli inglesi e gli americani nei nostri centri culturali, li ascoltiamo e ascoltiamo i loro discorsi.

Io stesso ho ricevuto nella mia moschea, la moschea di al-Rawda ad Aleppo, i membri del parlamento di tutto il mondo. Anche uno dei presidenti delle Filippine ci ha visitato. Il ministro degli esteri austriaco mi ha visitato nella moschea e ha ascoltato il sermone, e abbiamo ascoltato le loro parole.

Non abbiamo obiezioni all’ascolto dell’altro. Ma considerando che, questi paesi sono paesi razzisti e religiosi. [Non] accettano altre religioni, e non solo altre religioni, ma anche altre dottrine.

Ad esempio, la dottrina wahhabita – non accetta altre dottrine. In Siria, abbiamo un mufti per la scuola Shafie, un mufti per la scuola di Jafari, un mufti per la scuola di Hanbali e un mufti per la scuola di Maliki. Finché c’è un gruppo, ha una sua dottrina religiosa.

C’è un patriarca per gli ortodossi, un patriarca per i siriaci e un patriarca per i cattolici. Questo è il loro diritto naturale.

In Arabia Saudita, una cosa del genere è proibita, a meno che [il mufti sia] un salafita sunnita. In questi giorni, [l’Arabia Saudita] riceve circa 3 o 4 milioni di pellegrini musulmani da tutto il mondo. Ci sono pellegrini sunniti, pellegrini sciiti, pellegrini sufi. Finché [il pellegrino] sta parlando al suo gruppo, è un suo diritto. Quindi perché lo privi [di ciò]?

In Siria, questa è la libertà intellettuale di cui volevano sbarazzarsi con questa guerra settaria, in cui dicevano: ‘Questo è alawita, questo è sunnita’ … e che il governo in Siria è alawita.

Chi dice che gli alawiti non sono siriani e non musulmani o non figli di questo paese? Se avessero studiato solo la parola “alawita”, [avrebbero trovato] che ciò significa un musulmano sufi spirituale che ama [Imam] Ali e non odia gli altri. Questo è il significato della parola “alawita”.

E i Drusi, sono gli Unitari; [sono] una nazione musulmana chiamata gli Unitari, i cui antenati costruirono al-Azhar [moschea].

Gli sciiti di Jafari sono i seguaci dell’Imam Jafar al-Sadiq il cui antenato è il Messaggero di Dio [Muhammad].

I sunniti, i loro sceicchi erano gli studenti di Jafar al-Sadiq. Tutti loro. Imam Malik, l’Imam Abu Hanifa, erano studenti di Jafar al-Sadiq.

Quello che vedi oggi della divisione religiosa non è religioso; è la divisione politica che si nasconde sotto un mantello religioso per controllare le persone con la coercizione, non con i pensieri, né con la mente, né con la cultura. ‘Non ci sarà costrizione nella religione’ ( The Qur’an 2: 256).

Questa è la principale differenza tra noi [Siria] e altri paesi.

EB: La mia prossima domanda coincide con la tua risposta, perché avevo voluto notare come il muftì saudita è settario e ha chiesto che le chiese della penisola araba fossero distrutte, mentre ricordo che il reverendo Ibrahim Nseir mi disse che quando la sua chiesa fu distrutta dai terroristi ad Aleppo, il primo a chiamarlo era stato il Mufti Hassoun, che disse: “Non ti preoccupare, reverendo, ricostruiremo la tua chiesa”. Quindi, c’è una netta differenza tra l’ideologia e la mentalità di questo wahhabita, saudita, mufti e muftì Hassoun – che, credo, è corretto dire che ti consideri Mufti di tutti i siriani?

MH: Prima di tutto, cosa sta succedendo in Siria, la demolizione di chiese e moschee … hanno distrutto sia le chiese che le moschee. Non stanno difendendo una religione; stanno combattendo per distruggere lo stato siriano e per distruggere questo tessuto umanitario presente in Siria.

Pertanto, hanno cercato di demolire Tadmur [Palmyra]. Palmyra non ha niente a che fare con musulmani o cristiani. Hanno cercato di saccheggiare manufatti siriani risalenti a cinquemila, diecimila anni, tra cui le rovine di Afamia e altre rovine in Siria. Quindi, stanno cercando di cancellare la storia nei tentativi di costruire un futuro. Questo futuro che stanno cercando di creare è basato su basi etniche, settarie, dottrinali e razziste, dove le persone si uccidono a vicenda.

E questo è ciò che puoi vedere oggi nella società israeliana. La società israeliana ha componenti estremiste e non estremiste. Ci sono quartieri di al-Quds [Gerusalemme] e quartieri di Tel Aviv dove si può camminare e non sentirsi in un paese civile, ma regressivo che risale a mille anni. Capelli lunghi, barbe. Alle 18:00 ogni venerdì, nessuno viene visto per le strade. È proibito camminare per le strade perché Dio riposa il sabato, quindi anche le persone devono riposare.

Perché imponi la tua opinione obbligatoriamente alle persone quando Dio dice: “Non ci sarà alcuna costrizione nella religione”?

L’ebreo estremista è come l’estremista musulmano, sia che questo musulmano sia un sufi, un salafita o un wahhabita. L’estremista è colui che vuole imporre le proprie convinzioni sugli altri e dire: “Tu sei tutto kuffar [miscredente] tranne me. Sono il credente. ‘ Che siano cristiani, musulmani o ebrei, gli estremisti considerano gli altri come “kuffar”.

L’ebreo estremista considera il primo ministro israeliano un miscredente. E l’estremista cristiano considera i cristiani che non vanno regolarmente in chiesa come miscredenti. E i musulmani estremisti considerano non credenti quelli che appartengono a una diversa dottrina islamica, non solo quelli che appartengono a una religione diversa.

Il protestante non vede gli ortodossi come credenti, e gli ortodossi credono che il protestante abbia rinunciato al cristianesimo.

Consideriamo tutti come credenti e Dio è colui che mi giudicherà per la mia fede, perché il luogo della fede è nel cuore, non nella chiesa, né nella moschea. Quante persone vanno alla chiesa o alla moschea, ma senza fede ?! E quante persone hanno fede ma non sono mai state in una chiesa o in una moschea, ed è riconciliato con il Dio esaltato?

Tutte le persone che non sono mai state a Betlemme, né al Muro del Pianto o alla Kabba, ma fanno riferimento a Dio, sono credenti?

Pertanto, questo estremismo nel mondo è dovuto al dominio politico ed economico sulla sfera religiosa. I politici e gli economisti vogliono dominare la sfera religiosa e umana per governare le persone in nome del divino, nella misura in cui le persone cominceranno a baciare la mano del presidente o del re perché è il figlio [discendente] di Maometto (pace su lui). O perché rappresenta Gesù, o perché rappresenta Israele. Le persone baceranno sottomesso le mani di questo rabbino, quello sceicco o muftì, o quel prete. Lo amano.

Mentre per me, credo che tutte le persone del mondo, sette miliardi di persone, siano miei fratelli. Si dividono in due gruppi. Quelli che credono e camminano con me sullo stesso sentiero, questi sono i miei fratelli sani [che hanno ragione]. L’altro gruppo non cammina con me sullo stesso percorso, quelli sono i miei fratelli malati [che hanno torto]. Il mio dovere è offrire loro medicina e amore, non chiamarli criminali o miscredenti. Devo mostrare loro il percorso. Quelli che camminano accanto a me e prendono la medicina, è la loro decisione. Chi rifiuta di prendere la medicina, è anche la sua decisione. Sei tu che stai soffrendo.

Questo è ciò che mi rende, in Siria, non rappresentare di alcuna setta o religione o etnia. Sono un figlio della Siria. Il mio antenato, 500 anni fa, avrebbe potuto essere un curdo, o il mio altro antenato o un altro turco. Il mio antenato avrebbe potuto appartenere alla tribù di Tai, e il lignaggio di mia madre sarebbe potuto discendere dalla tribù di Thubian, e il mio altro antenato sarebbe potuto essere della tribù di Hashim. Questo non è importante per me oggi. Ciò che conta è come salvare la Siria.

Millecinquecento anni fa, la Siria nel suo insieme era cristiana. Prima che l’Islam venisse qui, tutti i siriani da Gaza ad Antiochia erano cristiani. [Prima di questo] i Bizantini venivano da loro dalla Grecia; erano pagani 2000 anni fa.

Quando Gesù venne con il suo messaggio, la Siria fu divisa in due gruppi: i cristiani indigeni e gli invasori pagani. L’Islam arrivò e alcuni cristiani, come al-Ghasasinah e altre grandi tribù, rimasero cristiani, e il resto abbracciò l’Islam. Erano di una grande tribù, alcuni di loro rimasero cristiani e altri diventarono musulmani. Hanno coesistito.

Quando il comandante dei credenti, Othman bin Affan, fu martirizzato, sua moglie, Naila Bint Qerfais, era cristiana di Kufa [Iraq], e suo padre era un chierico cristiano.

In Siria, abbiamo questa visione ampia del pensiero, ed è per questo che ci stanno facendo la guerra. Vogliono che i nostri pensieri siano stretti e chiusi. No. Continueremo a gridare: “Sia lodato il Signore dei mondi”, non il Signore dei Musulmani, né il Signore dei Cristiani, ma il Signore dei Mondi. Perché Dio è il Signore di tutti noi.

Quelli che sono d’accordo, sono i benvenuti. E per quelli che non lo fanno: ‘Per te è la tua religione, e per me è la mia religione’ ( The Qur’an , 109: 6). Non forzerò la mia religione su di te, e tu [anche] non forzare la tua su di me. Tuttavia, giuro che ti amo e abbi pietà di te.

EB: All’inizio [dell’intervista], hai menzionato come i media corporativi hanno mentito sulla Siria. Quindi mi piacerebbe tirar fuori qualcosa di qualche anno fa. Tu hai avvertito il mondo occidentale che se il terrorismo non si fosse fermato in Siria, si sarebbe diffuso in Europa e oltre. E alcuni media – penso che siano stati i media del Golfo – hanno preso le tue parole e le hanno distorte e hanno mentito sul tuo messaggio. Quindi, ti chiederei se potessi, per favore, chiarire che cosa hai detto e come hanno mentito, sono sicuro che ti ricordi di quale incidente mi riferisco.

MH: Questa domanda arriva in un giorno speciale. Oggi è l’anniversario del martirio di [mio figlio] Saria. Ho detto quelle parole cinque giorni dopo il martirio di Saria.

Una delegazione del Libano mi stava visitando. La delegazione è stata nominata “la carovana di Maria”. Sono venuti a trovarmi ad Aleppo per esprimere le loro condoglianze per il martirio di mio figlio. Erano libanesi e siriani, cristiani e musulmani. Li ho incontrati in una moschea chiamata la moschea Omayyad ad Aleppo, nel santuario di Zakaria.

In quel giorno dissi: “Questo fuoco che stai iniziando in Siria dagli estremisti. Questo fuoco … hai cellule dormienti in Europa, queste cellule mandano estremisti in Siria. Un giorno, queste cellule dormienti saranno attive e bruceranno in Europa come hanno fatto in Siria “. Così hanno riferito che ho detto: “abbiamo cellule dormienti che ti invieremo”.

Come potremmo inviarli a voi, quando ci stanno bruciando, e mentre vengono dai vostri paesi ?!

Alcuni di questi cosiddetti membri dell’opposizione hanno tradotto male il mio discorso in alcuni governi europei e hanno affermato che il Mufti siriano stava minacciando di inviare cellule dormienti per bombardare l’Europa. Quando mio figlio Saria è stato martirizzato, cinque giorni prima di questo discorso, ho detto che avevo perdonato coloro che hanno ucciso mio figlio. Come accetterei di inviare qualcuno per uccidere i tuoi figli? Come potrei accettare questo?

Per tre anni, i media corporativi ei membri dell’opposizione siriana che risiedevano laggiù [in Europa] hanno denunciato alle Nazioni Unite che il muftì della Siria dovrebbe essere ritenuto responsabile, il mufti della Siria è un terrorista, il muftì della Siria …

È davvero sorprendente che gli europei abbiano ascoltato il mio discorso di fronte al Consiglio europeo del 2009. Ho detto loro: “Vi chiamo fratelli miei, non europei. Ho detto loro: “Voi siete i miei fratelli e la nostra civiltà è una sola”. Le civiltà europee, siriane e arabe sono una civiltà che non è né una civiltà musulmana, né cristiana. È prodotta dall’umanità.

Hanno completamente dimenticato questo discorso, così come il martirio di mio figlio, Saria. Hanno anche dimenticato il mio perdono. Invece, avrebbero detto: “Ci ha minacciato e gli è vietato entrare in Europa”.

Ho ricevuto numerosi inviti da università in Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti per tenere conferenze lì. Mai  governi si rifiutano di concedermi l’ingresso. Perché? Perché non vogliono che la verità raggiunga la loro gente.

Per quanto mi riguarda, disapprovo di uccidere qualsiasi essere umano nell’universo. Persino gli israeliani, disapprovo di ucciderli. Tuttavia, approvo il loro ritorno nei paesi da cui originariamente provenivano, e il ritorno dei palestinesi [nella loro terra e nelle loro case]. Gli ebrei, i cristiani e i musulmani che rimangono in Palestina sono quelli che decidono quale tipo di governo avere, e accolgono anche visitatori da tutto il mondo in Palestina.

Gli ebrei, i cristiani e i musulmani dovrebbero avere il diritto di venire a pregare liberamente [in Palestina] sotto la protezione della legge.

Ma, questa messa al bando e questa guerra in corso nel mondo, è tutta una guerra politica, economica e razzista, che indossa il mantello della religione per reclamare: “Siamo musulmani. Siamo cristiani. Siamo ebrei ».

No, non sei musulmano, né ebreo, né cristiano quando uccidi gli umani. Tu sei il nemico di Dio.

Dio dice nei Salmi di David: “L’uomo è la mia creazione, l’uomo è la creazione di Dio. Maledetto colui che distrugge la creazione di Dio. ‘

Maledetto è colui che produce armi di distruzione di massa. Maledetto è colui che pianta le mine nelle strade per uccidere le persone. Maledetto è colui che fabbrica armi nucleari. Maledetto è colui che fabbrica armi all’idrogeno [bombe]. Maledetto è colui che lancia missili a lungo raggio contro le persone, per uccidere le persone. Maledetti quelli che fabbricano tali armi e li usano per uccidere le persone, anche se si trovano nella moschea, nella chiesa o nella sinagoga.

Dio non ci ha messo in questo universo per ucciderci l’un l’altro. Tutti i profeti – Abramo, Mosè, Gesù, Muhammad, Noè – sono tutti i nostri profeti. Chi hanno ucciso? Non hanno ucciso nessuno, ma piuttosto, hanno invitato le persone alla vita, hanno incoraggiato la cultura della vita. Quindi, quelli che uccidono oggigiorno nei loro nomi [nei nomi dei profeti] …

Il massacro di Deir Yassin in Palestina, lo sfollamento di 4 milioni di palestinesi, la demolizione di 3.000 villaggi palestinesi. Per Dio, Mosè è innocente in tutto questo. Mosè non fu mandato per uccidere gente, perché era oppresso dal faraone.

Il nostro maestro, Gesù, la pace sia su di lui … quando guardiamo a quelle guerre, le crociate, preferisco dire guerre “straniere”, non crociate … Nel nome della tomba di Gesù, oltre 75.000 palestinesi sono stati uccisi all’interno della moschea di Aqsa , ucciso dagli eserciti inglesi e francesi giunti in Palestina per liberare la tomba di Gesù.

Gesù è venuto per promuovere la vita. Quando toccò i morti, li resuscitò. Quindi uccidi nel nome di Gesù, mentre Gesù darebbe la vita ai morti. Quindi quanto sei falso! Questo non ha niente a che fare con Gesù. Gesù disse: “Dio è amore”.

Quelli che non amano non sono cristiani, né quelli che vogliono [accettare] altre persone per morire di fame. Oggi l’Europa consuma tutti i tipi di cibo, mentre in Africa ci sono bambini che muoiono di fame [a Gaza ci sono bambini che muoiono di malattia; e i Rohingya, i musulmani che sono stati sfollati con la forza dal Myanmar, stanno morendo di fame e malattia. Siamo veramente cristiani o musulmani quando vediamo queste scene? No. No, per niente.

Pertanto, dobbiamo riconsiderare ciò che viene detto dai media, perché i media … posso pagarli [paga i media] ora per farmi diventare il Gandhi del mondo, e per farmi l’affidabile Joseph, e per farmi diventare il messaggero d’amore. Posso comprare i media. Ma non voglio mentire, né voglio che [i media] mentano; questo è quello che sono.

Ci sono alcuni che comprano i media per far sembrare il “mufti della Siria” un “terrorista”, anche se non ho mai mostrato altro che amore per sette miliardi di esseri umani – sono miei fratelli e sorelle degli stessi antenati. La mia anima è, come le loro anime, dal Cielo, e il mio corpo è, come i loro corpi, dall’argilla.

EB: Voglio comunicarti le mie condoglianze per l’anniversario del martirio di suo figlio.

MH: Questo è Saria, con me e con mio padre [il Mufti mi ha mostrato le immagini su un telefono cellulare del figlio defunto]. Mi hanno inviato questi messaggi attraverso Facebook oggi, in quanto è l’anniversario del martirio di Saria.

EB: Grazie mille, Mufti Hassoun.

MH: sei la benvenuta Grazie. Grazie. Spero che tu trasmetta questo messaggio al mondo intero. Amiamo le persone del mondo. In Siria, non odiamo nessuno. Sì, odiamo l’oppressione degli aggressori, e se l’aggressore si astiene dalla loro aggressività, li ameremo anche noi.

Odiamo l’azione sbagliata, non la persona. Gesù, pace su di lui, disse a quelli che stavano lapidando una donna perché era una adultrice, disse: “Chi è senza peccato tra di voi che possa lanciarle una pietra”.

Siamo tutti peccatori, ma il nostro dovere è guidare le persone al pentimento, non al peccato. Dobbiamo promuovere la vita tra gli esseri umani.

Per favore, trasmetti i nostri saluti alle nazioni del mondo; li amiamo e vogliamo la pace.

Dì a quelli che fabbricano armi nel mondo che è abbastanza! Vieni, collaboriamo per costruire un mondo umano libero da guerre e armi di distruzione di massa, in cui tutti noi collaboriamo l’uno con l’altro.

L’olio non appartiene a una famiglia. L’olio dovrebbe essere per tutti.

L’umanità condivide tre cose:

Acqua: non dovremmo mai impedire a chiunque nel mondo di accedere all’acqua.

Cibo: non dovremmo mai permettere a una nazione di soffrire la fame.

Energia: energia combustibile, energia solare, energia nucleare, che usiamo come cura, non per uccidere. L’energia non dovrebbe essere monopolizzata.

Ho scritto a molti paesi in tutto il mondo … Ho due ospedali caritatevoli: l’ospedale Omar Bin Abdul Aziz e l’ospedale Shifaa, ad Aleppo. Ho richiesto attrezzature per il trattamento del cancro al seno.

Hanno risposto che tali attrezzature sono bandite per la Siria, a causa del boicottaggio [sanzioni].

Quale peccato ha commesso la Siria per essere boicottato a livello umanitario? Che peccato hanno commesso queste persone?

Oggi, quando voglio viaggiare da qui in qualsiasi paese del mondo, ci circondano quattro paesi, compresa la Turchia. Le compagnie aeree siriane non sono autorizzate a sorvolare su di loro. Perché? Stai impedendo ai cittadini siriani [di viaggiare], non al governo siriano. Stai torturando le persone, stai danneggiando la gente.

Ora è proibito consegnare petrolio in Siria. È vietato consegnare medicine in Siria. È vietato consegnare attrezzature mediche in Siria. È vietato consegnare ambulanze in Siria. Perché? Questi sono pensati per le persone. Tu dichiari di non essere d’accordo con il governo, quindi perché opprimi la gente?  

Pertanto, quelli che sono morti nel Mar Mediterraneo [rifugiati], nelle barche, il loro sangue è nelle mani dei politici europei e dei politici arabi. Arabia Saudita e quelli [con l’Arabia Saudita] nella coalizione araba. E quelli che stanno bombardando lo Yemen oggi, saranno responsabili dinanzi a Dio.

Lo Yemen non ha mai attaccato nessun paese, e la Siria non ha mai attaccato nessun paese. Oggi, la Siria e lo Yemen sono stati distrutti per umiliare il loro popolo e controllare i loro paesi. Ma Dio ci ha concesso la vittoria e lo concederà allo Yemen. In effetti, concederà la vittoria a tutti gli oppressi del mondo.

Grazie, e i miei saluti a voi e a tutti coloro che guardano questa intervista. Parliamo sinceramente e con sincerità. Per favore, vieni da noi in Siria, con la nostra cara sorella, per testimoniare la verità.

Altri articoli di di Eva Bartlett possono essere trovati su  Mintpress: Source link

 

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.