SIRIA – Gli esperti del Bundestag dopo 7 anni dall’inizio della guerra siriana si sono occupati della questioni di “legalità”.

Das Erste: gli esperti del Bundestag hanno verificato la legalità delle azioni militari statunitensi e russe in Siria

Secondo il sito web del canale televisivo tedesco Das Erste , IL servizio legale del Bundestag ha analizzato le azioni militari degli Stati Uniti e della Russia in Siria e nella sua relazione, ha criticato le operazioni della coalizione americana, comprese quelle condotte con la partecipazione della Bundeswehr.

Milioni di persone in Siria sono diventate rifugiate, centinaia di migliaia di persone sono state uccise. Tutte le parti stanno partecipando a questo sanguinoso conflitto per vari motivi e ognuno per le proprie ragioni, osserva Christian Tils, corrispondente del canale televisivo. Tra i partecipanti ci sono le forze armate del presidente Bashar Assad, sostenute dalla Russia. E gli Stati Uniti hanno creato la propria coalizione per combattere lo “Stato islamico”  – anche la Germania è entrata in essa. La Turchia opera nel nord della Siria, mentre Iran e Hezbollah perseguono i propri obiettivi nel paese, motivo per cui l’aviazione israeliana colpisce ripetutamente le loro posizioni. Ma su quali basi giuridiche si svolgono tutte queste operazioni in Siria?

Su richiesta del deputato del partito di sinistra Alexander a novembre , il Servizio scientifico del Bundestag ha indagato su questo tema. Precisamente il servizio legale ha indagato sull’intervento degli Stati Uniti e della Russia.  Alla fine, i loro risultati hanno rivelato un dilemma, sottolinea il corrispondente tedesco.

In particolare, i giuristi  sono giunti alla conclusione che “la presenza della Russia in Siria è accettabile dal punto di vista del diritto internazionale”, in quanto le operazioni militari russe sono basate sul “consenso esplicito del governo siriano”. Quindi, in questo caso stiamo parlando dell’intervento, realizzato su invito della parte siriana.

Tuttavia –  ha notato da Das Erste – questo “non giudica la legittimità delle azioni di Bashar al-Assad, che è accusato di gravi violazioni del diritto internazionale e degli attacchi chimici contro la propria popolazione”. [Non meraviglia  questa affermazione , ma evidentemente , è del tutto di prammatica- NDR Vietato Partlare]

Più complicata è la giustificazione legale delle azioni delle truppe americane in Siria, dicono gli esperti della Bundeswehr tedesca. Di per sé, l’armamento e l’addestramento di gruppi di ribelli siriani da parte degli Stati Uniti è una violazione del divieto di usare la forza. Pertanto, da un punto di vista giuridico, il sostegno agli insorti è illegale, mentre è consentita la cooperazione con le autorità locali .

Inoltre, secondo alcuni esperti, è consentito  intervenire nella lotta contro i militanti ISIS – ma solo se la Siria non riesce da sola a contrastare iterroristi. In questo senso, gli Stati Uniti si riferiscono alle Nazioni Unite per un esteso diritto all’autodifesa. Tuttavia, a causa del fatto che la Siria conduce l’azione militare contro l’ISIS, questa posizione è discutibile, dal punto di vista del diritto internazionale, secondo Das Erste. Inoltre, secondo le competenze degli avvocati del Bundestag il giustificare l’azione militare – da un riferimento al diritto all’autodifesa è più difficile  – giacchè ormai dal momento che l’isis in Siria ha perso gran parte del suo dominio territoriale .

Il canale televisivo tedesco osserva che queste considerazioni  tutto ciò può avere conseguenze di legittimità per giustificare la partecipazione della Bundeswehr alle operazioni militari in Siria come parte di una coalizione guidata dagli Stati Uniti. In ogni caso, il deputato del Partito della Sinistra, Noah, è sicuro che l’intera coalizione antiterrorismo degli Stati Uniti “sta camminando su qualcosa di più del ghiaccio sottile”. Pertanto. esige che il governo tedesco “lasci le sue esorbitanti fantasie sull’interpretazione del diritto internazionale e la Germania ritorni finalmente sulla strada del diritto internazionale codificato”.

Sembrerebbe che tutto sia così semplice :

  1. Esiste una legge internazionale, che indica gli ambiti legali possibili di intervento.
    2. Esiste un governo sovrano riconosciuto dalla maggior parte dei paesi del mondo.
    3. Esiste un invito ufficiale da parte di un governo legittimo, secondo cui la Russia opera.
    4. E ci sono gli Stati Uniti, che operano senza alcun consenso del governo sovrano, che sponsorizzano organizzazioni terroristiche internazionali.

Ma dal momento che stiamo parlando di Stati Uniti, si inizia  immediatamente a fare distinguo e “riserve”, che permettono di continuare a “camminare sul ghiaccio sottile” con sistematiche violazioni del diritto internazionale.

E per quanto riguarda la Russia – che opera secondo le norme attuali del diritto internazionale (che il Ministero degli Esteri russo sottolinea regolarmente) –  si inizia immediatamente la ricerca di “incongruenze” sotto forma di scuse ridicole per cui “la cooperazione con Assad è certamente ammessa, ma non desiderata”.

È comprensibile il motivo per cui i tedeschi stanno cercando di sedersi su due sedie: dal punto di vista legale, tutto è molto ovvio e lo vedono, lo riconoscono. Ma da un punto di vista reale, la Germania, in quanto paese dipendente dagli Stati Uniti, è costretta a far oscillare il giudizio, giustificando le  avventure militari americane, che nel caso della Siria sono una banale aggressione contro un paese sovrano e il suo governo legittimo.

Separatamente, i passaggi sono stati soddisfatti perchè “l’utilizzo della Bundeswehr in Siria” è stato limitato al contrasto all’ISIS. È interessante il fatto che la Bundeswehr, dopo 7 anni di guerra, abbia dimenticato  il mantra occidentale di rovesciare Assad ma abbia ritenuto solo di dover combattere urgentemente l’ISIS . 

Collegamento sorgente COLONEL CASSAD

Print Friendly, PDF & Email

JOIN THE DISCUSSION

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.