Rifiutando le sanzioni all’Iran, l’Unione europea vieta alle società europee di rispettarle

By ZeroHedge.com

Come avevamo riportato nel nostro precedente articolo  è avvenuta una rabbiosa discussione in sede europea alle sanzioni unilaterali contro l’Iran di Trump, in cui il commissario al bilancio dell’Unione europea, Guenther Oettinger, ha chiarito che l’Europa non sarà considerata uno stato vassallo degli Stati Uniti, ed ha detto “Se facciamo un passo indietro, se accettiamo, se diventiamo una specie di partner minore degli Stati Uniti, allora siamo persi”, in sostanza Guenther Oettinger ha affermato che “Trump disprezza i deboli. Così, pochi istanti fa la Reuters ha riferito che la Commissione europea avrebbe lanciato domani il processo di attivazione di una legge che vieta alle compagnie europee di aderire alle sanzioni statunitensi contro l’Iran non riconoscendo alcuna sentenza  che impone sanzioni americane.

“Come Commissione europea abbiamo il dovere di proteggere le aziende europee. Ora dobbiamo agire e questo è il motivo per cui stiamo avviando il processo di attivazione dello “statuto di blocco” del 1996. Lo faremo domani mattina alle 10:30 “, ha affermato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker.

Intervenendo alla conferenza stampa dopo una riunione dei leader dell’UE in Bulgaria, Juncker ha aggiunto che “ha anche deciso di consentire alla Banca europea per gli investimenti di facilitare gli investimenti delle società europee in Iran. La stessa Commissione manterrà la sua cooperazione con l’Iran “.

La posizione intransigente dell’Europa farà infuriare Trump, poiché l’annullamento effettivo delle sanzioni americane da parte di Bruxelles scatenerà una violenta reazione di Trump, che ha bisogno dell’Europa schierata dalla sua parte se vuole che  le sanzioni statunitensi contro Iranpossano avere qualche possibilità di successo.

Forse avvertendo ciò che sta arrivando, il presidente francese Emmanuel Macron ha assunto un tono leggermente più morbido e ha detto che la difesa francese dell’accordo nucleare iraniano si basa su preoccupazioni per la sicurezza e la stabilità, non sul commercio, e che l’accordo dovrebbe essere integrato ed è necessario proseguire i negoziati, compreso il programma missilistico.

Il presidente francese ha affermato che “l’Unione europea ha deciso di preservare l’accordo nucleare e difendere le società europee” aggiungendo che “il nostro principale interesse per l’Iran non è nel commercio, ma nel garantire la stabilità nella regione, allo stesso tempo, non diventeremo un alleato dell’Iran contro gli Stati Uniti. ”

“La mia priorità non è commerciale, è geopolitica e strategica. Riguarda la stabilità, si tratta di favorire un’apertura della società iraniana. Gli intransigenti in Iran erano i più contrari a questo accordo “.

“Abbiamo avuto una vivace discussione sull’Iran. L’accordo nucleare del 2015 è un elemento cruciale per la pace e la sicurezza nella regione. Abbiamo deciso di appoggiarlo a prescindere dagli Stati Uniti, “ha affermato il presidente francese al suo arrivo al vertice di Sofia. “Ci siamo impegnati a prendere le misure politiche necessarie affinché le nostre aziende rimangano in Iran”.

Macron ha anche detto che l’accordo nucleare con l’Iran non deve essere solo preservato, ma anche integrato e ampliato per includere metodi per risolvere il problema missilistico e domande sul ruolo dell’Iran nella regione.

“Le società internazionali con interessi in molti paesi fanno le proprie scelte in base ai propri interessi. Dovrebbero continuare ad avere questa libertà “, ha aggiunto, chiarendo che le società europee non saranno soggette alle sanzioni degli Stati Uniti, anche se tale decisione spetta in ultima analisi agli Stati Uniti.

Tuttavia ha detto che non costringerà le compagnie a rimanere in Iran se gli Stati Uniti dovessero re-imporre le sanzioni; “Il Presidente della Repubblica non è il direttore generale di Total.”

Allo stesso modo, la Francia e l’UE non hanno intenzione di imporre sanzioni o contro-sanzioni alle società statunitensi per la re-imposizione delle sanzioni degli Stati Uniti sull’Iran, ha detto Macron.

Ma le osservazioni più ‘fini’ di Macron sono state che la decisione iraniana di Trump rafforza sia la Russia che la Cina nella regione.

E ora che l’Europa si è apertamente ribellata alle sanzioni di Trump, ci si chiede quanto tempo prima che la vendita di petrolio riprenderà, poiché sta diventando sempre più chiaro che a differenza del 2012, l’Europa – e la maggior parte dell’Asia – continuerà a comprare petrolio iraniano, suggerendo che il declino delle esportazioni iraniane saranno al massimo di alcune centinaia di migliaia di barili, un numero che ci aspettiamo ridursi a zero, dato che l’Iran offre prezzi sempre più favorevoli ai suoi clienti non-USD paganti, soprattutto ora che  la domanda di petrolio asiatico è alle stelle .

Foto in alto | Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian, lasciato, siede accanto al capo della politica estera dell’Unione europea, Federica Mogherini, durante un incontro dei ministri degli esteri di Gran Bretagna, Francia e Germania con il ministro degli Esteri iraniano all’edificio Europa a Bruxelles, 15 maggio 2018. (AP / Olivier Matthys)

© ZeroHedge.com

Il post Rejecting Iran Sanctions, European Union Bans European Companies From Complying è apparso per la prima volta su MintPress News .

Print Friendly, PDF & Email