I ‘ribelli’ attaccano il corridoio umanitario nel Ghouta orientale

I militanti attaccano il corridoio umanitario nella Ghouta orientale

La sospensione umanitaria nell’area di Ghouta orientale di Damasco, assediata dai ribelli e assediata dai ribelli, è entrata in vigore, secondo un corrispondente dello Sputnik.
Il generale russo Viktor Pankov ha affermato che i civili non possono lasciare la Ghouta orientale poiché i corridoi umanitari sono stati bombardati dai militanti.

“Alle 9 del mattino del 27 febbraio è stato aperto un corridoio umanitario per il rilascio di civili dalla zona di allentamento. Attualmente i militanti lanciano bombardamenti intensi e non è uscito un solo civile “, ha detto il generale ai giornalisti.

Il Centro di riconciliazione russo ha anche aggiunto che i militanti hanno lanciato più di 20 bombe di mortaio e continuano a bombardare Damasco dalla zona di Ghouta orientale.

“Nonostante le provocazioni, le forze del governo siriano hanno rispettato il cessato il fuoco a partire dalle 9 del mattino e non hanno risposto ai bombardamenti, rispettando la pausa umanitaria [le 5 ore ordinate da Putin]. Il Centro di riconciliazione russo garantisce la sicurezza a tutti i civili e ai feriti, che sono pronti a lasciare la zona di Ghouta orientale e sollecita i gruppi armati a cessare il fuoco e a non ostacolare l’evacuazione “, ha affermato il centro di riconciliazione.

Lunedì, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha affermato che una nuova pausa umanitaria quotidiana nella Ghouta orientale sarebbe iniziata martedì dalle 09:00 alle 07:00 GMT fino alle 14:00, eseguendo l’ordine  del presidente russo Vladimir Putin. La sicurezza all’uscita dal corridoio umanitario dovrebbe essere fornita dalla polizia militare russa e dall’esercito siriano.

Sabato, il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha adottato all’unanimità una risoluzione che invita tutte le parti coinvolte a cessare il fuoco e ad aderire a una pausa umanitaria a lungo termine sull’intero territorio della Siria, al fine di garantire la fornitura sicura e senza ostacoli di aiuti umanitari e evacuazione medica dei feriti. Tuttavia, la risoluzione 2401 non si applica alla lotta contro i gruppi designati come “terroristi” dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Il ministero della Difesa russo aveva precedentemente affermato che, nonostante l’accordo, i ribelli di Jaysh al-Islam continuavano a bombardare.
“Nonostante le dichiarazioni di riconciliazione rilasciate da Jaysh al-Islam, gli insorti continuano a bombardare i mortai dal territorio controllato che ha colpito la città di Damasco. Quattro persone hanno perso la vita, più di 50 sono rimasti feriti, tra cui 16 bambini [in una settimana]”, si legge nella dichiarazione del ministero .
Secondo il Ministero, i gruppi armati illegali hanno anche preso di mira l’esercito siriano in vari siti sulla linea di contatto, mentre le posizioni di Damasco presso gli insediamenti di Hazrama e Nashabiyah sono state attaccate da autobombe.

“Nonostante la risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’ONU sull’istituzione di un cessate il fuoco di 30 giorni in Siria, la situazione nella Ghouta orientale continua ad aggravare” il portavoce del centro di riconciliazione russo il generale Yuri Yevtushenko ha detto in un incontro quotidiano lunedì.

In precedenza, Mosca aveva avvertito che i militanti nella regione si stavano preparando a lanciare un provocatorio attacco chimico che pensano di incolpare del governo siriano, secondo un rapporto diffuso ieri dal Centro russo di riconciliazione per la Siria:

“I dati a nostra disposizione indicano che i leader delle unità militanti stanno preparando una provocazione che comporterà l’utilizzo di armi chimiche per accusare le forze governative di dispiegare armi chimiche contro civili pacifici.”

L’esercito russo ha notato che i gruppi terroristici erano cercando di indebolire il cessate il fuoco, tentando di provocare un contraccolpo dall’esercito siriano.

fonte: almasdarnews.com

Print Friendly, PDF & Email